Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La globalizzazione ha reso i parassiti umani più virulenti?

parassiti Questo caso Diarrea grave Può diventare più feroce A causa della velocità con cui si scambiano il DNA e si evolvono, Secondo una nuova ricerca dell’Università dell’East Anglia nel Regno Unito.

I ricercatori hanno studiato i genomi Cryptosporidium Profumo, un parassita zoonotico che provoca grave diarrea sia negli esseri umani che negli animali, e scopre che diversi ceppi di questi parassiti si scambiano sempre più DNA. Questo aiuta il parassita a svilupparsi più velocemente, il che può portare a Razze più feroci e meglio adattate.

Un nuovo studio mostra che ceppi Cryptosporidium Profumo Hanno scambiato più DNA negli ultimi 200 anni che mai; attribuito a Globalizzazione e per chiudere il contatto uomo-animale, che aumenta il tasso di eventi indiretti.

Focolai di malattie nei paesi sviluppati

“Cryptosporidium” È un genere importante di parassiti zoonotici ed è uno dei numerosi microrganismi che causano malattie diarroiche sia nell’uomo che in alcuni animali. “Per gli esseri umani, è responsabile di circa 57.000 decessi ogni anno, l’80% dei quali in bambini sotto i cinque anni”, afferma uno dei principali ricercatori, il professor Cook Van Oosterhout, della School of Environmental Sciences dell’Università dell’East Anglia .

La stragrande maggioranza di questi si trova in paesi a basso reddito, ma ci sono stati focolai anche nel Regno Unito e altrove in Europa. Non sono disponibili farmaci o vaccini efficaciPertanto, è essenziale comprendere la trasmissione e l’evoluzione di questo parassita. Sappiamo che ci sono diversi ceppi del parassita Cryptosporidium Profumoma volevamo capire di più su come si è evoluta e, in particolare, perché questa specie potrebbe diventare più virulenta di quanto non lo sia stata in passato”, spiega.

READ  Salute ed economia, i due assi su cui farà affidamento il Fronte Todos davanti all'Organizzazione Mondiale della Sanità e i ruoli di Vizzotti e Guzmán

Il team, guidato dall’UEA in collaborazione con scienziati italiani e australiani, ha utilizzato l’analisi del sequenziamento dell’intero genoma per saperne di più su questi scambi genetici. Hanno confrontato 32 sequenze genomiche complete di ceppi umani e animali raccolti in Europa, Stati Uniti, Egitto e Cina.

Così, hanno scoperto che diversi ceppi di questi parassiti Stanno sempre più scambiando il loro DNA. Negli ultimi 200 anni, circa il 22% del genoma di questi parassiti è stato scambiato. “Questo è molto più del DNA che hanno scambiato tutto il tempo prima. Sembra che i geni coinvolti nella virulenza siano particolarmente colpiti da tali scambi genetici”, afferma il professor Van Oosterhout.

Il genoma dei parassiti che infettano gli esseri umani contiene del DNA di parassiti che si trovano comunemente nei bovini e negli agnelli. Crediamo che questi scambi genetici aiutino il parassita a evolversi più velocemente e che ciò possa portare a parassiti umani più virulenti e adattivi. Questo è davvero importante perché, come ci ha mostrato il Covid-19, i parassiti umani possono evolversi rapidamente”.