Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La crisi attuale e le incertezze future | Opinione

Gli ultimi risultati dell’EPA pubblicati dall’Istituto nazionale di statistica hanno oscurato un po’ di più le cupe prospettive economiche della Spagna. La distruzione di 100.000 posti di lavoro, l’aumento del numero di disoccupati di 70.000 e il (lieve) aumento del tasso di disoccupazione al 13,67% rappresentano una svolta nel buon andamento del mercato del lavoro spagnolo finora. Questi numeri e queste percentuali si aggiungono al resto dei dati e degli indicatori che rivelano la situazione estrema che sta attraversando la nostra economia.

I nostri conti pubblici rimangono sbilanciati e lo squilibrio è ancora a un livello preoccupante, poiché abbiamo chiuso il 2021 con un disavanzo pubblico del 6,87% del PIL, che è tra i primi cinque o sei degli ultimi 40 anni ed è attualmente il più alto. La seconda percentuale più alta dell’Unione Europea, superata solo dall’Italia. L’indebitamento dello Stato resta a livelli record, con l’entità del debito pubblico di circa un miliardo e mezzo di euro, che rappresenta il 120% del PIL.

Insieme a quanto sopra, la crescita economica sta rallentando, dato che è il paese dell’UE con la maggiore distanza tra il suo PIL attuale e quello precedente alla pandemia, distanza di cui, nel migliore dei casi, non ci libereremo fino a dopo 2023. La riduzione delle aspettative è La priorità iniziale del governo per la sua crescita quest’anno è sostanziale, dal 7% iniziale al 4,3% attuale, tanto quanto la crescita nel primo trimestre dell’anno è stata di appena lo 0,3%. Anche gli investimenti privati ​​stanno rallentando, scendendo del 10% nel 2020, recuperando solo il 4% nel 2021. Nel frattempo, l’inflazione rimane a livelli allarmanti, a un tasso annuo dell’8,4% – un po’ più basso rispetto al mese precedente–, ma l’inflazione Il tasso primario è al 4,4%, una cifra più che preoccupante. Con lo scenario descritto, non è un caso che l’indice di fiducia delle imprese predisposto dall’Istituto Nazionale di Statistica sia sceso per il secondo trimestre consecutivo a 121,9, mentre i due precedenti erano 130,3 e 127.

READ  Quali paesi hanno gli aumenti di prezzo più elevati?

Come è noto, questa situazione critica dell’economia spagnola si sta verificando nel quadro di una crisi economica generale che colpisce praticamente tutti i paesi, e ciò che più ci interessa, quelli che compongono il nostro ambiente geopolitico-istituzionale. Secondo lo scenario descritto, oggi per l’economia globale sono previste tre grandi incertezze. Il primo è la durata dell’attuale guerra iniziata da Putin. I suoi effetti economici sono devastanti per la Russia, l’Ucraina e tutti i paesi, ma tra questi, soprattutto per quelli con cui ha le maggiori relazioni reciproche. Più a lungo si protrarrà lo scenario bellico, peggiori saranno le sue conseguenze.

In secondo luogo, rispetto al primo, ci troviamo di fronte alla natura alquanto ambigua dello scenario che potrebbe derivare alla fine della guerra. Solo una cosa può essere garantita: niente sarà più come prima, si può dire che la cosiddetta globalizzazione avrà subito una grave battuta d’arresto, che il commercio tra le nazioni sarà fortemente influenzato e che la tensione internazionale richiederà molto tempo per riprendersi … In breve, sarà Ci stiamo volgendo verso un nuovo ordine economico mondiale, la cui composizione è sconosciuta oggi.

Oltre alle suddette incognite, un’altra cosa passa relativamente inosservata dallo stato di shock creato dalle atrocità di Putin. Questo è il nuovo puzzle cinese. Cosa sta succedendo davvero a Shanghai? Cosa spinge le autorità cinesi a continuare a rapire 25 milioni di persone? Certo, succede di tutto tranne quello che ci dicono le informazioni ufficiali del colosso asiatico: un leggero ritorno del Covid. Conosciamo i danni che il suddetto rapimento provoca all’economia mondiale, ma non conosciamo il motivo reale e sconosciuto per cui le azioni intraprese, né lo sappiamo.

READ  Elezioni che possono cambiare il mondo

La reale gravità dello stato dell’economia può essere confermata anche dalla situazione del mercato dell’oro. Qualsiasi esperto di storia economica sa che la domanda di oro, e quindi il suo prezzo, aumenta quando tutto il resto va storto, a causa della natura di investimento sicuro del suddetto metallo, e alla fine segue il suo modello di comportamento tradizionale in tempi di grande crisi . Per citare i più recenti, questo è stato il caso dopo la serie di shock petroliferi del 1973 e del 1978, e questo è stato il caso della crisi finanziaria iniziata nel 2007/2008, e questo è stato osservato con l’inizio dell’ultima pandemia. . In quest’ultimo caso, il prezzo di un’oncia d’oro – 31 grammi – è passato da 1.400 a quasi 1.800 euro. La graduale attenuazione degli effetti economici causati dal Covid ha portato ad un calo del prezzo del metallo aureo, che ha raggiunto anche i 1.450 euro l’oncia, ma l’attuale situazione economica mondiale e la coincidenza delle incertezze che l’hanno afflitto hanno portato a una nuova emergenza . Il rimbalzo del prezzo che poche settimane fa ha raggiunto 1.870 euro e attualmente si aggira intorno ai 1.800 euro.

A dire il vero, l’attuale posizione rialzista riflette l’oscuramento delle prospettive economiche a breve e medio termine. E in tempi come questi ci vogliono due condizioni per affrontare la situazione: patto e leadership o, se si preferisce, leadership e accordo. Avere leader politici capaci di unire gli sforzi collettivi per stimolare gli inevitabili accordi e portarli nella giusta direzione è una condizione necessaria per affrontare il difficile futuro che abbiamo di fronte.

Ignacio Ruiz Garabo Economista ed ex Direttore Generale dell’Agenzia delle Entrate

READ  Dopo l'incontro fallito con il Papa, Santiago Cafiero ha detto che il rapporto del pontefice con il presidente è "molto buono"