Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La battaglia sul salario minimo divide l'Italia |  un lavoro

La battaglia sul salario minimo divide l'Italia | un lavoro

L’Italia è uno dei pochi paesi europei a non avere un salario minimo tra le specialità. Da qualche mese la questione è tornata al centro del dibattito politico, accompagnata dalla necessità di aumentare gli stipendi, stagnanti da tempo e soffocati dall’inflazione. L'opposizione fa pressioni sul governo della Georgia Meloni affinché fissi un salario minimo di nove euro l'ora, ma l'esecutivo è titubante. Entrambe le parti sono d'accordo solo nel descrivere la situazione: i salari sono troppo bassi da molto tempo, il potere d'acquisto dei lavoratori sta diminuendo e bisogna fare qualcosa senza indugio.

Negli ultimi anni sono state avanzate innumerevoli proposte per legiferare sul salario minimo, ma non si è mai ottenuto nulla. Il crollo dei salari degli ultimi anni, la loro instabilità e i problemi di accesso al lavoro per alcune fasce della popolazione, come i giovani e le donne, hanno portato molti politici ed economisti a chiedere cambiamenti o un rafforzamento dell’attuale sistema, che si basa sul collettivismo. Accordi.

Il Partito Democratico, guidato da Elie Schlein, con il sostegno del Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte e di altre formazioni di sinistra, è riuscito a salvare la proposta rimasta nel cassetto del governo di Mario Draghi. Hanno avviato la procedura per presentare una proposta congiunta al Parlamento, che propone, oltre a un minimo complessivo di nove euro l'ora per tutti i dipendenti, una serie di meccanismi per garantire un'equa retribuzione anche ai lavoratori con contratti meno stabili e autonomi. impiegato. Hanno anche lanciato una campagna di firme per coinvolgere i cittadini che, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, sembrano poco entusiasti della questione. Sebbene non ci siano stati grandi movimenti che aiutino a comprendere il sentimento popolare, alcuni sondaggi d’opinione, come quelli condotti da U Trend lo scorso luglio, rivelano che tre italiani su quattro, e non solo nell’elettorato di sinistra, sostengono il salario minimo. In un Paese con un alto tasso di economia sommersa, c’è anche il timore che il salario minimo obbligatorio possa aumentare questo fenomeno.

READ  L'Italia stanzia altri 1.600 milioni di euro per aumentare i costi dell'attività del PNRR da parte di EFE

Nel dibattito politico, che deve fare i conti con numeri complessi, ha prevalso il concetto di “cattivo lavoro” come eufemismo per indicare il lavoro poco retribuito: il 28% dei lavoratori, poco più di quattro milioni di persone, guadagna uno stipendio complessivo inferiore ai nove euro all'anno l'ora. Inoltre, quasi mezzo milione di persone, pur avendo un lavoro, necessitano di un reddito di base, perché sono al di sotto della soglia di povertà.

Meloni e il suo team ritengono che il salario minimo non risolverà l’enorme e complesso problema del lavoro precario in Italia e sostengono che potrebbe addirittura essere controproducente. Affermano che la contrattazione collettiva tra sindacati e datori di lavoro, che storicamente ha regolato le condizioni minime per i lavoratori, è più conveniente e meno invasiva del salario minimo imposto dalla legge. Questa idea è diffusa tra la destra, che tradizionalmente si oppone all’imposizione di salari minimi, perché ritiene che questa misura imporrebbe maggiori costi alle aziende, il che scoraggerebbe nuove assunzioni. Per ora la Meloni ha incaricato il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro di preparare un rapporto, chiedendogli di agire come arbitro e di presentare una proposta per legiferare sulla questione entro la fine dell’anno. L'opposizione accusa il governo di perdere tempo e gli imputa che “ci sono sempre problemi più importanti” da affrontare.

Qui puoi vedere gli ultimi messaggi del corrispondente

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E So nel nostro Newsletter settimanale

Programma dei cinque giorni

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

_