Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jacopo Pereira “In Italia non è considerato uno sport professionistico”

Jacopo Pereira “In Italia non è considerato uno sport professionistico”

Jacopo Pereira “In Italia non è considerato uno sport professionistico”

Cosa ti fa restare nella stessa squadra per cinque stagioni?

– La verità è che mi sono sempre sentito molto a mio agio qui e mi sono sentito molto apprezzato, dentro e fuori dal campo fin dall'inizio. Mi hanno sempre trattato molto bene, mi hanno fornito tutte le strutture e hanno rispettato tutto ciò che era stato concordato. Questo non è un fenomeno comune in Italia, dove il futsal non è considerato uno sport professionistico. Pertanto, porta a molte situazioni difficili, soprattutto per i giocatori stranieri. Allora perché cambiare?

Come è la situazione del vostro club in ambito sportivo?

– Il club è cambiato molto da quando sono arrivato. Prima ero più umile e familiare, ma sempre con ambizione, entro le possibilità. Diverse stagioni fa è stata effettuata la fusione con una società calcistica molto importante della regione e il progetto è cresciuto e continua a crescere in tutti gli aspetti, da quello giovanile all'aspetto sociale.

Hai una professione diversa dal gioco del futsal?

– La verità è che ho sempre cercato di non abbandonare la formazione in vari ambiti, siano essi legati allo sport o ad altri ambiti, perché è sempre necessario essere preparati. Ho lavorato per tre anni presso la scuola calcio della società con cui poi il club si è fuso, denominata Alto Vicentino. È una scuola ufficiale dell'Inter, è molto ben organizzata e ha molte risorse. Per noi c'è la formazione, sempre supervisionata dalla direzione tecnica dell'Inter, che ci aiuta come allenatore e tecnico a migliorare molto e a crescere a livello personale.

READ  River: Questa è stata la partita di Sebastian Boselli

Che progetti futuri hai?

– La verità è che ci penso, perché sono passate cinque stagioni qui e quasi 18 anni da quando sono uscito di casa per la prima volta per giocare a futsal, quindi è anche vero che voglio pormi nuove sfide.

Come ti godi il tuo tempo libero?

– Lo dedico alla palestra, che mi fa stare bene e mi stimola fisicamente e mentalmente ad essere attivo.Anche nei giorni liberi gioco a tennis e paddle tennis con gli amici. Mi sento molto bene quando mi alleno. Sono anche piuttosto casalingo e adoro guardare film, serie o documentari. E ovviamente ho anche una vita sociale, vado al cinema, partecipo a eventi sportivi, guardo mio fratello giocare quando ne ho la possibilità e bevo qualcosa con gli amici. Cose naturali, dopotutto.

Ti manca non giocare in Spagna dopo tanto tempo?

-Se ti dico la verità sì, parecchio. Alla fine tutti si sentono a proprio agio a casa, cosa a cui sono molto abituato. A parte questo, il gioco in sé è completamente diverso qui in Italia.

Sei sorpreso che il futsal maschile dell'Ourense non sia in una categoria superiore?

– Beh, è ​​vero che è sempre stata una città importante nel futsal spagnolo, ma penso che oggi la mancanza di risorse incida negativamente su tutti gli aspetti e Ourense non fa eccezione. Sembra che ci siano progetti in corso che stanno cercando di dare alla città il posto che le spetta a livello di futsal maschile, dato che siamo al top per quello femminile. Ma senza dubbio è una strada lunga nella quale bisogna lavorare duro e fare le cose molto bene perché qualcosa possa prosperare, oltre ovviamente a ottenere il sostegno necessario.

READ  L'Inghilterra batte le Fiji 30-24 alla ricerca di un posto nelle semifinali della Coppa del mondo di rugby

Che ricordi hai di quelli che sono stati i tuoi allenatori?

– Di solito conservo solo ricordi positivi, quelli che mi fanno migliorare, quindi ho imparato cose da tutti gli allenatori con cui ho lavorato che mi hanno aiutato a crescere e migliorare, non solo in ambito sportivo ma anche al di fuori di esso. Tra i valori che oggi a volte vengono lasciati da parte.

Uno di loro era suo padre.

– La cosa più sorprendente è stata quando ho ricevuto un'offerta dal club dove si allenava mio padre, l'Ourense Futsal, e ho pensato che potesse essere un'avventura. È stato molto positivo perché giocavo da quattro stagioni nella squadra della mia città e mi hanno impressionato nel senso che la gente l'ha accettato di buon grado, sia i tifosi che i miei compagni. Logicamente, ci sono stati allenatori che mi hanno differenziato un po' dagli altri, come Ramiro Diaz o Manuel Merinho, in età più giovane, ma come ho detto, ho ricevuto cose molto positive da tutti loro.

Ci vedremo presto a Ourense o accetterai qualche offerta da altri paesi?

– La verità è che non si può dire niente a questo mondo, ma ammetto che vorrei passare più tempo a casa. Sono passati molti anni con la borsa in giro, anche se mi adatto bene a stare fuori.

Ti dedicherai a questo sport una volta terminata la tua carriera calcistica?

– Beh, sinceramente mi piacerebbe. Una delle cose a cui sto pensando è continuare a prepararmi in ambiti legati non solo al futsal a livello agonistico, ovviamente, ma anche ad altri ambiti dello sport in generale.

READ  Luoghi speciali per il re degli sport invernali