Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kike Teruel, di Los Nocheros, ha chiarito i suoi commenti controversi sul vaccino contro il coronavirus

Kaik Teruel (Immagine: Instagram)

Kaik Teruel, membro del gruppo rettili notturni, ha suscitato scalpore annunciando che non sarebbe stato vaccinato contro il virus Corona come il resto dei suoi colleghi. E il popolare artista ha indicato di non fidarsi della vaccinazione, a differenza dei buoni risultati ottenuti da altri Paesi, come gli Stati Uniti: in California ea New York. Hanno revocato la maggior parte delle restrizioni dovute alla pandemia di COVID-19 dopo aver raggiunto il 70% della popolazione adulta vaccinata con una singola dose.

“Qui in casa ci occupiamo di terapie alternative, cerchiamo sempre di essere sani, mangiamo bene e abbiamo energia e lavoriamo per rendere alcalino il corpo. Sono tante le situazioni in cui stiamo tutti bene. Non ho fiducia perché c’è un paese che accetta AstraZeneca, un altro che non accetta lo Sputnik, e altri dicono che è una singola dose, e poi dicono che ce ne sono due, o ti va bene un paese”Il musicista ha spiegato in un’intervista per il corso sopra Cordoba che emana da Eldoce.

Kike Teruel ha suscitato polemiche con le sue osservazioni (Video: Arriba Córdoba, Eldoce)

Vedendo le polemiche sorte, Kike ha rilasciato un’intervista a Pomeriggio Fantino Per correggere la sua affermazione: non darò da mangiare alla mia famiglia. Mi sono espresso male quando mi hanno chiesto: “Cosa ne pensano i ragazzi?” Capivo (intendevano) i ragazzi di casa mia, non Los Notcheros. Ha già vaccinato Robin (Ehizaguirre), Mario (Teruel) non so cosa ne pensa e Alvaro (Teruel) ha avuto il virus e non gli è successo niente. Non posso commentare su di esso. Lì mi sono espresso male. Stava parlando di me e della mia famiglia”.

READ  Matteo Berrettini riceve l'invito al campionato di Federer dopo Wimbledon

in conversazione con Alejandro FantinoE il musicista ha spiegato: “Non è che non crediamo nel vaccino. Non mi scuso per non aver fatto la vaccinazione, rispetto molto le persone sane, quelle che hanno perso i parenti, quelle che stanno attraversando una situazione difficile. con il Corona virus Ho vissuto situazioni molto difficili nella mia casa con Karina e Naomi, a causa dell’influenza A, muoiono entrambe. Qualche tempo fa abbiamo preso una decisione di famiglia e ci siamo presi cura di noi stessi in modo diverso. Faccio yoga, ho smesso di fumare da un po’. Karina è diventata vegana. Mangiamo bene e cerchiamo di avere vitalità ed energia. Sembra sciocco, ma non lo è per noi. È uno stile di vita che seguiamo, rispettando sia chi è vaccinato sia chi non lo è.

L’autista ha affermato che le sue dichiarazioni sono state controverse perché essere una persona pubblica ha un enorme impatto sul comportamento degli altri. “Ci sono molte persone che possono dire: ‘Farò lo stesso percorso'”. Fantino ha detto: “E’ un momento in cui il mondo chiede una vaccinazione”. Il musicista ha ribadito la sua posizione: “È la mia decisione e quella della mia famiglia”. Tuttavia, ha sottolineato che nel caso ipotetico gli chiedessero di fare una vaccinazione per poter entrare in un Paese, ad esempio durante un tour, verrebbero applicate le dosi.

Kaik Teruel spiega perché ha deciso di non vaccinare (Video: America)

Ha poi raccontato un incidente familiare che li ha fatti diffidare della vaccinazione: “Mio figlio Felipe è stato colpito a una gamba ed è quasi morto.. Da oggi la sua gamba sta male perché è quasi morto per il vaccino sbagliato, ed è scaduto. Vivo ancora a Buenos Aires. Felipe non è più vaccinato a causa di una decisione presa da Kareena e da me. Ogni anno firmavamo che eravamo responsabili per lui a scuola. Felipe ha 20 anni, è fantastico e non ha vaccinazioni. Non ha mai preso il raffreddore e non si è mai ammalato. Abbiamo ragioni naturali e personali per dire che preferiremmo non essere vaccinati. Non stiamo dicendo che nessuno è stato vaccinato, preferiremmo non essere vaccinati”.

READ  Le ultime parole di Mario Matson alla figlia prima della sua morte: "Promettimi una cosa".

Alejandro gli ha chiesto: “Cosa non si avvicina a un vaccino che il mondo ha dimostrato di essere efficace, che è stato immunizzato, che la scienza dice che funziona?” “La parte medica non mi esclude come decisione per tutta la vita. Non sono un Testimone di Geova, ma ho la decisione di dire che non andrò dai medici per tutta la vita. Se il mio fegato fa male o il mio stomaco è malato, mi prendo cura di me stesso con prodotti naturali, bevo tè naturale… faccio yoga, non prendiamo pillole. È una scelta. Non vado dal dottore da 7 anni. Non sono scettico sul vaccino, ma non prendo niente da sette anni. “Nessuno prende medicine a casa”, ha detto Kaiki.

Continuare a leggere: