Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Papa ha emesso una nuova legge anticorruzione ai funzionari vaticani

ROMA – In un nuovo sviluppo per andare avanti con la pulizia interna e l’obiettivo a lungo termine di raggiungere la piena trasparenza nell’economia, Papa Francesco ha emanato oggi una nuova legge anticorruzione Il suo scopo è evitare di assumere manager con curriculum “empi” – come è successo in passato Scandalo finanziario Relativo all’acquisto da parte del milionario di una proprietà a Londra, oltre ad altre operazioni sospette.

In materia di novità assoluta, La nuova legge vieta a qualsiasi dipendente vaticano di accettare doni o “altri benefici” di valore superiore a 40 euro (Poco più di $ 48). È un giudizio dopo l’ultimo Stipendi bassi Presidenti certamente Non andrebbe d’accordo con i vescovi della Corea, Che in diversi casi ricevono solitamente inviti per viaggi, vacanze o regali con valori ben superiori ai 40 euro.

Al di là di questo dettaglio, che è più evidente, con la Lettera Apostolica in forma di propria iniziativa (di sua propria decisione) “Riguardo alle disposizioni per la trasparenza nella gestione delle finanze pubbliche”, Papa Francesco soprattutto I gestori e gli amministratori sono tenuti a dichiarare di non essere in possesso di condanne o indagini per terrorismo, riciclaggio di denaro o evasione fiscale. Inoltre, i manager potrebbero non avere beni in paradisi fiscali o investire in società che operano contro i dogmi della chiesa.

“La fede nelle piccole cose è legata, secondo la Bibbia, alla fedeltà nelle cose importanti. Così come è disonesta nelle cose minori, è anche collegata alla disonestà nelle cose importanti”. Con queste parole l’ex Arcivescovo di Buenos Aires ha redatto la nuova legge, entrata subito in vigore, con la sua pubblicazione, oggi, in Osservatore romano.

All’inizio del nuovo decreto, Francesco ha indicato che aderendo alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la corruzione (nel settembre 2016), la Santa Sede ha deciso di “aderire alle migliori pratiche per prevenire e combattere” questo fenomeno “nelle sue varie forme. Lo ha anche notato già a maggio dello scorso anno, con un altro importante Diritto dei contratti pubblici E facendo offerte, sono stati compiuti passi avanti nella lotta alla corruzione in questo settore.

Uno scorcio di Piazza San Pietro a Roma, 18 aprile 2021

“ Ma la corruzione può manifestarsi in modi e forme diverse, anche in settori diversi dagli appalti pubblici, e per questo le normative e le best practice a livello internazionale prevedono a chi svolge funzioni chiave nel settore pubblico particolari impegni di trasparenza. al fine di prevenire e combattere i conflitti di interesse e le modalità di clientelismo, la corruzione è in generale in ogni settore.

READ  Un'infermiera violenta un paziente affetto da COVID-19 e muore ore dopo | Cronaca

Quindi, secondo il principio di trasparenza, è stato stabilito che d’ora in poi tutti coloro che si trovano ai livelli funzionali C, C1, C2 e C3 (cioè dal Cardinale Capo Drs ai Vice Direttori con contratti direttivi di cinque anni), e tutti coloro che ricoprono incarichi di vigilanza e vigilanza amministrativa o giudiziaria attiva, devono sottoscrivere una dichiarazione all’atto della nomina e successivamente ogni due anni. Per fare questo, ha aggiunto alcuni articoli al regolamento generale della Curia romana.

I manager devono dichiarare di non avere sentenze definitive, né in Vaticano né in altri paesi, di non aver beneficiato di grazia, grazia o benedizione e di non essere stati assolti per prescrizione. Inoltre, non essere sottoposto a procedimenti penali o in attesa di indagini per partecipazione a organizzazioni criminali, corruzione, frode, terrorismo, riciclaggio di denaro per attività criminali, sfruttamento di minori, tratta o sfruttamento di esseri umani, evasione o evasione fiscale. Devono inoltre dichiarare di non possedere, nemmeno tramite intermediari, fondi, investimenti o partnership in società o ditte nei paesi nell’elenco delle giurisdizioni ad alto rischio per il riciclaggio di denaro (a meno che i loro parenti non siano residenti o residenti di una comprovata famiglia) o motivi di lavoro o studio).

E questo non è tutto. Devono inoltre garantire, a loro conoscenza, che tutti i beni, mobili e immobili, che possiedono o possiedono esclusivamente, nonché qualsiasi tipo di ricompensa che ricevono, provengano da attività legittime. È anche importante richiedere che “non possieda” partecipazioni o “interessi” in società o società che operano per scopi che sono in conflitto con il credo sociale della Chiesa, come evidenziato da Vatican News, il portale del Vaticano.

Casualmente, lunedì scorso, in quello che sembrava essere un vero scandalo, un programma televisivo investigativo sul canale italiano Rai 3 ha rivelato, qualche anno fa, il ministro degli Esteri – diretto dal Papa lo scorso anno. Porta via la gestione del denaroUn’altra mossa che ha creato molto umorismo interiore, ha investito parte dei suoi soldi in un’azienda farmaceutica che produceva la pillola del giorno dopo, il che è chiaramente in contrasto con il dogma sociale della Chiesa, che condanna l’aborto.

READ  Il Congresso di El Salvador ha separato i giudici costituzionali della Corte Suprema

Il fatto è che secondo la nuova legge, il Segretariato generale per l’economia, che è il ministero supremo dell’economia, è amministrato dal gesuita spagnolo Foto di Juan Antonio Guerrero AlvesNon solo conserverà questi dati (una copia dei quali dovrebbe essere anche presso il Dipartimento di Stato), ma potrà anche effettuare i suoi controlli di convalida. La Santa Sede, in caso di dichiarazioni mendaci o false, può licenziare il dipendente e chiedere il risarcimento dei danni a lui causati.

Infine, la “proprietà privata” – novità che riguarda tutti i dipendenti della Curia romana, dello Stato della Città del Vaticano e delle organizzazioni collegate – vieta l’accettazione di “doni o altri benefici”, dovuti alla loro posizione, di valore superiore a 40 euro. Questo è un vecchio problema in Vaticano dove, molto prima che papa Francesco fosse eletto, era noto per promuovere le cause di santificazione, doni, doni e “benefici” per tutti.

Konosah The Trust Project