Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Jornada – un incendio che distrugge quasi 700 mila ettari di foreste in Europa

Parigi. Mentre l’alta stagione degli incendi continua, lo stock temporaneo di ettari bruciati in Europa ha superato i 660.000 ettari da gennaio, un record a questo punto dell’anno dall’inizio della raccolta dei dati satellitari nel 2006.

Dal 1° gennaio, gli incendi hanno distrutto 662.776 ettari di foresta in tutta l’Unione Europea, secondo i dati aggiornati ieri dall’European Forest Fire Information System (Effis, in inglese in breve), che compila statistiche comparabili dal 2006 grazie alle immagini satellitari del Copernicus programma europeo.

La zona più colpita dagli incendi è stata la Penisola Iberica. In Spagna, che ha subito due grandi ondate di caldo quest’estate tra giugno e agosto, sono stati bruciati 246.278 ettari, principalmente nelle regioni della Galizia, Zamora ed Estremadura. La situazione è migliorata negli ultimi giorni con temperature più basse.

In Portogallo, i vigili del fuoco hanno impiegato una settimana per controllare un incendio nel Parco Naturale della Serra da Estrela, riconosciuto dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, che ha bruciato 17.000 ettari.

La Francia ha avuto anni peggiori negli anni ’70, prima dell’istituzione di dati standardizzati a livello europeo. Ma secondo quei numeri, il 2022 è il peggiore degli ultimi 16 anni, in gran parte a causa di due incendi consecutivi nella provincia della Gironda, vicino a Bordeaux, che questa settimana hanno richiesto rinforzi da parte dei vigili del fuoco tedeschi, polacchi e austriaci.

La situazione era altrettanto eccezionale nell’Europa centrale. A luglio, i vigili del fuoco hanno impiegato più di 10 giorni per prendere il controllo del più grande incendio nella storia della Slovenia moderna, con l’aiuto dei residenti mobilitati così entusiasticamente che il governo ha dovuto chiedere ai residenti di interrompere le donazioni ai vigili del fuoco.

READ  Dubbi su nuove misure contro la minaccia della variabile delta e sul numero di test non dichiarati

Poiché non c’erano aerei specializzati per combattere gli incendi, la Slovenia ha dovuto chiedere aiuto alla Croazia, che ha inviato un aereo prima di restituirlo per spegnere gli incendi.

In termini di superficie bruciata, la Spagna viene dopo Romania (150mila e 528 ettari), Portogallo (75mila e 277 ettari) e Francia (61mila e 289 ettari).

Jesus San Miguel, coordinatore di Efes, spiega all’Afp che se si prende il periodo estivo, “il 2022 è già un anno record”.

Il record precedente in Europa risale al 2017, quando al 13 agosto sono stati bruciati 420.913 ettari e 988.087 ettari in un anno.

Gli attivisti per il clima affiliati a Extinction Rebellion hanno preso provvedimenti contro diversi campi da golf nel sud della Francia, riempiendo buche di cemento per protestare contro le deroghe alle restrizioni idriche durante una delle peggiori siccità della storia. Extinction Rebellion Toulouse ha pubblicato una foto su Twitter che mostra una buca da golf piena di cemento e un cartello che diceva: “Questa buca sta bevendo 277.000 litri. Bevi troppo? #Stop golf”.

Il quotidiano britannico riporta che il Lago di Garda, il lago più grande d’Italia, leggenda di romani e tedeschi e una calamita per turisti e celebrità, ha abbassato i livelli dell’acqua a causa della peggiore siccità del Paese da decenni. indipendente.

Le autorità incanalarono l’acqua dal Lago di Garda nel fiume Po e, sebbene avessero già interrotto la pratica, le forze del Garda furono danneggiate. “La siccità è qualcosa che dobbiamo affrontare quest’anno, ma la stagione turistica non è in pericolo”, ha affermato David Bednelly, sindaco di Garda.

Tuttavia, il 20 luglio, Bednelly ha scritto su Facebook che il lago perde due centimetri d’acqua al giorno. La temperatura del lago venerdì era di 26 gradi Celsius, di solito in quel momento era di 22 gradi, e ora è vicino a 27 gradi, una temperatura vicina alla temperatura del Mar dei Caraibi.

READ  I ricercatori sviluppano un potenziale trattamento per l'HIV basato su una singola iniezione

Le autorità sudanesi hanno affermato che almeno 52 persone sono rimaste uccise e 25 ferite a causa delle piogge torrenziali che hanno colpito il Paese.