Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quinta sessione. Anno di medicina, tornano le lezioni faccia a faccia e lui non può entrare nel Paese: “In ballo c’è il mio futuro”

Deborah è brasiliana, con residenza temporanea a causa dei suoi studi all’UBA, e non può entrare nel paese per terminare la laurea

L’Università di Buenos Aires (UBA) è la migliore università iberoamericana. I suoi laureati e studiosi sono tra i primi 50 al mondo. È stato in questo posto nella classifica per sette anni consecutivi. Gli stranieri dei paesi vicini sanno che è così Scelsero di immigrare in Argentina per ottenere un’istruzione prestigiosa. Questo è stato il caso di Deborah Correa Loreiro (29)di Brasilia.

Nel marzo 2015, poco dopo aver terminato il liceo, ha deciso di lasciare la sua vita in Brasile per iniziare a studiare medicina all’UBA. “Vengo da una famiglia di medici e so che sono i migliori della zona. Non ho esitato. Ho trascorso un anno al Common Core Course (CBC), ho imparato lo spagnolo e sono già al quinto anno”, ha detto. Infobae dalla sua città natale.

Da quando ha messo piede nel paese, ha affittato Barrio Norte, vicino al Medical College (Paraguay 2155, CABA). “Era l’ideale per studiare, fare pratica e incontrare i compagni di classe”, aggiunge.

Deborah è al quinto anno di laurea in medicina
Deborah è al quinto anno di laurea in medicina

Fino all’arrivo dell’epidemia. Da marzo 2020, le lezioni frontali sono virtuali. “L’adattamento non è stato facile perché negli ultimi anni sono necessarie pratiche mediche. Bisogna visitare l’ospedale, vedere i pazienti…”, ammette.

Di fronte al contesto, nel novembre 2020, senza una data fissa per tornare a esistere, Deborah ha scelto di andare a trovare la sua famiglia come fa ogni anno per le vacanze. “La mia vita è a Buenos Aires, anche se viaggio sempre durante le vacanze estive per vedere mio padre, mia madre e mio fratello”.

READ  Al via il secondo tribunale per professionisti del diploma in medicina materna e fetale - Ministero della Salute Pubblica di Tucumán

Ha acquistato un biglietto tramite Argentine Airlines con data di ritorno a marzo 2021, ma giorni prima il volo è stato cancellato a causa della chiusura del confine con il Brasile. “All’epoca non ero preoccupato perché sapevo che il ritorno alle lezioni non era ancora stato confermato e potevo seguire le mie lezioni virtuali”.

Se Debora non sarà ammessa, dovrà eseguire i parziali e le finali nell'ultima fase della sua carriera gratuitamente.
Se Debora non sarà ammessa, dovrà eseguire i parziali e le finali nell’ultima fase della sua carriera gratuitamente.

Da allora hanno riprogrammato il suo biglietto almeno cinque volte. Il 15 luglio la Facoltà di Medicina ha ripreso la sua frequenza Con i protocolli sanitari richiesti. A Deborah sono state assegnate visite all’ospedale Fernandez che non ha potuto fare perché è bloccata in Brasile. “Ho già comunicato con i miei insegnanti e capiscono la mia situazione perché è al di là di me, anche se hanno già previsto che se non arriverò alle finali parziali, dovrò arrendermi gratuitamente”

Lo studente è in costante contatto con la Direzione dell’Immigrazione e Consolato argentino, senza ottenere una risposta specifica. D’altra parte, la compagnia aerea gli ha dato una probabile data del 12 agosto, Anche se a causa del contesto, i voli per quella data devono ancora essere determinati. “So che non sarà risolto presto e continuerò ad aspettare. Mi dà impotenza e molto dolore. Ho casa e cibo ma il mio futuro è in gioco e gli ultimi due anni della mia carriera sono cruciali per la mia formazione come operatori sanitari”, ammette,

e continua: Non vedo pazienti da marzo e nel 2023 lo sto ricevendo. Questa è una follia. ” Nel frattempo, per non perdere il posto, Deborah continua a pagare l’affitto del suo appartamento a Recoleta È vuoto da novembre.

La circolare che gli hanno mandato dall'UBA
La circolare che gli hanno mandato dall’UBA

Frustrata, e in attesa delle nuove decisioni imposte dal governo nazionale, con altre 125 persone, si unisce al gruppo”Vogliamo tornare a casa” Agisce come contenimento emotivo e scambio di informazioni sull’ingresso dei passeggeri nel Paese.

READ  garage di dottorato? La controversa legge che autorizza i centri di ricerca a rilasciare lauree

Non esiste un numero ufficiale di viaggiatori argentini bloccati all’esteroS. Fonti del Dipartimento di Stato e dell’Immigrazione, consultate da Infobae, hanno chiarito di non avere queste informazioni. Nel frattempo, da Jurca, hanno calcolato che erano circa 18.000 dopo i primi 12 giorni di restrizioni, quando La quota iniziale è di 600 passeggeri al giorno il 25 giugno. Ma stimano che il numero sia in aumento.

Da questa settimana il numero di passeggeri che possono entrare dall’estero è più flessibile: passato da 742 al giorno a 900 (per un totale di 6.300 passeggeri a settimana); Dalla settimana successiva supererà i 1.000 passeggeri, numero che rimarrà fino al 6 agosto. Tuttavia, è ancora la metà del numero di passeggeri consentiti prima delle ultime restrizioni.

Delle compagnie aeree hanno espresso preoccupazione perché 12 giorni dopo la fine del mese, non hanno ancora nessun volo ufficialmente approvato per agosto Questo complica il lavoro delle aziende. “A seguito della recente decisione amministrativa, ci sono state comunicate con 24 ore di anticipo le frequenze massime e le restrizioni sui luoghi. La priorità delle compagnie aeree era contenere i clienti e cercare di ridurre l’impatto sui passeggeri causato dalle nuove misure governative arrivate in modo inopportuno tempo.” Infobae Diego Garcia, Presidente della Camera delle compagnie aeree dell’Argentina (Gorca), che comprende compagnie nazionali ed estere operanti nel paese.

Continuare a leggere: