Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Rete degli Scienziati Argentini in Italia (RCAI) aderisce alla formulazione del Piano Nazionale di Scienza, Tecnologia e Innovazione 2030

La Rete degli Scienziati Argentini in Italia (RCAI) aderisce alla formulazione del Piano Nazionale di Scienza, Tecnologia e Innovazione 2030

Il Ministro della Pianificazione e delle Politiche nel campo della Scienza, Tecnologia e Innovazione presso il Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione, Diego Hurtado, e l'Ambasciatore argentino in Italia, Roberto Carles, insieme ai membri della Rete degli scienziati argentini in Italia ( RCAI) e rappresentanti del Ministero della Scienza, Tecnologia e Innovazione hanno partecipato ad un incontro virtuale con l'obiettivo di tracciare assi di lavoro e cooperazione tra i vari soggetti, sulla base del rilancio del programma RAICES avvenuto nel dicembre 2020.

L'incontro si è aperto con l'intervento del Direttore nazionale per la Promozione delle Politiche della Scienza, Carina Pombo, che ha presentato il lavoro di cooperazione internazionale portato avanti e ha proposto l'ordine del giorno dell'incontro.

A sua volta, Carles ha sottolineato le azioni coordinate attraverso la RCAI volte a illustrare iniziative nel campo della scienza, della tecnologia e dell'innovazione per i residenti in Italia, con l'agenda bilaterale proposta da MINCyT. Ha notato che è guidato dal suo lavoro in Italia “Un’ampia agenda federale incentrata su progetti di cooperazione bilaterale, in particolare su questioni di tecnologia alimentare, transizione energetica, economia sostenibile, conservazione del patrimonio culturale e osservazione della Terra dallo spazio, tra le altre aree e argomenti”..

Poi è toccato a Hurtado determinare le principali linee di lavoro e la direzione della politica scientifica in questa nuova fase. Ha sottolineato la necessità di una costruzione collettiva e concertata a livello nazionale, con una forte componente federale nel Piano nazionale per la scienza, la tecnologia e l’innovazione 2030. “Il nostro obiettivo è lavorare su un'agenda di produzione della conoscenza che risponda alle richieste regionali, regionali e settoriali per definire gli assi strategici che guidano la scienza e la tecnologia come politica statale. In questo schema, il federalismo e la partecipazione attiva delle reti di scienziati all'estero hanno un ruolo posto centrale nella costruzione politica..

Quindi, il capo dello staff del segretariato per la pianificazione e le politiche di scienza, tecnologia e innovazione, Diana Español, ha condiviso i sei temi che guideranno il lavoro di RAICES nel 2021. Tra questi: rafforzare la partecipazione di reti di scienziati e scienziati all'estero nella costruzione politica nazionale e articolazione tra reti per discutere questioni trasversali e collegare reti con università e istituti di ricerca.

READ  I trapianti scompariranno nella medicina futura?

Sabatino Alfonso Anikiarico ha tenuto la presentazione di RCAI, che ha evidenziato il percorso intrapreso dalla rete fin dalla sua fondazione nel 2014, le attività e le iniziative realizzate e gli accordi stipulati con enti e istituzioni nell'ambito del programma di lavoro della rete.

Questa è stata la base per uno scambio proposto da diversi membri della rete con Diego Hurtado, che ha affrontato i criteri per il trasferimento tecnologico dalla scienza alla società, la possibilità di espandere la rete con nuovi membri di altre discipline, i meccanismi per canalizzare donazioni e contributi, tra altri argomenti.

In conclusione, il Segretario ha sottolineato che anche la nuova impronta del RAICES è destinata a essere raggiunta “Costruire ponti di comunicazione, riconoscendo, scambiando e diffondendo le iniziative emerse dalle reti, per evidenziare e valorizzare il lavoro svolto nel quadro delle attività di cooperazione bilaterale”.