Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In Italia hanno rimosso la rete che vende liquori illeciti da Argentina, Brasile, Colombia, Cuba e Messico.

File foto degli agenti di polizia italiani (Europe Press)

In Italia, una rete di vendita illegale di liquori provenienti da Brasile, Argentina, Cuba, Messico e Colombia è stata rimossa a seguito di un’azione di polizia nelle città di Bergamo e Como. (Nord) Sono state sequestrate più di 4.500 bottiglie di liquori “di contrabbando”, ha annunciato sabato Cardia de Finance (Polizia finanziaria).

A parte l’alcol, alcuni Merci contraffatte (comprese maschere di sicurezza con raffigurazioni illegali dei marchi Disney e Marvel) e mezza tonnellata di prodotti alimentari avariatiLo spiega la Guardia di Finanza in un comunicato.

Gli agenti hanno resistito “Eliminare le pratiche fraudolente come l’introduzione segreta di liquori dall’estero attraverso mezzi non autorizzati, in particolare l’elusione del deposito presso strutture autorizzate per la produzione, la trasformazione, la conservazione, il ricevimento o la spedizione di merci soggette ad accisa”.

Gli oggetti sequestrati includono Whisky, tequila, rum, vodka e birra E l’importazione di questi prodotti illegali, principalmente fabbricati Brasile, Argentina, Cuba, Messico e ColombiaL’intera evasione fiscale è stata eseguita, ha aggiunto la polizia.

Gli interventi delle forze dell’ordine hanno reso possibile il sequestro totale 1.540 bottiglie di liquori e alcolici hanno evaso le accise e più di 3.000 bottiglie hanno confermato la frode.Così come l’intercettazione dell’immediata distruzione di quasi mezza tonnellata di prodotti alimentari mal conservati, inclusi pollo, pesce, spezie e farina.

Ha condotto anche la ricerca Condannare il legale rappresentante della società dinanzi agli avvocati di Como e BergamoTra i cittadini peruviani, le principali violazioni sono il pagamento e lo scioglimento di tasse speciali sui liquori, banconote false, ricettazione, impiego di lavoratori illegali nel territorio dello stato e scarsa sicurezza alimentare.

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccino dal 7 marzo

(Con informazioni da EFE)

Continua a leggere: