Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sito aragonese di La Cabaneta, la “piccola Italia” in Spagna

Il sito aragonese di La Cabaneta, la “piccola Italia” in Spagna

2.000 anni fa, prima della fondazione di una delle città più importanti dell’Impero Romano, Cesaregusta (Saragozza), una città con un porto, magazzini, una grande piazza, sorgenti termali e, forse, un tempio. Il suo nome è sconosciuto, anche se si ritiene che la sua vita sia stata transitoria e potrebbe essere stata violentemente distrutta. Guerre Sertoriane. Oggi i suoi resti vengono chiamati CabanetaPerché gli corre vicino La cabina reale di pastori disumani. Nel corso della sua lunga vita, questa città ancora senza nome fu fondata nel II secolo a.C. C. Fu saccheggiato, coltivato e urbanizzato per servire come accampamento militare per una legione romana e i suoi ausiliari di circa 6.000 uomini. Attualmente appartiene al Comune Borgo dell’EbroA 17 chilometri da Saragozza.

Scavi archeologici Sito romano-repubblicano Dopo un intervallo di un decennio, quelli lanciati nel 2023 continueranno a riprendere questo luglio. L’anno scorso, buona parte della campagna iniziale è stata dedicata alla pulizia del sito dopo 10 anni Lavoro sul campo. Finora è stato scavato dal 20 al 25% della superficie totale del sito.

clicca per ingrandire

cadere.

Proseguono i lavori nella zona centrale DepositareDove sono i resti? Foro antico identificato all’interno Penisola Iberica. Obiettivo della campagna 2024 è cercare di identificare i resti del tempio, “considerando altri scavi simili che possano ricondurre al complesso iconografico”. Il foro rinvenuto durante la precedente campagna di scavo era un luogo destinato alla celebrazione di cerimonie sacre alle quali partecipava l’intera comunità. “Prima era diretto dal preside Tempio della città”, spiega così il ricercatore Borja Diaz“Sarebbe ragionevole pensare che seguendo i suggerimenti dell’architetto romano VitruvioIl tempio di La Cabañeta si trova nel portico sud del Foro, dove si concentreranno gli scavi durante la campagna del 2024.”

“Piccola Italia” spagnola

In Cabaneta Resti di un’importante città fondata dai Romani nell’ultimo terzo del II secolo aC, poco dopo la sconfitta dei Romani. Celtiberi di Numancia. Il suo antico nome è attualmente sconosciuto, anche se si ritiene che la città ebbe vita breve e probabilmente fu violentemente distrutta durante le Guerre Serdoriane negli anni ’70 del I secolo a.C.

Il sito è classificato come avente 100 anni di storia in più rispetto alla città di Saragozza (Caesaragusta). Beni di Interesse Culturale (BIC), ed è considerato uno dei più importanti della penisola iberica Europa, anche se i suoi scavi non sono ancora iniziati. I lavori iniziarono agli inizi degli anni 2000 grazie al lavoro di un archeologo ANTONIO FERRUELA GONSALVO e professore dell’Università di Valladolid José Antonio Minguez Morales. Tali scavi hanno portato alla luce i resti di un interessante edificio adibito a magazzino, probabilmente utilizzato come sede di una corporazione di mercanti italiani; Oltre che un bagno pubblico con un’ampia aula magna, è uno dei complessi termali romani di epoca repubblicana meglio conservati al mondo. Mediterraneo occidentale.

READ  Duván Zapata può "andare in aereo" verso la squadra neopromossa in Italia

L’enclave ha subito cambiamenti dovuti al lavoro agricolo e all’urbanizzazione del suo territorio, e nel corso della sua lunga storia ha subito alcuni saccheggi. Tuttavia, gli scavi sistematici effettuati dal 1997 sono riusciti a riportarne alla luce alcuni a fini di conservazione. Pezzi di pregio Iscrizioni latine, monete, utensili, utensili da cucina, pezzi di metallo, mosaici o ceramiche ecc.

I lavori esplorativi condotti su questo sito hanno permesso di valutare i resti di un ampio fossato attorno a tre dei suoi lati (il quarto è protetto dal taglio di un terrazzo naturale. fiume Ebro), ne determinano la pianta rettangolare e ne stabiliscono l’estensione per un’area di 20 ha all’interno del recinto, e testimoniano un habitat esterno di notevoli dimensioni.

Democratizzazione dell’uso della tecnologia nello studio dei depositi e avanzamento del telerilevamento o Studi geomagnetici In archeologia deve essere stato “facile” trovare resti senza la necessità di scavi. Come dicono gli esperti, uno degli sviluppi più importanti è stato l’aereo drone. “Dieci anni fa ottenere un’immagine aerea di un sito era molto complicato e costoso”, spiega Borja Díaz. Tuttavia, scattare foto aeree ora è “quasi automatico e questo è un cambiamento significativo”, aggiunge. Ulteriore applicazione 3D Con la modellazione che permette di avere un’immagine tridimensionale, è importante in fase di catalogazione e documentazione. Risultati.

Scoperte eccezionali e rivelatrici in Spagna

La Cabañeta ha avuto luogo nella maggior parte dei siti Aragona E tra il resto SpagnaVide come il lavoro per i suoi studi fosse paralizzato a causa della mancanza di budget derivante dalla situazione Crisi economica Ha iniziato ad attaccare il sistema finanziario occidentale nel 2008. Anni dopo e dopo la morte di due dei suoi promotori, il ricercatore Istituto di Beni Culturali e Umanistici (HPI) Università di Saragozza, Borja Díaz Arino e archeologo ha chiesto Alberto Mayao, hanno deciso di continuare il lavoro a La Cabañeta. Il primo tentativo di coincidere con l’epidemia fallì del covid-19. Solo nell’estate del 2023 verranno finalmente effettuati i primi scavi, un decennio dopo. Senza uscita. Nel dicembre dello stesso anno, l’Institute of Heritage and Humanities (IPH) e l’ Municipio del Burgo de Ebro Firmato un accordo di cooperazione finanziato dal Consiglio Comunale Direzione Generale dei Beni Archeologici Di Governo d’Aragona Continuare il lavoro archeologico nel sito di La Cabañeta.

READ  Zero de Italia 2021: Livelli, profili e percorso

I primi scavi successivi alla rottura portarono alla luce la parte centrale del sito, dove i resti di una grande piazza erano incorniciati da un doppio portico rivestito di tegole, che si apriva su una serie di ambienti. la tenda, potrebbe essere stato utilizzato per scopi commerciali. “Si tratta di una scoperta di eccezionale importanza, e non solo Dimensioni e complessità architettonicaMa poiché si tratta della più antica piazza forense rinvenuta fino ad oggi all’interno della penisola iberica, la sua scoperta contribuirà a un cambiamento radicale nella nostra conoscenza della prima fase di diffusione dei modelli architettonici romani. HispaniaBorja Díaz spiega.

La città avrà un porto fluviale, “che potrebbe anche essere importante nella regione”, per facilitare l’ingresso di merci e persone attraverso la valle dell’Ebro, spiega il ricercatore dell’Università di Saragozza. Inoltre, è dovuto alla sua posizione strategica Enfasi multiculturalePer la sua posizione, La Cabaneta potrebbe essere stata una città di collegamento con l’altopiano e il centro della penisola. fiume Jalon. Alcune delle caratteristiche che ci allertano sull’importanza di questo sito devono essere comprese nel momento storico in cui inizia.

Quest’anno parteciperanno allo scavo gli studenti iscritti a vari programmi universitari e post-laurea dell’università. Facoltà di Filosofia e Lettere dell’Università di Saragozza. “È importante che i futuri professionisti di altri campi acquisiscano conoscenze archeologiche”, afferma Borja Díaz. Lo pensa il ricercatore Esperienza Per chi ha già partecipato è “arricchinte e utile” e “non solo a livello professionale, ma anche personale”. Un modo diverso ma curioso di coinvolgere diversi ambiti del sapere nello studio dell’origine del mondo in cui viviamo oggi. Questo scavo è considerato “Banco di prova“Ha una dimensione formativa, che è probabilmente la cosa più interessante dell’esperienza di questa campagna nel sito di La Cabañeta.

Per quanto riguarda il lavoro che questi volontari svolgono nel sito, Díaz spiega che non si limita allo scavo e allo scavo. Documenti Resta sul campo, ma dovrebbe collaborare al rilievo e alla catalogazione Oggetti recuperati. Un compito che non è previsto venga svolto contemporaneamente ai compiti precedenti, per cui dovrebbero essere svolti anticipatamente nei mesi di agosto e settembre.

READ  Delta, "Italia, tra i mercati più importanti" - le aziende

Una città impegnata a trovare la propria identità

Gli esperti sottolineano l’interesse dei media per le attività di lobbying negli ultimi anni tradizione e informazioni su Archeologia è aumentato. “Sono una risposta alla richiesta della società di questo tipo di informazioni”, spiega Borja Díaz. Sono visibili lavori di archeologia e di ricerca Riprendere il ritmo Il ricercatore ha notato che è stato raggiunto quindici anni fa UNIREe nella società “è sempre più consapevole che il patrimonio archeologico appartiene a tutti” e “suo Sicurezza Per la felicità dei cittadini.” Un cambiamento sociale “entusiasmante” non arriva da solo. Negli ultimi anni, il lavoro archeologico e patrimoniale è stato rilanciato. Ambienti rurali. Nel medio o lungo termine il progetto può diventare una risorsa turistica e culturale, ma nel breve termine funge da strumento per favorire la mobilità, la promozione e l’identità del mondo rurale.

La demografia di Burgo de Ebro è un esempio dell’idea di “identità” che i ricercatori mettono sul tavolo. Nel 2020 gli abitanti della cittadina aragonese hanno deciso di lanciarlo Associazione Amici della Cabaneta. Questa iniziativa è nata tra le famiglie degli studenti della scuola. “Ci siamo resi conto che ci sono persone che vivono a El Burgo da molti anni, vengono da altri luoghi e non conoscono il sito. Abbiamo pensato che fosse importante pensare a un modo per farlo conoscere e apprezzare”, spiega . . Rubén Martinez, Membro della Società. Dopo la costituzione dell’associazione, Visite guidate Dall’Archeologo Alberto Mayao, è stato coinvolto anche il Consiglio Comunale. E dalla sua nascita quattro anni fa, con di mezzo un’epidemia, l’associazione conta oggi più di cinquanta soci. E il nome La Cabañeta diventa ogni giorno più grande. “Abbiamo ribattezzato una gara che si tiene in città da anni, e abbiamo anche ribattezzato la scuola, che ora porta il nome della nostra sede”, afferma Ruben Martinez.

Lo scavo in questa campagna ha comportato l’assistenza di una squadra volontari degli Amici di La Cabaneta. L’anno scorso erano tre e questa campagna conta già dieci volontari. “Lo scavo è difficile perché non c’è ombra tutto il giorno, ma quando troviamo pezzi di ceramica ci spiegano cos’è e cosa significa. È come se avessimo trovato un tesoro”, ammette un volontario dell’associazione. .