Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Iñigo San Millán, ha insegnato Juan Ayuso: “Vogliamo tutti un nuovo Induráin, ma è ancora troppo presto”

23-Juan Ayuso-Collback-Giro-Italia-Sub 23

Foto: Giro d’Italia Giovani Under 23

Juan Ayuso (2002) ha dimostrato in questo primo terzo della stagione di essere un prodigio, con il suo splendore di dominio nel Giro d’Italia sub23. Tuttavia, Inigo San Millan, head of performance per l’UAE team Emirates, preferisce stare attento, anche quando si rende conto degli ottimi valori offerti dal pilota spagnolo.

A soli 18 anni – ne compirà 19 a settembre – Ayuso ha stupito nel 2021, con nove vittorie nel calendario agonistico italiano. Dilettante alla sua prima stagione nella categoria. Secondo il San Milan ha ancora dei gradini da fare. “Io andrei con il freno a mano. Vogliamo tutti un nuovo Induráin, è il nostro turno. Tutti i paesi con una tradizione ciclistica ne hanno uno ogni 20-25 anni. La Spagna è in aumento. È vero che quello che sta facendo Juan Ayuso non lo fa nessuno, ma d’altronde è ancora prematuro. Non sappiamo ancora come si comporterà quando andrà al WorldTour, o come si prenderà la pressione e la responsabilità. Devi lasciargli una piccola responsabilità. Tutto arriverà al momento giusto. Io, almeno, lo rallento molto nelle sessioni. Quest’anno in realtà voleva fare quattro o cinque ore di allenamento, ma aveva ancora bisogno di allenarsi come dilettante. Sono molto ottimista, ma devi andare in silenzio”, ha sottolineato nello show Podcast Bisikabapodcast sul ciclismo Tribuna Marca de Radio Marca Barcelona.

Il fisiologo spagnolo, che negli Emirati è anche Tadej Pujacar, non smentisce le cifre fornite da Ayuso e la sua strepitosa crescita. Due volte campione junior di Spagna l’anno scorso, non ha avuto bisogno di adattarsi per dominare l’under 23. «I parametri fisiologici sono molto buoni. Ha fatto un cambiamento importante rispetto allo scorso anno, che è il massimo che volevo vedere. Quando i ragazzi hanno 17-18 anni, ci sono persone che sono fisiologicamente più mature ma hanno una progressione negativa, cioè ogni anno si sviluppano meno. Juan ha fatto così tanti progressi rispetto allo scorso anno che non è uno di quei corridori con progressi negativi. Ma insisto che dovresti prendere tutto con le pinzette. Ad ogni modo, non ho ancora tanti dati fisiologici come con Tadig, ma abbiamo visto stress test e la sua capacità di recuperare. L’abbiamo studiato anche con un tachimetro. Nel momento in cui tornano a casa, questo viene caricato nel cloud e abbiamo i loro dati di allenamento. Ecco perché posso dirti che È molto buono‘, è stato analizzato.

Foto: Giro d’Italia Giovani Under 23

Le innegabili virtù che San Milan e il resto dello staff tecnico hanno ormai formato negli Emirati Arabi senza pressioni sul Valencia. “È completo, ma non lo confrontiamo mai con nessuno. Tanto meno con 18. Juan Ayuso dovrebbe essere ed essere il meglio che può essere. È molto bravo in crono, arrampicata e corsa. Ma c’è anche una squadra dietro: abbiamo uno dei migliori nutrizionisti del mondo, Gorka Prieto, che sa quanti grammi di carboidrati e grassi mangiare al giorno. Lo stesso vale per Yeyo Corral, uno dei migliori biomeccanici in circolazione, che lavora anche con Pogacar. Oggi operiamo in maniera multidisciplinare e tutti cerchiamo di lucidare da un lato. Sono il primo a pensare che a 18 anni è ancora un po’ presto per lavorare così, ma oggi è tutto così impegnato che non possiamo più tirarci indietro. Quello che faccio è fermarlo, ora che ha vinto Jerrino gli dico di non chiamarmi e riposarsi. Dovresti divertirti un po’, e io mi concentro molto su questo”.

READ  Si prendeva cura dei bambini, faceva prescrizioni e gestiva una clinica: non aveva mai studiato medicina.

Juan Ayuso: “Ora mi aspetta il passaggio al professionismo”