Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il nuovo primo ministro Keir Starmer ha promesso di ricostruire il paese

Il nuovo primo ministro Keir Starmer ha promesso di ricostruire il paese

Il nuovo primo ministro britannico Labour Keir Starmer Venerdì ha promesso di “ricostruire” il Paese, dopo la vittoria schiacciante ottenuta dal suo partito di centrosinistra alle elezioni legislative, che hanno posto fine a 14 anni di governi conservatori.

Leader del partito laburista, 61 anni Il re Carlo III lo aveva ricevuto poco prima a Buckingham PalaceGli diede l’incarico di formare il governo e lo nominò ufficialmente primo ministro.

“Ora il nostro Paese ha votato per il cambiamento e il rinnovamento nazionale”.ha annunciato Starmer, che ha poi proceduto a formare il suo governo.

È stato nominato capo del portafoglio economico Rachel Reeves, La prima donna a ricoprire questa carica nel Paese e capo della diplomazia Davide Lammy, Un avvocato discendente da schiavi di origine della Guyana.

Nelle sue prime dichiarazioni, Lamy ha chiesto un “cessate il fuoco immediato” nella guerra tra Israele e il movimento islamico Hamas nella Striscia di Gaza.

Nel caso in cui non sia noto il rappresentante della circoscrizione elettorale, I laburisti hanno ottenuto 412 seggi su 650 alla Camera dei Comuni e il 33,7% dei voti, superando la soglia dei 326 per la maggioranza assoluta.

Conservatori guidati dal primo ministro sconfitto Rishi Sunak Hanno guadagnato 121 seggi (23,7%) rispetto ai 365 di cinque anni fa con Boris Johnson. Questo è il numero più basso nelle elezioni da quando il partito è stato fondato nel 1834.

Il leader laburista farà i suoi primi passi sulla scena internazionale la prossima settimana, in occasione del vertice della NATO a Washington.

Dopo questo disastro, Sunak ha annunciato le sue dimissioni da leader del partito.

READ  Xi Jinping ha affermato che le donne cinesi dovrebbero avviare una “nuova tendenza familiare”

“Dopo questo risultato, lascerò la carica di leader del partito, non immediatamente, ma non appena tutto sarà pronto per nominare il mio successore”, ha detto.

Il Partito riformista di estrema destra del Regno Unito, guidato dal promotore della Brexit Nigel Farage, è entrato in Parlamento con cinque seggi.

Farage, che ha ricevuto poco più del 14,3% dei voti, era a molti voti dai conservatori ed è stata la terza forza più votante, davanti ai centristi Liberaldemocratici (12,2%), che hanno ricevuto 71 deputati.

Nonostante la sua comoda vittoria, Starmer non ha superato il numero record di parlamentari laburisti (418) stabilito da Tony Blair nel 1997, quando pose fine a 18 anni di governi conservatori.

Starmer, che ha avvicinato il suo partito a posizioni più centriste dopo la sconfitta elettorale del Labour nel 2019 contro il suo predecessore più di sinistra, Jeremy Corbyn, ha condotto una campagna per un “cambiamento” meno radicale.

Ha promesso un’attenta gestione dell’economia, nell’ambito di un piano di crescita a lungo termine che comprende il rafforzamento dei servizi pubblici criticati, in particolare il sistema sanitario.

Corbyn (74 anni), espulso dal Partito laburista accusato di assumere posizioni antisemite, ha rinnovato il suo seggio per candidarsi alle elezioni come candidato indipendente.

Se il leader conservatore è riuscito ad assicurarsi un posto in Parlamento, questo non è stato il caso dei pesi massimi del partito, come il suo predecessore come primo ministro, Liz Truss, o i ministri della Difesa e della Cultura Grant Shapps. Lucia Fraser.

Sunak lascia l’incarico a meno di due anni dalla sua nomina a Primo Ministro, nell’ottobre 2022, quando entrò in carica dopo un disastroso mandato economico, durato solo 49 giorni, da Truss, che sostituì Boris Johnson, coinvolto nello scandalo del partito, come sua residenza ufficiale durante la pandemia di Covid – 19.

READ  Il presidente ungherese si è dimesso dopo aver graziato un uomo coinvolto in abusi sessuali su minori

Il Partito conservatore, afflitto da lotte intestine e impantanato in una profonda crisi, era al potere dal maggio 2010, prima con David Cameron, poi Theresa May e poi Johnson.

La Brexit nel 2020, così come il coronavirus, l’aumento del costo della vita e le critiche all’efficienza del servizio sanitario, hanno messo a dura prova i conservatori.

Dopo le accuse di Sunak secondo cui una vittoria laburista si sarebbe “tradotta in tasse più alte per una generazione”, Starmer ha insistito che avrebbe aumentato le tasse solo su alcuni contribuenti, comprese le scuole private o le aziende del settore petrolifero e del gas, ma non sui lavoratori.

Starmer ha già annunciato che abbandonerà il progetto conservatore di noleggiare aerei diretti in Ruanda con immigrati clandestini per contrastare l’arrivo di grandi quantità di persone attraverso la Manica, che separa Inghilterra e Francia.