Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: Meloni conquista il secondo e ultimo voto di fiducia

ROMA (AP) — Il primo governo italiano di estrema destra dalla caduta del fascismo nella seconda guerra mondiale può funzionare dopo che il nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha vinto mercoledì il secondo di due voti di fiducia.

Prima del voto al Senato, Maloney ha criticato gli obiettivi politici del suo governo – esposti martedì alla camera bassa – per aver omesso qualsiasi accenno alla pace come parte del suo sostegno all’Ucraina e delle sue politiche economiche che incoraggiano l’evasione fiscale. I finanziamenti critici forniti dall’Unione europea per la ripresa dalla pandemia di COVID-19 potrebbero risentirne.

Sul fronte economico, Meloni ha detto che andrà avanti con i piani per rimuovere i limiti alle transazioni in contanti che i governi precedenti avevano varato come misura per combattere l’evasione fiscale, ma che, secondo Meloni, sono stati inefficaci. Inoltre, ha affermato, è necessario riallocare parte dei fondi dell’UE per la ripresa post-pandemia, perché i piani decisi prima della guerra in Ucraina hanno alzato i costi dell’energia e delle materie prime.

A partire dalla camera bassa martedì, Meloney ha vinto facilmente entrambi i voti di fiducia. Mercoledì al Senato, il suo governo di coalizione ha votato 115 a favore e 79 contrari, con cinque astensioni. I nuovi governi richiedono voti di fiducia secondo la costituzione italiana.

“Lavorare subito per rispondere alle emergenze che affliggono l’Italia”, ha twittato Meloni dopo il voto.

La Meloni ha prestato giuramento come prima donna primo ministro d’Italia sabato, dopo aver ottenuto il 26% dei voti nelle elezioni parlamentari del mese scorso, con il partito Fratellanza che ha ottenuto il maggior numero di voti. Governa in coalizione con Matteo Salvini, capo della Lega anti-immigrazione, e l’ex premier conservatore Silvio Berlusconi.

READ  L'Italia favorita apre 16 turni contro l'Austria

Meloni ha criticato il fatto che i suoi riferimenti politici al sostegno dell’Italia all’Ucraina non includessero la parola pace.

“Se qualcuno pensa che mi piaccia la guerra, no. Ma devi capire come si ottiene la pace… Non si ottiene la pace sventolando una bandiera arcobaleno a una manifestazione. È difficile raggiungere la pace in questo modo”, ha detto Meloney al Senato.

Ha ribadito la sua decisione di sostenere l’Ucraina nella difesa contro l’aggressione russa, paragonandola al sostegno di una politica di autodifesa contro le intrusioni interne. E ha sottolineato che il sostegno all’Ucraina è necessario anche per la legittimità dell’Italia sulla scena internazionale.

Meloni ha concluso invitando l’opposizione a non bloccare il suo governo per motivi ideologici, ma a votare sulla sostanza delle politiche.

“Non trattenere le critiche, non me lo aspettavo, è sbagliato. Credo nei meriti dei partiti di opposizione, ma quello che chiedo è che si parli di meriti, non si facciano dibattiti ideologici”, ha precisato Meloni.

AP

Conosci lo schema di fiducia