Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La minaccia cinese cresce negli oceani: predazione e sfruttamento lavorativo della più grande flotta peschereccia del mondo

La minaccia cinese cresce negli oceani: predazione e sfruttamento lavorativo della più grande flotta peschereccia del mondo

La Cina ha la flotta peschereccia più predatoria del mondo

È sempre più evidente che la flotta peschereccia cinese è la più predatoria del mondo. Oltre agli abusi sugli oceani, Pechino è anche accusata di sottoporre i suoi lavoratori marittimi a condizioni simili alla schiavitù.

Rapporti recenti preparati dal progetto Luce del mare L’Organizzazione Internazionale del Lavoro delle Nazioni Unite, Lo afferma in un articolo pubblicato dalla rivista NewsweekCiò spiega la crescente minaccia cinese.

SeaLight, che opera sotto il Gordian Knot Center for National Security Innovation dell’Università di Stanford, ha affermato che la pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (IUU) viene commessa da navi cinesi in tutta la regione Asia-Pacifico, comprese le zone economiche esclusive (ZEE). Paesi.

In conformità con le disposizioni della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare del 1982, Le zone economiche esclusive sono quelle aree marine che si estendono per 200 miglia oltre la costa del paese. Quel paese ha anche il diritto esclusivo di sfruttare le risorse sottomarine di quella zona.

Linda FaganIl comandante della Guardia costiera statunitense aveva avvertito all’inizio di quest’anno che le piccole nazioni insulari non hanno risorse sufficienti per far rispettare i loro territori esclusivi di fronte alla minaccia e allo sfruttamento della flotta cinese. Con una flotta di oltre mezzo milione di navi, è, secondo Fagan, “uno dei peggiori trasgressori” della pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata.

“I furti marittimi devono essere identificati e denunciati sia a livello regionale che globale (…) Le risorse naturali saranno protette solo quando i paesi aumenteranno la loro cooperazione nei pattugliamenti marittimi e nello scambio di informazioni, monitorando al tempo stesso le conseguenze legali ed economiche”. Indicò le flotte Kevin Eadesautore di SeaLight.

Una nave della Guardia costiera cinese tenta di intercettare una nave da rifornimento filippina, lasciata, in viaggio verso Second Thomas Shoal, conosciuta localmente come Ayungin Shoal, nelle acque contese nel Mar Cinese Meridionale, il 22 agosto 2023 (AP Photo/Aaron Favela)

In quella linea, Ray PowellIl direttore di SeaLight ha aggiunto che la flotta cinese è responsabile di gran parte delle operazioni di pesca a strascico a livello mondiale. Come dettagliato, il gigante asiatico rappresenta il 28% del pescato mondiale.

READ  Janet Yellen ha confermato che gli Stati Uniti potrebbero andare in default il 1° giugno

Un’inchiesta pubblicata dalla rivista lo scorso anno Giornale internazionale di biologia, agricoltura e scienze della saluteE lo ha rivelato Quasi la metà delle 3.000 navi cinesi che pescano al di fuori delle acque cinesi sono “dedite alla pesca a strascico”. Un gran numero di queste navi sono di proprietà statale.

“Tutte le piante e gli animali che vivono sul fondo sono colpiti, se non direttamente distrutti, dalla distruzione dei sistemi radicali o delle tane degli animali”, ha affermato l’USGS.

Secondo SeaLight, questa pratica sta impoverendo le popolazioni ittiche globali.

Inoltre, nei suoi sforzi per far valere le sue rivendicazioni territoriali e marittime, La Cina ha intrapreso una campagna durata anni per la costruzione di isole artificiali su richiesta di Xi Jinping. Il gigante asiatico rivendica quasi tutto il Mar Cinese Meridionale, nonostante le rivendicazioni di Filippine, Vietnam e Malesia, senza tenere conto della sentenza internazionale del 2016 contro di lui.

In questo contesto, il rapporto indica proprio questo Aumentare la cooperazione internazionale nei pattugliamenti marittimi e nello scambio di informazioniOltre a perseguire conseguenze legali ed economiche, può proteggere le risorse nazionali vitali dalle flotte pescherecce predatorie.

Ad esempio, la Guardia costiera filippina è intervenuta documentando le condizioni di deterioramento degli ecosistemi marini e le attività delle navi cinesi in aree come Sabina Shoal e Iroquois Reef.

L’ultimo incidente tra Cina e Filippine si è registrato lo scorso ottobre, quando i due Paesi si accusarono a vicenda di essersi scontrati con due navi nel Mar Cinese Meridionale. Gli incidenti sono avvenuti nelle Isole Spratly, a circa 25 chilometri dall’Atollo Secondo Thomas, dove ha sede la Marina filippina e dove Pechino ha schierato navi per rivendicare quasi tutto il mare.

READ  Il falso commento sessuale di Bolsonaro su Lula nel dibattito presidenziale: "È impotente"

Lo indica da parte sua uno studio dell’Organizzazione internazionale del lavoro delle Nazioni Unite Il regime cinese è complice delle pratiche di lavoro forzato all’estero. Secondo quanto indica il rapporto, i lavoratori delle flotte pescherecce sono più esposti al rischio di sfruttamento in acque lontane, poiché trascorrono mesi in mare, lontani da qualsiasi supervisione o interferenza legale.

Dall’indagine è emerso che delle 138 imprese di pesca accusate di lavoro forzato, il 35% erano cinesi, il 10% taiwanesi, l’8% tailandesi, il 6% sudcoreani e il 5% spagnoli.

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, 128.000 pescatori in tutto il mondo affrontano minacce di violenzaSchiavitù per debiti, straordinari eccessivi e altre condizioni tipiche del lavoro forzato.

La Cina ha migliaia di navi che depredano gli oceani di tutto il mondo (Outlaw Ocean Project)

“Stiamo ancora una volta assistendo alla realtà straziante di ciò che sta accadendo su alcuni pescherecci commerciali in alto mare, il che è del tutto inaccettabile (…) Il lavoro forzato e altre violazioni dei diritti umani non dovrebbero essere il prezzo della cena dei marittimi”. Egli ha detto. Beth Lowellvicepresidente del gruppo ambientalista statunitense Oceana, in merito al rapporto dell’Alliance for Financial Transparency, un’organizzazione no-profit con sede a Washington che monitora i flussi di denaro illeciti.

In questo lavoro, la coalizione ha avvertito che il lavoro forzato nel settore della pesca – che può includere violenza fisica, schiavitù per debiti o condizioni di lavoro e di vita abusive – “è diventato una vera crisi umanitaria”.

Nonostante queste lamentele, il regime di Xi Jinping continua con il suo piano ambizioso. In questo senso, La Cina sta producendo navi da pesca e da guerra a un ritmo sorprendente che nessun paese può eguagliareSecondo i dati sulla costruzione navale di vari settori.

READ  Lula propone una moneta unica per accelerare l'integrazione | Opinione

L’espansione della sua potenza navale, sia per scopi commerciali che militari, ha reso la Cina il più grande armatore al mondo in termini di stazza. Avvisare Newsweek In un altro articolo pubblicato questo mese. La situazione è peggiorata dopo il 2016, quando il regime ha emesso un decreto legge che consente di mettere la flotta mercantile cinese al servizio dell’agenda della difesa nazionale.

Negli ultimi dieci anni, la Marina dell’Esercito popolare di liberazione cinese ha superato del 25% la flotta degli Stati Uniti. Con un tonnellaggio totale di oltre un milione di tonnellateCiò a fronte degli 800.000 negli Stati Uniti, secondo un’analisi di Tom Shugart, ricercatore associato presso il Center for a New American Security.

Nel frattempo, il Ministero della Difesa nordamericano stima che il colosso asiatico continuerà ad aumentare il numero delle sue navi da 395 nel 2025 a 435 nel 2030.

L’espansione delle capacità navali della Cina va di pari passo con la sua ricerca di accesso ai porti di tutto il mondo.