Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Investimento nella ricerca di Boehringer Ingelheim

Investimento nella ricerca di Boehringer Ingelheim

Farmaceutico Boehringer Ingelheim Molto impegnato innovazione A livello globale e locale. A livello globale, Investire nella ricerca, Sviluppo e innovazione Nel 2023 il tasso di ricerca, sviluppo e innovazione è aumentato del 14,2% rispetto al 2022, con 5,8 miliardi di euro. Questo importo rappresenta il 22,5% delle vendite nette del gruppo.

Inoltre, solo in Spagna, Gli investimenti sono aumentati del 36%.passati da 46,1 milioni di euro nel 2022 a 62,7 milioni nel 2023. Questi dati riflettono l’11,5% delle vendite nette dell’azienda. Il segmento dei prodotti farmaceutici soggetti a prescrizione della controllata spagnola. Scrittura medica Un’intervista con Martin Plotkin, Direttore Medicina, Ricerca e Sviluppo, Boehringer Ingelheim, Spagna, per valutare quest’ultimo esercizio

Come è stato ottenuto questo aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo rispetto all’anno precedente?

A livello globale, ciò è reso possibile dalla forte accelerazione della nostra pipeline, con gli studi più avanzati nelle aree di ricerca chiave che procedono come previsto. Durante lo scorso anno fiscale, le autorità di regolamentazione hanno concesso cinque designazioni FDA accelerate e una designazione FDA di terapia rivoluzionaria, oltre all’accettazione da parte di EMA PRIME in Europa. Siamo leader nei trattamenti innovativi in ​​aree con importanti esigenze mediche insoddisfatte dei pazienti.

Questi dati riflettono il forte impegno dell’azienda in ricerca e sviluppo. Ma questo non è solo un impegno globale, ma a livello locale, ci siamo distinti nell’ultimo anno attraverso un aumento significativo dello sviluppo clinico e dell’innovazione industriale.

Disponiamo di due stabilimenti di produzione strategici in Spagna, focalizzati sulla fornitura di servizi internazionali. Esportiamo questi prodotti in più di 80 paesi. Da un lato, uno dei nostri stabilimenti si concentra sulla produzione di iniezioni e orali (per i principali farmaci dell’azienda per il trattamento di malattie cardiache, renali e metaboliche); Il secondo, invece, è dedicato alla produzione e al confezionamento dei nostri dispositivi per le malattie respiratorie (come BPCO, BPCO e asma).

Negli ultimi sette anni questi centri hanno investito più di 224 milioni di euro. Inoltre, stiamo rafforzando il carattere innovativo della filiale spagnola, attraverso piani pianificati, in cui prevediamo di stanziare più di 90 milioni di euro nel periodo dal 2024 al 2027 per una nuova piattaforma tecnologica di produzione. Ma soprattutto, uno dei dati più umanitari per noi e di cui siamo più onorati è che solo lo scorso anno abbiamo contribuito a migliorare la salute di 61 milioni di pazienti in tutto il mondo e di più di un milione in Spagna.

READ  Alla Casa del Arte UdeC sarà inaugurata la mostra “Italia: L'Arte della Scienza”.

Che ruolo gioca Boehringer Ingelheim se parliamo di innovazione in Spagna?

I risultati mostrano che restiamo all’avanguardia nell’innovazione, rendendoci un agente chiave nel sistema sanitario spagnolo. Siamo tra le prime 11 aziende nel mercato ospedaliero e delle prescrizioni e siamo l’innovatore numero 1 nel mercato al dettaglio della salute umana. Nella salute degli animali, siamo leader nel settore dei cavalli e secondi nel settore dei suini e degli animali da compagnia.

Siamo una delle aziende di questo settore che investe maggiormente in ricerca e sviluppo. La nostra strategia di ricerca sulla salute umana si concentra su 6 aree terapeutiche: cardiologia, malattie renali e metaboliche, malattie respiratorie, oncologia, immunologia, salute mentale e salute della retina. Nella salute animale, aggiungiamo valore attraverso l’innovazione per prevenire e curare le malattie negli animali, e questo ci avvicina alla professione veterinaria.

Dalla Spagna, abbiamo dimostrato il nostro ruolo distintivo come posizione strategica per il gruppo a livello globale, poiché è il quarto paese con il maggior numero di studi clinici per l’istituzione e il terzo con il maggior numero di studi in oncologia. Pertanto, nell’ultimo anno, l’azienda è emersa localmente con le sue elevate capacità di ricerca, partecipando a ben 67 studi clinici internazionali nel campo della salute umana, con un investimento di oltre 13 milioni di euro.

E oltre la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione?

Oltre al nostro impegno nella ricerca, nello sviluppo e nell’innovazione, innoviamo anche attraverso la creazione di soluzioni digitali per l’assistenza sanitaria, nonché nel modo in cui lavoriamo, dove sosteniamo la co-creazione di progetti di trasformazione sanitaria insieme a istituzioni, manager , società scientifiche e organizzazioni di pazienti, tra gli altri fattori del nostro ecosistema sanitario.

Nell’ultimo anno, Boehringer si è affermata come azienda farmaceutica leader, partecipando attivamente ai più importanti forum sull’innovazione sia a livello nazionale che internazionale, tra cui Mobile World Congress, BioSpain, Health Revolution Conference, South Summit tra gli altri, oltre alle principali conferenze. Accordi con i maggiori centri tecnologici e di innovazione. Questi interventi dimostrano il forte impegno della sede spagnola dell’azienda nell’ecosistema globale dell’innovazione per trasformare i sistemi sanitari.

READ  Dallo stetoscopio alla realtà virtuale

L’azione congiunta e la cooperazione con tutti gli attori del sistema ci hanno ispirato a camminare insieme verso la sua trasformazione, favorendo così un futuro capace di incidere positivamente sulle generazioni attuali e future. Il nostro obiettivo è migliorare la vita dei pazienti (umani e animali) con bisogni medici insoddisfatti, e lo facciamo oltre i nostri prodotti farmaceutici, incorporando anche nuove tecnologie che ci consentono di essere in prima linea nell’innovazione sanitaria. Ci impegniamo a sfruttare il potenziale dei dati e della digitalizzazione per migliorare la prevenzione, la diagnosi, la valutazione e il trattamento, utilizzando la terapia digitale, la medicina genomica o l’intelligenza artificiale.


“Siamo impegnati a sfruttare il potenziale dei dati e della digitalizzazione per migliorare la prevenzione, la diagnosi, la valutazione e il trattamento”.

Queste nuove tendenze in campo sanitario stanno già diventando realtà e, pertanto, è essenziale prepararsi insieme per integrarle in modo equo, sicuro e responsabile. Inoltre, abbiamo intensificato il nostro lavoro per affrontare le sfide associate alle malattie prevalenti nella popolazione spagnola, come la malattia renale cronica, l’insufficienza cardiaca o la fibrosi polmonare, una condizione comune in un ampio gruppo di malattie polmonari note come ILD.

Per questo motivo, incoraggiamo programmi come InterCede (Modelli di cura per pazienti con malattia renale cronica), MAIC (Modelli di cura per pazienti con insufficienza cardiaca), per migliorare il loro approccio con una visione olistica e focalizzata sul paziente, o in nel campo della fibrosi, il progetto QualyEPI Per migliorare la qualità dell’assistenza ai pazienti con malattia polmonare interstiziale diffusa (DILD).

Quanto è coinvolta l’azienda negli studi clinici internazionali?

La nostra missione è promuovere l’innovazione, perché migliorare la salute dei pazienti è la ragion d’essere dell’azienda. Pertanto, avviamo nuove linee di ricerca, identifichiamo le future sfide sanitarie e acceleriamo nuove scoperte scientifiche per i pazienti in quelle aree in cui possiamo trarre maggiori benefici.

Dalla Spagna, come abbiamo accennato, nell’ultimo anno abbiamo partecipato a 67 studi clinici internazionali relativi alla salute umana. Allo stesso modo, il nostro impegno nella ricerca, nello sviluppo e nell’innovazione si riflette nella piena partecipazione di oltre 10.000 pazienti a livello locale agli studi clinici negli ultimi 10 anni.

Nel girone si distingue la Spagna per la sua partecipazione alle prime fasi di sviluppo, con ben tre prove su quattro nella prima e nella seconda fase. In totale sono stati condotti 25 studi di fase I, il 37% dei quali in oncologia; 27 studi di fase 2, concentrati su aree quali l’immunologia, il sistema nervoso centrale o il sistema respiratorio; E 14 della terza fase, che rappresentano il 21 per cento del totale. Tutto ciò ha portato alla partecipazione a queste linee di ricerca di 578 pazienti, distribuiti in 65 centri sanitari in tutto il Paese. Abbiamo così contato 224 partecipanti (numero di sperimentazioni per centro sanitario), ovvero un aumento del 26% rispetto all’anno precedente. Questi numeri supportano la posizione della Spagna come paese innovativo nel progresso scientifico.

Su quali aree ti sei concentrato?

Per affrontare le future sfide sanitarie e continuare a migliorare la vita delle persone, abbiamo studiato 27 farmaci per varie malattie prevalenti in aree quali salute mentale, retinopatia diabetica, malattie respiratorie, malattie della pelle, malattie cardiache, malattie renali e metaboliche, tra gli altri.

Quali novità riserverà la vostra futura pipeline?

Se parliamo di futuri progetti di ricerca, a livello globale, è previsto l’avvio di 10 nuovi studi di fase II e fase 2 nei prossimi 12-18 mesi, con l’obiettivo di ottenere la licenza di 25 nuovi trattamenti per la salute umana entro il 2030. Anche dal punto di vista della salute animale e dal punto di vista globale, entro il 2026 sono previsti altri 20 lanci sul mercato, inclusi aggiornamenti di prodotto, estensioni di indicatori e nuovi prodotti. Senza dubbio continueremo a investire in ricerca e sviluppo per contribuire a migliorare la vita dei pazienti con bisogni medici non soddisfatti, in modo da poter contribuire alla salute delle persone, degli animali e dell’ambiente.

Sebbene possano contenere dichiarazioni, dichiarazioni o osservazioni di istituzioni o professionisti sanitari, le informazioni contenute nella scrittura medica sono curate e preparate da giornalisti. Raccomandiamo al lettore di consultare qualsiasi domanda relativa alla salute con un operatore sanitario.