Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Banca centrale europea trasferirà fondi dall’Europa settentrionale a quella meridionale per contenere l’aumento dei tassi di interesse

La Banca centrale europea (BCE) classificherà i paesi della zona euro come donatori (Germania, Paesi Bassi e Francia), neutrali e beneficiari (Spagna, Italia, Portogallo e Grecia) come punto di partenza per la nuova era senza programmi di acquisto di obbligazioni, che ufficialmente scade giovedì, dopo aver assicurato per anni la domanda di debito pubblico della regione, anche nei momenti peggiori della pandemia.

Come la Spagna mette i suoi debiti: liquidazione degli speculatori, coordinamento con l’Italia e tensione per milione di interessi

sapere di più

Secondo questo schema, inviato esclusivamente a ReutersA partire da venerdì prossimo, 1 luglio, acquisterà il debito da “quei destinatari” con i proventi delle scadenze dei bond “donatori” che riceve dal 2015, per evitare le prime condizioni di finanziamento. Cioè, prevenire premi di rischio più elevati – la differenza tra gli interessi richiesti sul titolo di riferimento di Spagna, Italia o Portogallo e Germania, che sono il partner più pagato e finanziariamente disciplinato -.

In questo modo, trasferirà il denaro creato in questo momento da nord a sud – e ovviamente acquisterà anche il debito da quest’ultimo con le proprie scadenze obbligazionarie – e raggiungerà il suo obiettivo di inasprire le condizioni di finanziamento su tutta la linea per fermare l’alimentazione dell’iperinflazione senza danneggiare Spagna, Italia, Portogallo e Grecia, che sono i Paesi più pesantemente indebitati e più colpiti dalla crisi del COVID. Lo strumento anti-frammentazione introdotto dalla stessa Banca Centrale Europea nelle ultime settimane, che ha allentato il premio al rischio negli ultimi anni, passerà dai 140 punti base del 14 giugno a quasi 100.

Nello stesso mese di luglio, comincerà ad alzare i tassi di interesse ufficiali dallo 0% che li hanno mantenuti nell’interesse della ripresa economica. In primo luogo, come ha già annunciato, aumenterà di 25 punti base i tassi di riferimento, in base ai quali le banche determinano il costo dei prestiti o dei mutui. E a settembre dovrebbe aumentare di altri 50 numeri interi.

READ  COVID in Spagna, live streaming last minute | Variante XE, mascherine, vaccini...

La sfida per la Banca Centrale Europea è enorme: cercare di raffreddare il credito senza rallentare l’attività economica e provocare una recessione, in un momento in cui l’invasione russa dell’Ucraina ha già rallentato la ripresa a causa del suo impatto sui mercati internazionali dell’energia e delle altre materie prime. Materiali.

L’aumento dei tassi di interesse conterrà l’inflazione?

Alcuni economisti critici mettono in discussione le decisioni dell’istituzione. “Non significa nulla. Come può un aumento dei tassi risolvere il problema geopolitico del conflitto in Ucraina? Come si fa a far scendere il petrolio?”, afferma l’economista Stuart Medina Meltimore.

Anche se la Banca Centrale Europea alzerà i tassi di interesse, l’inflazione resterà alta. La BCE può agire sulla domanda, ma non sull’offerta (in questo caso, materie prime, minerali, petrolio o gas). Victor Alvargonzalez, direttore della strategia e co-fondatore della società di consulenza indipendente Nextep Finance, è d’accordo, finché ci saranno sanzioni ci sarà inflazione.

In pratica, tassi di interesse più elevati hanno effetti diretti e tangibili, come le banche che guadagnano di più da mutui, prestiti e famiglie e lo stato soffre per l’aumento di questi esborsi finanziari.

Il ministro ha sottolineato che “occorre monitorare da vicino questo mercato, in cui il conflitto armato potrebbe avere effetti contrastanti, vista la reale erosione dei redditi dei clienti, che rappresenta un aumento dell’inflazione e la possibilita’ di inasprire le condizioni finanziarie”. Banca di Spagna, Pablo Hernandez de Cos al Congresso. Ha spiegato: “Comunque, a fronte di moderati rialzi dei tassi di interesse, questo effetto dovrebbe essere poco significativo, anche per l’aumento del peso dei mutui a tasso fisso osservato negli ultimi anni, che a dicembre di Il 2021 ha raggiunto il 24,9% del saldo residuo”.

READ  Sarà il tunnel più lungo del mondo che collegherà l'Italia con l'Austria