Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia, Francia o Portogallo, i principali paesi in cui il tasso di esercizio supera il 50,7% in Europa

Italia, Francia o Portogallo, i principali paesi in cui il tasso di esercizio supera il 50,7% in Europa

L’Europa si sta muovendo, anche se lentamente, verso una maggiore azione sportiva, e questo apre nuove opportunità per gli operatori spagnoli. Mentre il numero medio di praticanti nel 2014 era del 47,4%, Questo numero è aumentato al 50,7% nel 2019Secondo gli ultimi dati pubblicati da Eurostat. Tuttavia, ci sono ancora paesi in cui il livello di attività fisica è ben al di sotto di questa media – come Francia, Italia, Portogallo o Belgio – che rappresentano un mercato importante per l'industria sportiva.

L’Agenzia europea di statistica considera gli utenti come cittadini che praticano attività fisica almeno una volta alla settimana, che si tratti di esercizio aerobico, allenamento per la forza o entrambi. Prendendo come riferimento questi dati, l’ultima indagine continentale rivela che in termini di densità di popolazione e vicinanza alla Spagna, Francia, Italia e Portogallo sono i paesi con i tassi di attività più bassi nell’UE. Nel caso della Spagna, il tasso di esercizio è leggermente superiore alla mediadel 52,2% nel 2019, ma è aumentato di 5,2 punti percentuali in cinque anni.

Nel caso della Francia, questa cifra ha raggiunto il 41,6% nel 2019, un valore leggermente superiore ai dati forniti. Italia e Portogallo rispettivamente del 31,1% e del 26,9%.. Questa è la percentuale della popolazione che ha ammesso di fare cardio o bodybuilding una volta alla settimana. A queste regioni bisogna aggiungere anche l'esempio di paesi come il Belgio o la Grecia, dove la percentuale di utenti che praticano attività fisica è pari al 38% e al 28,6%. Sebbene questi numeri siano bassi e al di sotto della norma nel Vecchio Continente, la realtà è che nessuno di questi paesi è in fondo alla classifica. Turchia e Romania sono considerati i paesi più inattivi della regione, con il 7,6% e l'8,8% che praticano sport.

READ  In Italia associano Diego Godin al Racing

Le catene di fitness spagnole non sono estranee a questa realtà. Aziende come GO fit e Forus hanno mosso i primi passi per espandersi in Italia, un mercato in cui, prima dell’arrivo della pandemia, il fitness muoveva più di 2.000 milioni di euro all’anno, collocandosi al quinto posto in Europa per fatturato. Nel caso della società di gestione guidata da Gabriel Saez, mesi fa era stata trattata la costruzione di un grande complesso a Milano, mentre Foros ha acquistato 18 centri sportivi a cui ha aggiunto anche un contratto di concessione.

Nel caso del Metropolitan, la società guidata dai fratelli Bellon ha scelto il mercato francese aprendo un club a Nizza. Dobbiamo tenere conto del fatto che, sebbene la Francia sia uno dei paesi più densamente popolati d'Europa, la realtà è che solo l'8% della sua popolazione è registrata in una palestra. Questo dato sorprende se si tiene conto che il Paese è il terzo mercato del fitness in Europa, con un fatturato di 2,5 miliardi di euro, prima della crisi sanitaria. Tutto ciò rende il paese vicino alla Spagna una delle regioni con il maggiore potenziale di crescita per le aziende spagnole, soprattutto nel settore delle palestre premium.

L'anno scorso, altre aziende spagnole, nel settore della vendita al dettaglio, hanno mosso i primi passi per espandere la propria attività in Europa. Un buon esempio è Pádel Nuestro, che nel 2022 aprirà tre negozi a Napoli, Catania e Brescia (Italia); Berria, che ha concentrato la sua espansione su Italia, Germania e Francia, e All For Padel, che è già presente in Italia e sottolinea la forte crescita del padel in paesi come Belgio o Francia. In questo modo, le aziende scelgono i paesi con una popolazione numerosa e dove hanno scoperto che il potenziale di crescita del tasso di esercizio è elevato.

READ  Il messaggio di Rafa Nadal a Carlos Alcaraz dopo essersi dichiarato il più giovane giocatore numero 1 della storia

Le potenzialità del pubblico femminile e “Silver”

Una delle aree di mercato più importanti per l’industria sportiva, in tutti i Paesi, è il pubblico femminile. Mentre la partecipazione media allo sport in Europa nel 2019 era del 57,7% per gli uomini, questa cifra scende al 44,3% per le donne.. Si tratta di una situazione che, se analizzata paese per paese, si ripete in tutte le regioni tranne la Danimarca, dove l’88,3% degli uomini pratica attività fisica almeno una volta alla settimana contro il 90,4% delle donne, e l’Islanda, dove sono più attivi delle donne. loro.

Questa situazione non è stata osservata in Spagna, dove la percentuale di ragazzi che praticano sport è del 60,8%, mentre quella delle ragazze è del 44%.. È al di sotto della media europea, mentre la supera di circa 3 punti percentuali. Questi numeri rivelano il ritardo verificatosi nell’integrazione delle donne nei centri di formazione o negli sport federali, nonché la mancanza di strutture sportive per le proprie classi e attività, che iniziarono a guadagnare popolarità dopo l’inizio del XX secolo.

Un altro settore in cui quello sportivo può trovare un grande potenziale di crescita è se si prende in considerazione la fascia d’età. La media europea dell’attività fisica settimanale nelle persone di età superiore ai 65 anni è del 34,9%, un valore particolarmente basso in paesi simili alla Spagna in termini di popolazione, come l’Italia, con il 14% di questa popolazione, e il Belgio e il Portogallo (con il 14%). di questo pubblico). Circa l'11% o la Grecia (6,7%).

Anche Francia e Spagna presentano valori inferiori alla media, ma entrambe superiori al 29%. Nel caso della Spagna, secondo un rapporto del Fitness Data Center, le palestre hanno perso il 20% dei loro iscritti di età superiore ai 60 anni dopo la pandemia. Il recupero di questa fascia d'età è un tema in sospeso per il settore, che posiziona questo profilo di pubblico come una tipologia di cliente interessante sia in termini di potere d'acquisto che di dimensione, soprattutto nel contesto di una popolazione sempre più anziana.

READ  A River era noto l'infortunio di Enzo Perez: arriverà in Super Clasico?

Nel caso dei più giovani, la fascia di età compresa tra 18 e 29 anni, la media europea è migliorata tra il 2014 e il 2019 fino a raggiungere un tasso di esercizio settimanale del 76,4%. Lo stesso è accaduto con i giovani spagnoli: mentre nel 2014 erano il 70,5% di coloro che facevano attività fisica, nel 2019 erano già il 79%. Tuttavia, ancora una volta, la differenza tra uomini e donne in questa fascia di età è particolarmente evidente, con il 94,8% degli uomini che fanno attività fisica rispetto al 69% delle donne.