Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La metà degli adulti in Europa è stata vaccinata, una variante delta che minaccia la guarigione

Cimitero per le vittime del COVID-19 a Giacarta il 22 luglio 2021 afp_tickers

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2021 – 15:59

(AFP)

La metà degli adulti europei, 200 milioni di persone, è vaccinata contro il Covid-19, ma la variante delta rischia di ritardare il ritorno alla vita normale e la ripresa economica.

“Finora, 200 milioni di persone sono state completamente vaccinate” nell’Unione europea, ha affermato giovedì la Commissione europea.

Ciò corrisponde alla vaccinazione completa del “54,7% degli adulti” e il comitato mira a vaccinare il 70% degli adulti quest’estate.

La variante delta, identificata per la prima volta in India, ha causato una nuova ondata di infezioni in molti paesi, in particolare in Europa e negli Stati Uniti, e sta rallentando la ripresa prevista, portando ad esempio a carenza di manodopera nel Regno Unito.

“La ripresa dell’economia è sulla buona strada”, ha affermato Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea. “Ma l’epidemia continua a gettare un’ombra, soprattutto perché la variabile delta è una fonte crescente di incertezza”, ha aggiunto.

In Gran Bretagna, centinaia di migliaia di casi di contatto sono stati costretti a dieci giorni di isolamento, paralizzando l’economia, lasciando vuoti gli scaffali dei supermercati e tagliando le condutture a Londra a causa della carenza di personale e dell’aumento dei tempi di risposta della polizia.

Il governo britannico, che ha revocato quasi tutte le restrizioni, è ora sotto pressione per allentare le regole di quarantena.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha descritto il numero di nuovi casi come una “crescita esponenziale” e ha affermato che si tratta di una “dinamica preoccupante”.

Da metà luglio, il numero giornaliero di nuovi casi in Germania ha superato la media di 1.000 e giovedì ha raggiunto 1.890.

– Coprifuoco esteso a Barcellona –

Questo numero è molto inferiore a quello della Francia, impantanata in una “quarta ondata”, secondo il primo ministro Jean Castix, dopo alcune settimane di allentamento delle restrizioni.

Il numero di infezioni nel paese è aumentato del 140% in una settimana e giovedì ci sono state 21.909 nuove infezioni entro 24 ore, che il paese non vedeva dal 5 maggio.

Tuttavia, in Francia, come in altri paesi dove le persone a rischio sono già state vaccinate, il numero di ricoveri o decessi non è in aumento.

In Spagna, che ha già vaccinato 25 milioni di persone – più della metà della popolazione – il sistema giudiziario giovedì ha autorizzato il coprifuoco notturno a Barcellona e in gran parte della Catalogna da estendere per un’altra settimana, accogliendo la richiesta del governo del governo regionale di combattere per settimane contro un’esplosione di contagi.

L’Italia, da parte sua, richiederà la vaccinazione dal 6 agosto per entrare in spazi chiusi come bar e ristoranti.

– Scommetti sulla vaccinazione –

In America Latina, che ha registrato un totale di 1,3 morti e oltre 39,7 milioni di infetti, secondo l’ultimo conteggio dell’AFP, l’Argentina ha affermato giovedì che la Russia aveva ritardato la consegna della seconda dose del quinto vaccino Sputnik in una lettera che lo diceva metteva in guardia contro la rottura del contratto.

In Bolivia, le autorità di La Paz hanno iniziato a chiedere da giovedì l’ingresso allo stadio Hernando Siles, il principale stadio sportivo della Bolivia, un certificato di vaccinazione contro i virus e il divieto di ingresso ai minori di 18 anni.

Le autorità sanitarie del Cile hanno annunciato giovedì che attenueranno le restrizioni ai confini del paese, che sono stati chiusi da aprile, per i cittadini e i residenti vaccinati.

I gruppi negli Stati Uniti contrari all’embargo commerciale di Washington all’Avana hanno annunciato che invieranno 6 milioni di iniezioni di vaccinazione a Cuba, che è stata scossa dalle recenti proteste durante la peggiore crisi economica degli ultimi decenni e un forte aumento dei casi di coronavirus.

Con la rapida diffusione della variante indiana, i governi si stanno concentrando sulla vaccinazione e in alcuni paesi è obbligatoria per gli operatori sanitari.

Migliaia di lavoratori degli ospedali pubblici di New York dovranno presto essere vaccinati contro il COVID-19 o sottoposti a test settimanali.

Il Portogallo, da parte sua, vuole vaccinare i giovani tra i 12 ei 17 anni per iniziare il prossimo anno scolastico.

– Diminuzione dell’aspettativa di vita –

Un anno e mezzo dopo che la Cina ha annunciato i suoi primi casi di coronavirus, le terribili conseguenze di questa epidemia globale, che ha ucciso più di 4,1 milioni di persone, stanno diventando chiare.

L’aspettativa di vita degli americani diminuirà di un anno e mezzo nel 2020, il calo più grande dalla seconda guerra mondiale, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), che attribuiscono gran parte di questo fatto alla pandemia.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha avvertito che il COVID-19 avrà un impatto “a lungo termine e di vasta portata” sulla salute mentale delle persone.

Le origini dell’epidemia rimangono poco chiare.

La Cina giovedì ha criticato la richiesta dell’Organizzazione mondiale della sanità di ulteriori indagini sul suo territorio, definendola una “mancanza di rispetto per il buon senso e l’arroganza verso la scienza”.

Pechino ha nuovamente smentito la teoria della fuga di notizie del laboratorio di Wuhan, un’ipotesi che ha ripreso slancio negli ultimi mesi.

READ  Giornale di oggi | La variante delta tocca il 70% dei casi in Italia