Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Immersioni in Italia, mare pulito e meraviglioso

  • Le immersioni in Italia sono interessanti, è un paese molto ricco e diversificato, ed ha anche un mare ben conservato
  • Tra le specie più importanti ci sono la Posidonia oceanica e la Cystoseira, che indicano la qualità delle acque in Italia
  • Sono molte le zone di immersione nella penisola italiana che meritano una visita sia come turista che come sub.

ogni anno In Italia c'è il riconoscimento delle spiagge meglio gestite E il più pulito. Questo tipo di riconoscimento si chiama “Bandiera blu“.

Immagine 1.

A Nell'estate 2014 le spiagge meglio conservate soprattutto in termini di qualità delle acque sono state riscontrate in alcune regioni italianePer esempio Toscana, Liguria, Marche, Emilia-Romagna, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna. La gestione della spiaggia qui è eccellente.

Sappiamo che, a parte la gestione, ci sono fattori vitali che sono molto importanti per conoscere la qualità, cosa che conosciamo da alcune specie marine, ad es. Posidonia Oceania E il CestoceraUna chiara indicazione che non c'è inquinamento nel mare.

IL Posidonia Oceania (Foto 1), Specie endemiche nel Mediterraneo Si tratta di un chiaro indicatore che conferma le condizioni chimico-fisiche ottimali delle acque e le condizioni biologiche delle acque costiere.

Le zone dell'Isola d'Elba in Toscana sono tra le località a più alta densità di prati Posidonia Oceania E ovviamente una qualità dell'acqua ideale. È anche uno dei siti di immersione più belli.

Un altro aspetto importante della qualità dell'acqua è la presenza di alghe fotofile come Cystoseira amentacea var. rigoroso (Foto 2). È una specie endemica del Mediterraneo e si trova principalmente nelle regioni del Mar Tirreno. È gentile Molto sensibile all'inquinamento Pertanto scompare molto facilmente quando si verificano cambiamenti nell'ambiente marino. Nella zona marittima di Portofino (Liguria), sono molto comuni lungo tutta la costa meridionale.

READ  È stato accolto il primo medico argentino di etnia Wichi laureato all'UNNE
Immagine 2.

¿Dove immergersi in Italia?

Il mare pulito lo consente Italia Ci si può immergere moltissimo, essendo una destinazione non così popolare come altre destinazioni del Mediterraneo come Malta.

In La popolazione italiana di appassionati di immersioni è di circa 300.000 persone E ogni anno aumenta di più. I centri immersioni sono completamente attrezzati per i subacquei e le immersioni vengono sempre effettuate con il minimo impatto ambientale per non rovinare l'ambiente marino. Molti centri di immersione si trovano vicino ad aree marine protette e qui i controlli sono più elevati.

Di tutti i posti meravigliosi in cui immergersi in Italia, ce n'è 38 È considerato uno dei luoghi più belli del mondo per la ricchezza di specie marine e piante marine. Ce ne sono molti in alcuni Le migliori aree marine protette d'ItaliaPer esempio Torre Goasito (Pulia), Isole Tremiti (Pulia), Capo Carbonara (Sardegna), Isola di Tavolara (Sardegna), Ustica (Sicilia), Riserva marina di Castellabate nei pressi del Parco dell'Argentario (Campania).

Come abbiamo detto prima I posti sono 38 per un totale di 102 immersioni. A Girona in Italia Di immersione in immersione e si parte da Portofino (Liguria) nei pressi dell'area marina protetta “Cinque Terre“A Lampedusa e dall'Arcipelago della Maddalena al Conero: un percorso che si estende dal Mar Tirreno al Mar Adriatico. Tra le regioni con il maggior numero di siti di immersione ricordiamo la Sardegna con 24 siti, seguita dalla Sicilia con 11 siti e infine dalla Campania con 10 siti.

Uno dei siti Il più interessante della penisola italiana è il Santuario dei Cetacei, È un giardino immerso. È una riserva di osservazione delle balene che comprende la Liguria, il Principato di Monaco, la Toscana e la Sardegna. Qui è possibile vedere la più grande concentrazione di delfini presente in tutto il Mar Mediterraneo e vedere la balenottera comune, il suo nome specifico è Palanotteri Physalus (Foto 3).