Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il titolo di Akon al Giro d’Italia

Camilo Amaya, giornalista di L Spectre, ha seguito Egan Bernal durante il Giro d’Italia. / File personale

Gli eventi importanti, anche se non li sentiamo, non vengono dalla testa, ma dai sensi. Ecco perché gli eventi trascendentali sono vuoti, e andranno perduti se non saranno intesi come contenitori da riempire con le cose che si percepiscono.

Ricordare il titolo di Egan Bernal al Giro d’Italia 2021 mi ha portato in un viaggio fallito attraverso un ricordo di cui non ero orgoglioso perché sarebbe trapelato quando ce n’era più bisogno. Ho dovuto ricorrere alle emozioni, in primo luogo, prima di lasciare la Colombia, un impiegato iberico, molto testardo, non mi ha lasciato salire sull’aereo.

Se sei interessato a leggere di più sul gioco, puoi iscriverti qui

– Ma perché viaggi in Italia?

– Dal lavoro, a Zero.

– Ma hai intenzione di visitare?

– nessun lavoro.

Indubbiamente, un uomo che conosce poco il mondo del ciclismo dimentica cosa potrebbe essere successo, cosa è successo alla fine. Naturalmente, Govit-19 è stato completamente prevenuto dall’infezione. Io, fino al midollo, ho avuto uno scontro, che mi ha fatto aspettare due ore in più del normale per salire.

In Italia è arrivata un’altra sensazione: la mia ansia di entrare in uno dei paesi più colpiti dal virus corona e di ottenere una documentazione completa e non solo. Tuttavia, il processo di immigrazione è stato semplice e veloce. Iniziò così un’avventura di Donetsk a Torino, con la fiducia arricchita dalla stampa locale, che più volte sosteneva che fosse la preferita di Bernal, e che avesse vestito il colombiano da uno di loro, approfittando della coincidenza. ‘T. Lo stesso giorno (13 gennaio) è nato Marco Pontani.

READ  Una banda arrestata a Madrid è stata condannata all'ergastolo in Italia

Può leggere: Egan Bernal e il Giro lo resuscitano

In seguito, l’alpinista appare impaziente e va a rispondere alla colonna vertebrale, per scoprire la sua vera condizione fisica. Molto prima del previsto – la prima delizia di molti, poi è arrivata – Combo Felice e The Strada sterrata.

Inios è il leader della squadra che devasta tutti in modo devastante Maglione rosa A lui dopo aver vinto la nona tappa. Felicità, ma allo stesso tempo preoccupazione collettiva per ciò che sta accadendo nel Paese. Bernal come simbolo di fiducia e unità tra gli oppositori. “Penso sempre alla Colombia e quello che sta succedendo nel mio paese mi fa male. Ecco perché voglio dare loro una grande vittoria in questo momento difficile che stanno attraversando”, ha detto con voce pura.

Potresti essere interessato a: Questo è ciò che Egan Bernal ha detto a LSpecter dopo aver vinto lo Zero de Italy 2021

Col passare dei giorni, seguendo il percorso della mente, il percorso del perdono e il percorso dei sensi, Inios era soddisfatto del modo in cui lavorava per mantenere tale armonia e leadership. Filippo Khanna avanza come un motore, Gianni Mascon e Jonathan Nervous sono pronti a bruciarsi se necessario, Jonathan Castrovijo analizza le variabili e spiega i momenti Daniel Martinez, Loyal Square.

Dall’altra parte della strada, durante il mio primo giorno di relax ad Assisi, ho notato che Enioce stava bevendo un caffè in un negozio a un paio di isolati dalla Basilica di San Francisco. Quel 18 maggio ho verificato che i sorrisi che si percepiscono solo attraverso l’apparenza (mascherine) sono veri e sinceri. Compagno puro. Questa è anche una delle poche volte in cui mi avvicino senza rigide restrizioni sul sistema.

READ  Spia: la Russia espelle un ambasciatore dall'ambasciata italiana

Dominando tutti gli aspetti della gara, sono stato felice di vedere Bernal gestire il suo sforzo e lo sforzo dei suoi compagni di squadra. Sono rimasto sorpreso quando è arrivato da solo alla Cardina de Ambesso, che alla fine non è stata la regina perché il giorno prima dell’imbarco per Fedoya e Porto è stato annullato per problemi meteo nel cuore delle Dolomiti. Sì, gli è stato strappato un viaggio che sarebbe stato epico, ma non ha nascosto quello che era successo. Bernal era vestito di rosa e gridava “Bandani, Bandani” con i pugni al vento gelido.

Noi raccomandiamo: Intervista a Egan Bernal dopo la vittoria sul Giro d’Italia

Ma non tutto può essere così grandioso come si prevedeva nel 700° anniversario di Donte Aliqueri. Manca il sentiero che porta attraverso la raffineria Umorismo divino riguardo a questo. È successo il 26 maggio mentre saliva a Seka de Ala.

Bernal si affrettò, commise due errori tattici e subì un viaggio eterno e sconosciuto. La mia ansia e impazienza sono arrivate, e ancora, per fortuna, la tranquillità di Daniel Martinez che mi ha incoraggiato ad affrontare la realtà e portare il suo compagno al traguardo. Bernal ha difeso il vantaggio, ha superato la prova e ha ricevuto una visita inaspettata nella zona mista. Una donna bassa gli si avvicinò, gli mostrò il Sensei Fine Trophy e gli sussurrò alcune parole. Poi Tonina Pontani, 90 anni della Maglia Rosa, ci ha chiamato e ci ha detto: “E’ stato come abbracciare mio figlio”.

Già il 30 maggio, 3.650 chilometri sopra Piazza del Duomo a Milano (in macchina, ovviamente), c’era nostalgia per tutta la giornata e c’era un accenno di lacrime quando Bernal è salito sul palco e ha alzato il bellissimo trofeo rosa del ciclismo. .

READ  Pallaganestro Trieste con l'Argentina, non nel basket italiano

La macchia di umidità sul viso (sì, sono comparse le lacrime) ha confuso lo champagne caduto dal palco in piena festa. Dopo la conferenza stampa, Bernal ha infranto il protocollo e ha parlato in spagnolo, salutando i colombiani giunti nel luogo più iconico di Milano. E il ritornello mi fa ancora venire i brividi al ricordo: “Egan Bernal, orgoglio nazionale”.

Quanto sopra è un tentativo semplificato di spiegare un evento così grande, attraverso i sensi, come base per ricordare la cultura dell’emozione.

Fonte: Camilo Amaya