Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In corsa per trovare i malati

Dopo l’allarmante pandemia di COVID, si teme che i casi di altre gravi malattie che sono prevenibili e curabili ma “rimangono nascoste” fino a quando le conseguenze non saranno chiare, possano aumentare drammaticamente. Il Infiammazione della leva Le malattie virali sono malattie che, secondo le stime, colpiscono più di 350 milioni di persone nel mondo e causano molti decessi.

In Argentina, si stima che tra 6 e 7 su 10 lo ignorino.

È una “luce rossa” che si accende Salute In linea con la proposta della Global Hepatitis Alliance e nell’ambito della Giornata Mondiale dell’Epatite Virale, che si celebra il 28 luglio di ogni anno, il coordinamento dell’epatite virale è stato coordinato dal Ministero della Salute e dalla Società Argentina di Epatologia (SAHE ) e il coordinamento organizzato dal Ministero della Salute Sessuale, dell’AIDS e delle Malattie Trasmesse Percorso sessuale e da molti enti ed enti del Paese una giornata di sensibilizzazione, test dell’epatite virale e vaccinazione per gli adulti.

“Le varie organizzazioni coinvolte riconoscono che gli sforzi del sistema sanitario, della comunità medica e del pubblico in generale devono essere raddoppiati per aumentare la scoperta I pazientiHa avvertito che non sono stati trovati o, più probabilmente, non sono sufficientemente studiati, anche se oggi tutti hanno accesso ai farmaci per curarli.

“Centinaia di migliaia di argentini da anni portano nei loro corpi una bomba a orologeria, non sapendo che sta causando danni irreparabili e mettendo in pericolo la loro vita”, ha spiegato Robin Cantelmi, paziente e presidente di Buena Vida.

I test rapidi – individuati – consentono di rilevare in pochi minuti la presenza del virus e di avviare il percorso di cura, con farmaci coperti al 100% dal sistema sanitario che elimina la malattia nel giro di poche settimane.

READ  La dittatura cubana ha ampliato l'invio di medici all'estero nonostante il crollo del sistema sanitario dell'isola a causa del COVID-19

Da Health, specialisti di tutto il Paese sono stati chiamati a unirsi alla strategia di revisione delle cartelle cliniche dei pazienti diagnosticati per ricontattarli e riprendere il loro percorso verso il trattamento.

Dal ministero della salute del Paese, il coordinatore dell’epatite virale Soledad Alonso ha sottolineato che “nello stato, la previdenza sociale, il pagamento anticipato e il ministero della Salute coprono i farmaci al 100%, indipendentemente dal livello o dal grado di progressione in cui è stata riscontrata la malattia, quindi È importante sottolineare che, senza coordinamento, sosteniamo che le persone di età superiore ai 18 anni siano sottoposte al test, almeno una volta nella vita, e in tutte le donne in gravidanza di qualsiasi età. È anche importante garantire che coloro che hanno già una diagnosi tornare al sistema sanitario e sono guariti, e quindi essere in grado di evitare gravi conseguenze al fegato in futuro”.

Corri dietro ai malati

Sono in corso lavori per trovare i pazienti e garantire che traggano beneficio dai farmaci disponibili, per i quali sono in corso molteplici proposte di screening in tutto il paese e nell’ambito di strategie diverse. L’iniziativa, che si sta rivelando uno dei modi più diretti per curare le persone affette da epatite, fa parte della strategia della “riconnessione”.

La proposta è che vari servizi di epatologia, gastroenterologia e malattie infettive esaminino le cartelle cliniche dei pazienti che hanno ricevuto una diagnosi, ma non sono tornati alla consulenza per il trattamento e il recupero dalle loro cartelle. Se hanno bisogno di consigli su come fare i primi passi per farlo, l’organizzazione si provvede ad accompagnare il processo.

READ  Il progetto della settimana lavorativa di quattro giorni, ora in Cile | Presentato al Congresso

Un’altra strategia molto efficace chiamata smaltimento attento in una popolazione prioritaria è quella di testare specificamente le popolazioni ad alto rischio, quelle che hanno maggiori possibilità di entrare in contatto con sangue contaminato, anche in molti casi involontariamente.

“Lasciarsi in pace è la cosa peggiore che puoi fare, perché il virus si sviluppa senza preavviso fino a quando può causare cirrosi (non alcolica), insufficienza epatica, cancro al fegato o richiedere un trapianto, quindi è importante non dare una misura al virus di vantaggio.”, Specialisti leader.

>> “prima e dopo”

In merito alla recente sanzione della legge nazionale sulla risposta globale all’HIV, all’epatite virale, ad altre malattie sessualmente trasmissibili e alla tubercolosi, Maria Eugenia de Vio, presidente della Fondazione HCV senza frontiere, ha indicato che rappresenta il “prima e dopo” l’epatite virale in Argentina che è una misura che rafforza il desiderio di percorrere la strada verso l’eliminazione dell’epatite C entro il 2030, come proposto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità”.

Che la legge sia una “risposta globale” che stabilisca un quadro per garantire la copertura, l’accesso alla diagnosi (un’anticipazione dell’obbligo di fornire test proattivi per l’epatite B e C) e l’assistenza multidisciplinare (sociale, legale, psicologica, medica, farmaceutica, circa la riabilitazione e anche le cure palliative), non solo per le malattie del fegato ma anche per le comorbidità. Secondo quanto riferito, prevede anche l’accesso ai diritti sociali, come il prepensionamento o la pensione, se del caso.