Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La partenza di Paolo Taviani lascia l'Italia orfana del cinema viscerale e commovente – Diario El Ciudadano y La Region

La partenza di Paolo Taviani lascia l'Italia orfana del cinema viscerale e commovente – Diario El Ciudadano y La Region

Nel 2018, il regista italiano Paolo Taviani, uno dei due “Fratelli Taviani”, due registi che hanno girato insieme per più di 60 anni e sono noti per aver prodotto alcuni dei film più interessanti di quel genere dai tempi del Neorealismo (1945). -1955) e la cosiddetta età dell'oro – con nomi come Federico Fellini, Michelangelo Antonioni, Pier Paolo Pasolini, Luchino Visconti, Bernardo Bertolucci, Marco Ferri – ha detto durante una presentazione retrospettiva di entrambi. Le loro riprese in Catalogna, Spagna: “Ho 87 anni e ho un futuro molto lungo. Spero di avere tempo per fare molti film, perché quando guardo tutti i film che abbiamo fatto, non ne faremo più, e questo non mi piace”, dice, sfoggiando un sorriso contagioso. ridere. .

Suo fratello Vittorio è stato investito da un'auto ed è stato ricoverato in ospedale, quindi non ha potuto viaggiare. Morì pochi mesi dopo, non riuscì mai a riprendersi e la sua salute peggiorò gradualmente. Quel “lunghissimo futuro” atteso da Paolo può dirsi durato più di cinque anni, perché il 29 febbraio anche lui se n'è andato da questo mondo, all'età di 92 anni, lasciando dietro di sé il modo e la visione di fare cinema. Serio e critico nei confronti di quel Paese europeo e della sua stessa esistenza. A parte Marco Bellocchio, è l'unico regista di quella generazione che continua a girare all'età di 84 anni senza perdere un briciolo di lucidità.

Paolo e Vittorio hanno girato tantissimo e nei loro titoli ci sono alcuni gioielli del cinema. Probabilmente il più memorabile Padre Padrone (1977), vincitore della Palma d'Oro a Cannes e del Premio Fibreschi nella stessa cerimonia. Anche se le riprese risalivano alla metà degli anni Cinquanta, è stato il film a catapultarli alla ribalta internazionale. Con un attore feticcio a interpretare per loro, l'interessantissimo Omero Antonutti, che reciterà anche lui Notte di San Lorenzo, Caos E Buongiorno BabiloniaLe prossime grandi opere di Taviani -, la storia ha un certo contesto mitico e si basa sul rapporto padre-figlio incentrato sullo stampo del ferro e sulla disciplina disumana che un contadino analfabeta impone a suo figlio. Impedisce l'istruzione perché considera “pericoloso” il contatto di suo figlio con la realtà sociale prevalente.

READ  Sale a 9 il bilancio delle vittime del parto dei ghiacciai italiani

Il film è stato “ritardato” per un po' a causa della censura da parte della dittatura argentina, e in seguito si è saputo che un paio di scene erano state tagliate. Fotografia e meteo Padre Padrone Sebbene Taviani imponga un trattamento uniforme, essi hanno un debito nei confronti del neorealismo, che diventerà gradualmente uno stile riconoscibile nei film successivi.

Vittorio e Paolo si prendono una pausa

In Spagna all'epoca, Paolo racconta del lavoro con Vittorio: “Quando giriamo lasciamo tutto dietro, sempre come l'ultimo film, l'emozione, la freschezza che determina ogni scena, la forza di farla come vogliamo, ci commuove, non lo concepiremmo diversamente. Abbiamo sempre cercato di esprimere la motivazione che proviamo.

In quell’occasione, alla domanda se secondo lui le tematiche dei film rispondessero alle stesse motivazioni, il veterano regista rispose: “Posso dire che abbiamo sempre fatto lo stesso film, ma è diviso in episodi diversi. Mio fratello ed io camminiamo molto in un grande parco vicino a dove viviamo, parlando dei nostri film o di un progetto imminente mentre portiamo a spasso i nostri cani. Si parla della realtà socio-politica italiana e del mondo, di cosa leggiamo, dei film che guardiamo, e in passato si parlava anche di donne.

Per quanto riguarda il metodo di lavoro a quattro mani, durante le riprese di una sceneggiatura scritta dai due, prima hanno rivisto i fotogrammi, poi hanno distribuito i compiti e talvolta hanno girato lo stesso film ogni giorno. “Le persone che lavorano con noi sanno che quando uno dirige, tutti dovrebbero dirigere uno e non l'altro”, hanno spiegato. Durante le riprese hanno dato l'esempio di Marcello Mastroianni Allansonfan (1973), film ambientato durante le guerre napoleoniche, enfatizza la classe operaia dell'epoca, dove un grande attore interpreta un aristocratico decadente. Mastroianni non dimenticava mai chi dirigeva il giorno prima, quindi sapeva a chi rivolgersi se avesse avuto domande il giorno successivo.

READ  I migliori ristoranti d'Italia nel 2023

Sempre onesti in quello che pensavano, dissero che se il cinema italiano si fosse sviluppato in periodi diversi, non sarebbe stato grazie ai governi italiani al potere, ma li avrebbe sfidati. Quando (Silvio) Berlusconi era presidente, gli italiani avevano molte controversie sulla cinematografia del loro paese, e per lui l'unica cosa che contava era che il cinema fosse intrattenimento. I Taviani risposero che quella non era l'immagine dell'Italia da far conoscere all'estero, che era la loro, e che cercavano solo il profitto che un film poteva ricavare.

Allo stesso tempo Paolo aveva un’ipotesi su buona parte del cinema italiano: “Vedo il cinema italiano come un albero che affonda le sue radici nel neorealismo. La cultura italiana ha tre pietre miliari: Rinascimento, Melodramma e Neorealismo sono i tre pilastri maggiori. Quest'albero è cresciuto per molti anni, e poi un uragano ha spezzato tutti i rami”, ha detto, riferendosi ad alcuni dei nuovi registi che cercano di compiacere Hollywood e di mettere da parte interessi onesti e potenziali.

È il secondo miglior film che abbiano mai realizzato, con un approccio profondamente umanistico al rapporto tra uomini Notte di San Lorenzo (1982), una storia drammatica su un gruppo di una cittadina toscana che cerca di fuggire da una zona occupata dai tedeschi e dalla loro micidiale aviazione. La storia è emozionante e presenta momenti in cui la crudeltà umana è esposta a limiti inimmaginabili. Il film ha vinto il Gran Premio della Giuria e il Premio della Giuria Ecumenica al Festival di Cannes e ha vinto il Premio Davide di Donatello assegnato dall'Accademia del Cinema Italiano.

Poi arriverà Caos (1984), un affascinante adattamento di alcuni racconti del drammaturgo Luigi Pirandello in una sorta di bellissimo omaggio cinematografico, e girato nel 1987. Buongiorno, Babilonia, che racconta le avventure di due fratelli italiani che, dopo aver vinto sui set di Hollywood per il regista DW Griffith, devono combattere su fronti opposti nella Seconda Guerra Mondiale. Un'opera d'arte perfetta per ricreare il tempo e le emozioni di un universo cinematografico da un altro universo cinematografico.

READ  Mondiali di ciclismo 2020: l'Italia tratta il Belgio al "suo" Mondiale: "Quello che vuole il tuo Paese non è facile"

Spiccano due titoli degli anni Novanta, Contatti selezionati (1996), sul romanzo di Goethe, gestiscono con delicatezza e intelligenza le incomprensioni emotive tra due coppie; E sorridi (1998), film in due episodi in cui racconta la storia di un baritono nella Roma degli anni '30 che non canta più perché il suo cuore gli è venuto meno e vive nella disperazione. Di notte ride nel sonno, anche se non riesce a ricordare perché lo fa. Il secondo episodio è incentrato sul rapimento di un ragazzino di dodici anni nella Sicilia contemporanea e mette in luce il potere apparentemente infinito della mafia.

L'ultimo titolo importante di Taviani, anche se un altro dopo, è stato Il meraviglioso Boccaccio (2015), girato da entrambi – Caesar Must Die (2012), una sorta di docu-fiction registrata interamente nel carcere romano di massima sicurezza di Rebbia, dove tentano di mettere in scena una prova generale dei detenuti e una versione delle opere di Shakespeare. Giulio Cesare. Il risultato è commovente e viscerale basato sull'intrinseco rapporto tra lo spessore drammatico dell'opera eseguita e il dramma dei prigionieri privati ​​della libertà.

Nel 2017 Paolo ha filmato da solo mentre suo fratello era costretto a letto a causa di un incidente Questione personale, come dichiarerà in seguito, si è consultato con Vittorio sull'orientamento della sceneggiatura e sulla sua struttura. Prova assoluta che i due formavano una coppia creativa basata sul riconoscimento delle capacità individuali di sviluppare progetti e realizzarli.

Con la morte di Pavlo, un modo radicale di guardare la realtà, con le risorse di una ricca immaginazione, finisce per ricercare la singolarità del suo squilibrio. Concettualmente e metodicamente Paolo e Vittorio sembrano uno, ma sono due, e la somma dei due ha prodotto alcuni dei film più potenti dell'ultimo mezzo secolo di cinema italiano.