Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guida essenziale per conoscere la sua vita e il suo lavoro

Poeta Dante Alighieri (1265-1321), famoso come autore di “Divina Commedia“anche lui Il padre della lingua italiana. L’Italia celebra il 700° anniversario della sua morte, avvenuta nella notte tra il 13 e il 14 settembre 1321.

Ecco alcune cose da sapere su questo memoriale da letteratura mondiale.


Foto: speciale

1. Dante ha contribuito alla nascita della lingua italiana scegliendo un dialetto toscano piuttosto che il latino per scrivere il suo capolavoro.

La “Divina Commedia” è un viaggio immaginario all’inferno, al purgatorio e al paradiso ed è stata pubblicata all’inizio del XIV secolo. Il suo successo ha contribuito ai miei autori Medioevo, fra loro petrarca e Boccaccio, come scrivevano in dialetto, e così facendo gettavano le basi della moderna lingua italiana.

L’ente preposto alla diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo si chiama Società Dante Alighieri. L’Italia prevede inoltre di istituire il Museo della Lingua Italiana a Firenze, città natale del poeta.

Leggi anche: La Divina Commedia: le vere storie dietro i personaggi del capolavoro di Dante

2. La “Divina Commedia” è un poema, una descrizione personale della salvezza, un trattato sulle virtù umane e anche un’opera di potente fantascienza.

Il l’inferno di Dante, con i loro diversi circuiti, che corrispondono a I sette peccati capitali, rappresenta ancora l’immagine che abbiamo della vita dopo la morte, secondo l’immaginazione cristiana.

poeta britannico TS Elliott Riteneva che “Dante e Shakespeare dividono il mondo moderno e non esiste un terzo uomo”. grande scrittore argentino Jorge Luis Borges Considerava la “Divina Commedia” “il miglior libro che la letteratura abbia prodotto”.

hell_of_dante.jpg
L’inferno di Dante Foto: EFE / EPA / Maciej Kulczynski

3. La Divina Commedia ha ispirato generazioni di scrittori, pittori, scultori, musicisti, registi e autori di fumetti.

READ  Chi è Enrico Bucci, lo scienziato accademico di rilevamento delle frodi che ha messo in dubbio i dati del vaccino Sputnik V.

Tra questi si può citare il pittore rinascimentale italiano Sandro Botticellipittore spagnolo Salvador Dalì, compositore russo ajkovskijCreatori epici X-Men E lo scrittore e marrone.

“Il Bacio”, la famosa scultura di agosto Rodin, rappresenta Paolo E FrancescaGli amanti adulteri che Dante incontra nel secondo girone dell’Inferno.

La “Divina Commedia” ispirò anche un popolare videogioco (“Dante’s Inferno”) e Brett Easton Ellis inizia il suo famoso romanzo “American Psycho” con l’inizio della terza parte dell’Inferno: “Tu che entri qui, abbandona ogni speranza. ”

4. Come molti grandi artisti della storia italiana (Giotto, Michelangelo, Raffaello…), Dante è conosciuto soprattutto con il nome di battesimo, il diminutivo ‘durante’.

nato a Firenze Nel 1265 andò in esilio nel 1302 e morì a Ravenna, Italia nord-orientale sulla costa adriatica, il 13 o 14 settembre 1321.

Dante proveniva da una famiglia benestante e non ha mai dovuto lavorare per vivere.

Eccelleva in politica, letteratura, filosofia e cosmologia. Ebbe almeno tre figli dalla moglie Gemma Donati, ma la colpa fu di un’altra donna, Beatrice, che apparve nella “Divina Commedia” come sua guida al cielo.

dante_alighieri_6.jpg
Foto dalla più antica edizione illustrata Da “La Divina Commedia”. Foto: EFE / EPA / Maciej Kulczynski

5. Dante fu autore di letteratura, e fu anche molto coinvolto nella vita politica di Firenze.

Nel 1300 era stato precedentemente eletto uno dei nove membri del governo locale per un mandato di due mesi. Quell’accusa fu la causa della sua sventura.

A quel tempo le città italiane erano sempre sull’orlo di una guerra civile tra Guelfi, vicini al Papa, e Ghibellini, sostenitori del Sacro Romano Impero.

A Firenze i guelfi, a loro volta, erano divisi in “neri”, disposti ad accettare l’influenza papale negli affari della città, e “bianchi”, che pretendevano che il papa limitasse il suo potere alla sfera spirituale.

READ  Elementi globali del mercato della medicina acustica sostenibile 2021-2026 | Zetruz

6. Dante, “bianco”, dovette andare in esilio.

Processato in contumacia, fu costretto a lasciare Firenze dopo che un nuovo regime salì al potere e perseguitò la vecchia classe dirigente e non poté mai più mettere piede nella sua città natale.

Nel 1302, un giudice ordinò che Dante e i suoi alleati venissero bruciati vivi nel caso avessero tentato di tornare a Firenze. Questa frase fu in seguito addolcita alla decapitazione.

Dante usò la “Divina Commedia” per regolare i conti con molti dei suoi nemici, tra i quali Papa Bonifacio XIII, che gli riservò un posto all’Inferno.

Leggi anche: La commedia di Dante: il sotterfugio del discorso divino

fjb