Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Meloni scommette sull'economia italiana sul voto moderato di Giorgetti  Economia nazionale ed internazionale

La Meloni scommette sull'economia italiana sul voto moderato di Giorgetti Economia nazionale ed internazionale

Il nuovo ministro dell'Economia italiano, Giancarlo Giorgetti, incarna il volto più moderato ed europeista della Lega e del primo governo di estrema destra del Paese, che è un messaggio chiaro all'estero nel bel mezzo della distribuzione dei fondi europei del piano di ripresa .

Il nuovo leader economico deve superare la crisi energetica e inflazionistica scoppiata dopo l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio, oltre a continuare ad attuare il programma di distribuzione degli aiuti. 222.000 milioni di euro Dal piano di risanamento.

Il futuro primo ministro Giorgia Meloni, capo degli Ultras Brothers Italia, scelse questo economista per un ministero chiave, poiché diversi tecnici rifiutarono l'incarico per motivi politici o per la difficoltà del compito, secondo i media.

Giorgetti (Casago Brabia, 1966) è uno degli esponenti storici della Lega di estrema destra, uno dei tre partiti del nuovo governo italiano, insieme a Forza Italia di Silvio Berlusconi e alla Meloni.

Di umili origini, figlio di un pescatore e di una sarta, pur essendo cugino del banchiere Massimo Ponzellini, riuscì a laurearsi in economia aziendale presso la prestigiosa Università Luigi Bocconi di Milano (nord), che fu terreno fertile per i ministri e uomini d'affari.

La sua lotta politica è iniziata negli anni ’90, quando la Lega Nord chiese l’indipendenza del Nord Italia, ed è continuata quando Matteo Salvini la ha trasformata nel 2017 in un partito nazionalista e anti-immigrazione.

Il suo primo incarico pubblico È stato consigliere comunale nella sua città natale, dove è diventato sindaco per nove anni (1995-2004); Mentre nel 1996 ottenne il seggio di rappresentante nazionale, il primo di questo genere in una marcia continua in Parlamento per tre decenni.

READ  L'indice Ibex 35 ha ceduto in apertura lo 0,9%, perdendo 9.100 punti

Sposato con una figlia, è salito al potere per la prima volta nel 2006 Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Nel potere esecutivo di Silvio Berlusconi, nel 2011 ha vigilato sui bilanci pubblici.

Il suo status aumentò e nel 2013 fece parte del gruppo dei “Dieci Saggi” che l’allora capo dello Stato, Giorgio Napolitano, riunì per elaborare un programma economico attraverso il quale formare un governo dopo la paralisi causata dalle elezioni di quell’anno. . .

Portavoce ufficiale del blocco parlamentare della Lega alla Camera dei Rappresentanti dal 2013, e all'interno dell'esecutivo, nato nel 2018, tra il suo partito e il movimento populista 5 Stelle, nell'influente ruolo di Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

All’interno della Lega Salvini, Giorgetti è stato una delle figure chiave Sostenitori del sostegno al governo di unità nazionale È stata fondata all’inizio del 2021 dall’ex presidente della Banca centrale europea Mario Draghi, suo amico.

Il potere esecutivo di Draghi finì per essere sostenuto da tutti i partiti, ad eccezione di Fratellanza d'Italia guidata da Giorgia Meloni, e Giorgetti sedette nel suo gabinetto come ministro dello Sviluppo economico, con poteri legati alle questioni commerciali e industriali.

Allo stesso tempo, ha guidato il principale tentativo di opporsi a Salvini, populista ed euroscettico, all'interno delle fila della Lega, un partito che ha perso metà del suo sostegno nelle elezioni generali di quest'anno.

Il nuovo ministro dell'Economia, appassionato di calcio, è un sostenitore del federalismo fiscale e un liberale, e non nasconde il suo desiderio che la Lega abbandoni le forze populiste del continente e si fonda con il Partito popolare europeo.

READ  La Colombia raggiunge due anni di pandemia con sfide eccezionali | Economia