Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra per la coltivazione della coca in Bolivia e la cruda confessione di Evo Morales: “Se non appicchiamo gli incendi, di cosa vivremo?”

La guerra per la coltivazione della coca in Bolivia e la cruda confessione di Evo Morales: “Se non appicchiamo gli incendi, di cosa vivremo?”

Incendio nel territorio comunale di El Cubaibo, a Santa Cruz, Bolivia (EFE/Juan Pablo Roca/File)

Sono morte due persone GuarayosSanta Cruz, in una guerra per le terre bruciate dagli agenti Evo Moralesche ha appena chiesto “Se non bruciamo, di cosa vivremo?”

Le ambulanze non sono riuscite a raggiungere il posto perché gruppi armati hanno bloccato il passaggio, mentre le forze governative le hanno intercettate Luis Arce Sta aspettando il momento giusto per annunciare un aumento dei prezzi Carburante Per la prima volta dall’inizio del sec.

Morales, coltivatore di coca, è a Buenos Aires come forza ausiliaria boliviana nella lotta al terrorismo. Javier MileyIn coordinamento con il movimento peronista keniano e utilizzando l’argomento cubano della necessità di lottare contro la “Dottrina Monroe”.

Nella sua stazione radio statale, ma usata da un coltivatore di coca come se fosse la sua, ha detto che il capitalismo è nemico del popolo e che questo era il momento di fermare i neoliberisti in tutta la regione.

La confessione del coltivatore di coca sul “chacos” conferma il sospetto che la terra lasciata dagli incendi boschivi sia stata data dal governo ai piromani, che a loro volta la vendono al miglior offerente.

Evo Morales sventola una bandiera durante un raduno di contadini, coltivatori di coca e indigeni associati al Movimento verso il Socialismo (MAS) a Chinahuta, Cochabamba, Bolivia (EFE/Jorge Abrego/File)

I coltivatori di coca sono i più interessati a queste terre, tranne i miei inviati Primo comando della capitale (PCC) di San Paolo, che possiede coltivazioni di coca e fabbriche di farmaci sul territorio boliviano O globo.

Questo giornale brasiliano lo ha detto direttamente Il direttore operativo del PCC, Gilberto Aparecido dos Santos, detto Fulminho, lavora in Bolivia, Con coltivatori di coca, produttori farmaceutici e agenti di trasporto.

READ  Quali sono le 10 città più felici del mondo da visitare senza esitazione?

O lo Stato Il Comune di San Paolo ha dichiarato che PCC è un fornitore della mafia calabrese “Ndrangheta”.Responsabile dell’abuso di cocaina in tutta Europa.

Gli incendi dolosi in Bolivia si sono conclusi quest’anno 3,3 milioni di ettari di forestaSoprattutto nei parchi nazionali, costringendo il governo a chiedere aiuto e ad accettarne l’arrivo Vigili del fuoco provenienti da Francia e Cile.

Autisti in attesa di fare rifornimento in una stazione di servizio a La Paz (Bolivia). EFE/Luis Gandarellas

Nel frattempo, il presidente Arce ha ammesso che il prezzo che la Bolivia paga per il petrolio che importa per il consumo interno è “enorme”, dato che ora paga 80 dollari al barile, ma lo vende a 27 dollari all’interno del paese, con un margine che deve essere coperto. Attraverso il sussidio.

L’ex ministro Alvaro Ríos ha fornito i numeri esatti di questo dramma: “Dal 2012 al 2015, le esportazioni annuali di gas sono state in media di 5,3 miliardi di dollari. Le importazioni annuali ammontavano in media a 990 milioni di dollari. Il bilancio energetico positivo medio annuo è di 4.365 milioni.

Ha aggiunto: “Quest’anno 2023, le nostre esportazioni di gas raggiungeranno i 2.112 milioni di dollari e le nostre importazioni raggiungeranno i 2.530 milioni di dollari, con un deficit di 418 milioni di dollari, con una sovvenzione di circa 1.468 milioni di dollari”.

Ciò lo conferma C’è una bomba a orologeria che minaccia il governo di Luis ArceA causa dell’aumento del prezzo della benzina A “Gasolinazo”di solito rovescia i governi in Bolivia.

Morales ha respinto l’iniziativa di sottoporre Arce a un referendum sulla sua destituzione, ritenendola inopportuna. L’analista Carlos Chalob dice che Morales vuole divorare la crisi economica che hanno seminato entrambi, uno come presidente e l’altro come ministro dell’Economia.

Foto d’archivio del presidente della Bolivia Luis Arce. EFE/STR

La crisi economica si aggiunge agli altri disordini di cui soffre la Bolivia, oltre alle guerre per la terra e agli incendi.

READ  La città colombiana che è riuscita a ridurre il caldo con una rete di corridoi verdi

Le carceri sono controllate da gruppi di prigionieri che chiedono ingenti somme di denaro ai prigionieri che arrivano, e lo fanno in collusione con la polizia.

Un rapporto dell’ANF afferma quanto segue:

“I rappresentanti dell’Organizzazione dei prigionieri concedono al nuovo detenuto tre giorni per pagare la multa (tra i 200 e i 1.000 dollari) e gli forniscono anche un telefono cellulare affinché il detenuto possa contattare la sua famiglia. Altrimenti viene sottoposto a trattamenti duri, picchiato e fustigato con grossi cavi, e viene trasferito in settori dove le condizioni di vita sono disumane, come la cucina, luogo sovraffollato di malattie. Oppure li tengono come addetti alle pulizie nella sezione, non li lasciano dormire, oppure li soffocano con l’acqua, come accade nella sezione di Chunchukurito, considerata una “miniera d’argento” per il colonnello della prigione.

I doganieri vengono attaccati dai contrabbandieri e dai loro agenti vicino al confine, i ladri d’auto nei paesi vicini vengono accusati di aver consegnato i veicoli che hanno rubato e gli agenti di polizia vengono arrestati dalle forze antidroga, come è accaduto a tre di loro che trasportavano 6 chilogrammi di droga. cocaina.

Antonio Saravia, del Partito Liberale, afferma che la Bolivia è già diventata uno “stato fallito” e propone di attuare politiche più dure di quelle perseguite da Javier Miley in Argentina.