Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jorge Ramos “17 Minutes with the Dictator” ha rivelato i dettagli dell’intervista che ha scatenato l’ira di Nicolas Maduro.

“17 Minutes with the Dictator” nuovo libro di Jorge Ramos ام

È l’intervista che continua a generare notizie. Il 25 febbraio 2019, il veterano anchorman dell’Univisión Jorge Ramos si è seduto per rilasciare un’intervista a Nicolás Maduro.. Come previsto, tra loro prevaleva la tensione.

L’intervista è durata solo 17 minuti. Tutto è finito bruscamente quando Ramos ha mostrato sul suo tablet le immagini di tre uomini in cerca di cibo in un bidone della spazzatura vicino al Palazzo Miraflores a Caracas. Maduro ha voluto coprire le foto con la mano e si è ritirato. subito, Il giornalista messicano e la sua squadra sono stati arrestati e gli strumenti di lavoro, compresa la scheda dell’intervista, sono stati confiscati., per essere deportato il giorno successivo negli Stati Uniti. Il loro arrivo nel paese in cui risiedono ha fatto notizia.

Ma l’intervista è diventata di nuovo rilevante mesi dopo Univision Hanno recuperato le foto che pensavano fossero andate perdute. Ramos spiega l’aspetto del video come “un tradimento dell’ambiente del dittatore”, senza fornire ulteriori dettagli (forse per la sicurezza di chi lo ha aiutato).

Oggi, a più di due anni di distanza, quell’incontro con il leader della fallita Rivoluzione Bolivariana è di nuovo nelle cronache perché Ramos ha deciso di pubblicare un libro a riguardo.

La prima cosa da capire da questo libro è che oltre a raccontare quello che è successo a Caracas nel 2019, questa è una storia che può essere presa come una guida su come parlare con un dittatore.

Nell’appendice del libro, o nel capitolo tredici, Ramos definisce il giornalismo come la “controforza”.

READ  MacKenzie Scott ha donato miliardi di dollari e i truffatori ne hanno approfittato

Dobbiamo schierarci. La neutralità aiuta l’oppressore, non la vittima. Il silenzio stimola il carnefice, non il carnefice. “A volte dobbiamo intervenire”, dice Ramos nel suo libro, allontanandosi dal principio secolare che è praticamente caduto in disuso che la stampa dovrebbe essere sempre imparziale.

Non si nasconde una falsa neutralità dietro la prima domanda con cui Ramos ha deciso di iniziare la sua intervista a Nicolas Maduro.

L’intervista completa di Jorge Ramos con Nicolas Maduro

“Come intervistatore, la mia principale preoccupazione era quella di evitare un’intervista soft con chiunque fosse responsabile di frodi e morti. Non sarebbe un buon giornalismo e non me lo perdonerei mai”, ha detto Ramos in un intero capitolo che dedica a parlare di come l’intervista Lì racconta che ha preparato questa domanda e che ha deciso L’ha sollevata dopo lunghe conversazioni con il capo della notizia UnivisionDaniele Coronel. “Abbiamo posto la domanda: In breve, al punto in cui sapevamo che le avrebbe fatto del male. Quindi era: ‘Non sei il presidente legittimo. Allora come lo chiamo? Per loro sei un dittatore.’

Ramos conosceva la risposta. Anni fa da Miami denunciava la dittatura in Venezuela. Quello che non si capiva era il motivo per cui un dittatore che normalmente non concedeva interviste accettava di sedersi per mezz’ora davanti a Ramos.

Per prima cosa, era una questione di contesto. A febbraio 2019, l’opposizione venezuelana non aveva riconosciuto la legittimità delle elezioni del 2018 e Juan Guaido è stato dichiarato presidente ad interim del paese come presidente dell’Assemblea nazionale. Cinquanta paesi nel mondo hanno riconosciuto Guaidó come legittimo leader del Venezuela. Maduro ha dovuto ripulire la sua immagine ed è uscito a parlare con la stampa estera.

READ  The Double-Headed Dragon: The Stunning New Chinese Warship

Ma poi di nuovo, con così tanti giornalisti di sinistra nel mondo che avrebbero potuto essere più benevoli nei confronti di Maduro, perché Jorge Ramos?

“Gli uomini forti non parlano (…) se hanno qualcosa con cui comunicare, basta usare i mass media al servizio dello Stato – e di tutti gli altri sotto il loro controllo – per mandare il messaggio, senza critiche e senza chiunque lo metta in dubbio, ma sanno in fondo che gli manca qualcosa: credibilità L’unico modo in cui le loro comunicazioni possono essere credibili è se parlano attraverso un mezzo indipendente e con un giornalista critico o, almeno, imparziale, come sottolinea l’autore.

In quei giorni, Ramos ha fatto notizia perché è stato licenziato da una conferenza stampa della Casa Bianca dopo una lunga domanda che diceva all’allora presidente Donald Trump che la sua politica era anti-latino. Ramos pensa che l’ambiente di Maduro debba aver pensato che “se non è un sostenitore di Trump, dovrebbe essere un amico del Venezuela bolivariano”..

Trump ha la sua sezione nel libro. Ramos dà il suo punto di vista sulla situazione in Venezuela e afferma che la politica di Trump era “ipocrita e falsa”, perché “ha fatto credere ai venezuelani che la famosa frase ‘tutte le opzioni sono sul tavolo'” significava che gli Stati Uniti stavano considerando un’armata intervento nel suo Paese, quando non aveva un piano”. Ramos chiarisce nel libro che crede che gli Stati Uniti non dovrebbero entrare in Venezuela.

Verso la fine del libro, Ramos racconta di un’altra intervista che ha avuto che in qualche modo ha risposto alla domanda iniziale che ha posto a Maduro durante l’incontro fallito. Nel marzo 2019, tornato a Miami, il messicano ha rilasciato un’intervista a Juan Guaido via Skype. Decise di cominciare chiedendogli anche come si chiamasse visto che la dittatura insisteva perché Guaido si autoproclamasse presidente.

READ  Finlandia: il primo ministro è stato accusato di aver usato...

“Il presidente è responsabile del Venezuela per mandato costituzionale”, mi ha detto. Poi mi ha dato una spiegazione. L’articolo 233 della Costituzione prevede che in caso di assenza assoluta del Presidente della Repubblica (…) la Presidenza della Repubblica spetta al Presidente dell’Assemblea nazionale. La presidenza del Venezuela è stata ufficialmente lasciata vacante dopo la massiccia frode elettorale di Maduro nel maggio 2018 e la sua usurpazione del potere nel gennaio 2019, spiega Ramos.

“17 Minutes with the Dictator” è il quattordicesimo libro pubblicato dal giornalista Jorge Ramos, che ha compiuto 35 anni sulla rete televisiva Univisión.

Continuare a leggere: