Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il sindacato dei lavoratori dei draghi e dei fari ha celebrato l’annuncio della gara d’appalto per i lavori del Canale della Magdalena.

Il sindacato dei lavoratori dei draghi e dei fari ha celebrato l’annuncio della gara d’appalto per i lavori del Canale della Magdalena.

Evangelina Ortiz Membro del consiglio di amministrazione Sindacato dei lavoratori di dragaggio e sterzoguidato dall’ex trio CGT Juan Carlos SchmidNella sua qualità di Ministro per le Parità, il Genere e le Opportunità. Era presente giovedì mattina alla cerimonia di apertura della gara d’appalto per il Canale della Magdalena, che si è svolta nel porto di La Plata, alla presenza del presidente Alberto Fernandez e del governatore Axel Kiselov. Ortiz dipinge un quadro desolante, in cui l’attivismo perde posti di lavoro, perché le aziende si trasferiscono in Paraguay e salpano e assumono con questa legislazione: il fenomeno della “bandiera di comodo”, una forma di instabilità lavorativa che risale agli anni ’90. In questo contesto, si rende conto che l’apertura della gara è “la prima indicazione che potrebbe esserci un futuro”, anche se ha avvertito che è solo il primo passo sulla strada, e perché sia ​​completata, “la supervisione statale di un lungo processi.”

Quali aspettative genera in te questo atto?

–tutti. Lo volevamo così profondamente, abbiamo lottato per questo per anni e abbiamo dovuto lottare molto. Ci sono state molte discussioni e siamo riusciti a coinvolgere la comunità. Questa è un’ottima notizia per tutti gli argentini e soprattutto per chi lavora nel settore, uomini e donne. Significa creare posti di lavoro e allo stesso tempo difendere la sovranità. Ora, oggi è una svolta, ma speriamo che si avveri. Sarà necessario che lo Stato si impegni e monitori ogni progresso. Il dragaggio è un atto invisibile ma ha un impatto economico molto grande.

– C’è posto per le donne nell’attività di dragaggio?

– La nostra attività è molto maschile. Solo nel 2010 è stata aperta la possibilità per le donne di studiare e diplomarsi alla Fluvial National School. Molte si sono iscritte, ma negli anni successivi le aziende hanno avuto una certa reticenza o diffidenza ad assumere donne, più che altro per motivi di cultura o inerzia, perché l’apprendistato era esattamente lo stesso, lo stesso piano di studi, ma quello non c’è più. circonvallazione . Il problema oggi è diverso: appena due donne frequentano la scuola ogni anno. Difficilmente entrano nelle aree del ponte e del motore. Ci sono più donne che lavorano nei settori marittimo e della pesca, ma molte meno nei ranghi ufficiali.

READ  Come stuzzicare gli algoritmi | Il primo documento UNESCO sull'intelligenza artificiale

A livello salariale ci sono differenze?

– No, non è questo il problema oggi. Quello che preoccupa uomini e donne è che c’è sempre meno lavoro perché ci sono meno navi battenti bandiera argentina. Oggi quasi tutto il lavoro nei fiumi dell’Argentina viene svolto sotto la bandiera del Paraguay. Le aziende argentine si trasferiscono in Paraguay perché lì i loro costi sono inferiori. Questo è il prossimo argomento che lo stato-nazione deve affrontare: la difesa dell’attivismo. Tutte le decisioni aziendali o statali hanno un impatto sui lavoratori. In questo contesto così negativo, donare è il primo segnale di sollievo, che invita a pensare che può fare il futuro.

Continuare a leggere: