Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il segreto di una mummia egiziana incinta e il suo trasferimento in Polonia

Archeologi polacchi hanno scoperto la prima mummia egiziana incinta al mondo scoperta in Polonia (AFP)

Gli archeologi polacchi che hanno scoperto la mummia di una donna egiziana incinta pochi giorni prima non solo conoscono la sua identità, ma anche molti dettagli sulla sua scoperta e il trasferimento in Polonia nel 1826.

I tre archeologi, che fanno parte del Warsaw Mummy Project, stavano analizzando la collezione egizia del Museo Nazionale quando hanno scoperto che il cadavere che era stato identificato come un sommo sacerdote di nome Hor Djehouti, In realtà era una donna incinta di 26-28 settimaneLa sua identità è sconosciuta.

Questa foto mostra gli archeologi che guardano le immagini a raggi X di una mummia egiziana incinta scattate il 15 dicembre 2015 in un centro medico a Otock vicino a Varsavia, Polonia (AFP)
Questa foto mostra gli archeologi che guardano le immagini a raggi X di una mummia egiziana incinta scattate il 15 dicembre 2015 in un centro medico a Otock vicino a Varsavia, Polonia (AFP)

L’antropologa e archeologa dell’Università di Varsavia Marzina Ozaryk-Zelke ha spiegato ai media polacchi che il team Stava “per chiudere il progetto e inviare il volantino” con i dati ottenuti nel 2015 quando un sondaggio del corpo mummificato ha rivelato che si trattava di una donna.: Il marito, Stanislav Ozarik-Zelke, anch’egli egittologo, ha individuato attraverso lo studio delle immagini radiografiche una “immagine familiare” di tutti questi genitori, “un piedino (nel ventre della mummia)”.

Per prima cosa siamo stati sorpresi di vedere che non aveva un pene e invece aveva un petto e capelli lunghi. Successivamente scopriamo che era una donna incinta“, Egli ha detto Ozarik Zelke un Associated Press. “Quando abbiamo visto il piedino e la manina (del feto) siamo rimasti sbalorditi“.

“Per ragioni sconosciute, l’embrione non è stato rimosso dall’addome del defunto durante la mummificazione”, ha detto Wojciech Eggsmond dell’Istituto delle culture mediterranee e orientali dell’Accademia delle scienze polacca, che ha confermato la sua scoperta. L’unico riconosciuto finora al mondo con un feto nel grembo materno “.

READ  New York rimuoverà le limitazioni di capacità per la maggior parte delle sue attività e la metropolitana tornerà in servizio per la giornata

Eggsmond, che ha fissato l’età della madre al momento della sua morte tra i 20 ei 30 anni, ha ritenuto che la gravidanza avrebbe potuto in qualche modo contribuire alla sua morte, sebbene abbia osservato che “non è un segreto che il tasso di mortalità, specialmente durante la gravidanza e il parto, a quei tempi, erano molto alti ”.

“Quando abbiamo visto il piedino e la manina (del feto), siamo rimasti sbalorditi”. (AFP)

Al momento, il sesso del feto è sconosciuto e le sue cattive condizioni di conservazione sollevano molte difficoltà a questo proposito, sebbene la scoperta “faccia luce su un aspetto inesplorato delle antiche usanze funerarie egiziane e delle interpretazioni della gravidanza nel contesto dell’antica religione egizia, “come pubblicato dal team scientifico.

Questa scoperta è stata annunciata nell’ultimo numero di Giornale di scienze archeologiche, Una rivista che viene rivista da una giuria di professionisti.

È il primo caso noto di un corpo mummificato di una donna incinta (…) Questo apre nuove possibilità per la ricerca della gravidanza nell’antichità e pratiche legate alla maternitàL’articolo dice. La mummia è stata portata in Polonia nel XIX secolo e fa parte della Collezione Archeologica dell’Università di Varsavia.

Il Warsaw Mummy Project è uno dei progetti più importanti al mondo nel campo dell’egittologia e i suoi ideatori sono tre dottorandi dell’Università di Varsavia: Camila Brawlinska, Marzina Ozarik-Zelke e Wojciech Egzmond.

Sei anni fa, gli scienziati suggerirono al Museo Nazionale di Varsavia di condurre un’analisi completa delle mummie animali immagazzinate nel denaro del museo, ma presto decisero che “poiché abbiamo i mezzi e le capacità tecniche, sarebbe un peccato non farlo quindi. Lo studio si è espanso per includere le mummie umane “, ha spiegato Prowlenska. La mummia identificata come il cadavere di Hor Jihoti, come scritto sul sarcofago che la contiene, fu donata al museo nel 1826 da Jan Wezek Rudzky, un pittore, ingegnere e scultore polacco che si ritiene l’abbia acquistata. Dal Conte Stanislav Kostka Potuki.

READ  Il Congresso di El Salvador ha separato i giudici costituzionali della Corte Suprema

Quando la mummia fu esposta per la prima volta nelle sale del Museo Nazionale nel 1917, i giornali dell’epoca la descrissero come “così bella che non c’è nessun altro museo simile”.

Con informazioni da EFE e AP

Continuare a leggere: