Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il regime iraniano ha ammesso di aver aumentato drasticamente le sue riserve di uranio altamente arricchito entro pochi giorni dalla ripresa dei negoziati sul nucleare.

Ad aprile, l’Iran ha annunciato di aver superato la soglia senza precedenti di arricchimento dell’uranio del 60% (Agenzia internazionale per l’energia atomica, tramite AP)

Il regime iraniano ha ammesso di aver notevolmente aumentato le sue riserve di uranio altamente arricchito, poche settimane prima di riprendere i colloqui per tornare all’accordo multilaterale del 2015 che ne limitava il programma nucleare.

Teheran ha gradualmente abbandonato i suoi impegni con le maggiori potenzeDopo che gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente dall’accordo e hanno reimposto sanzioni alla Repubblica islamica.

“Abbiamo superato i 210 kg di uranio arricchito al 20% e abbiamo prodotto (fino a) 25 kg del 60%”.annunciato mercoledì sera Behrouz KamalvandiL’agenzia ufficiale ha citato un portavoce dell’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran (OEAI). iRNA.

Ad aprile, la Repubblica islamica dell’Iran ha annunciato che Superato la soglia senza precedenti del 60% per l’arricchimento dell’uranio A settembre, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha dichiarato che il paese aveva prodotto 10 kg.

Un mese dopo, il 10 ottobre, Mohamad IslamIo, capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, ho sottolineato che Le scorte di uranio arricchito al 20% hanno superato i 120 kgStock che teoricamente consentono la produzione di isotopi medici utilizzati specificamente nella diagnosi di alcuni tumori.

Per fare una bomba nucleare, l’uranio deve essere arricchito al 90%.Questo è qualcosa che il regime iraniano non ha ancora fatto I paesi occidentali sono preoccupati per i rapidi progressi di Teheran.

L’Iran ha affermato per decenni che il suo programma nucleare è pacifico e che non cerca di sviluppare un’arma nucleare.

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi pronuncia un discorso durante il vertice dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Dushanbe, in Tagikistan (Reuters/Didor Sadulov)
Il presidente iraniano Ebrahim Raisi pronuncia un discorso durante il vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Dushanbe, in Tagikistan (Reuters/Didor Sadulov)

L’Iran ha avvertito che rifiuterà le “richieste in eccesso” dall’Occidente durante i negoziati sul nucleare

READ  Dramma dei traduttori delle forze statunitensi che hanno lasciato l'Afghanistan: i talebani promettono di decapitarli

Il regime iraniano ha avvertito giovedì di questo Rifiuterà le “richieste eccessive” dell’Occidente durante i negoziati sul nucleare, che dovrebbero riprendere a fine novembre.Cinque mesi dopo la pausa. Inoltre, Teheran ha chiarito che non si ritirerà dal suo obiettivo di revocare le sanzioni.

È interessante notare che i negoziati per salvare l’accordo internazionale sul programma nucleare iraniano, sospesi dallo scorso giugno, riprenderanno il 29 novembre a Vienna.

Questa data tanto attesa è stata annunciata mercoledì dall’Iran e dall’Unione Europea, il principale mediatore in questi colloqui indiretti tra Washington e Teheran.

“Non ci ritireremo in alcun modo a beneficio del popolo iraniano e continueremo gli sforzi per neutralizzare (gli effetti) le sanzioni ingiuste e lavoreremo per revocarle”, ha aggiunto.Il capo ha detto Ibrahim Raisi Questo giovedì.

I paesi ancora aderenti all’accordo del 2015 (Iran, Germania, Cina, Francia, Regno Unito, Russia) che hanno concordato limiti rigorosi alle attività nucleari iraniane in cambio dell’allentamento delle sanzioni, incontreranno il negoziatore europeo presieduto. . Enrique MoraÈ venuto in una dichiarazione Josep Borrell, Capo della diplomazia dell’Unione europea.

Il Vice Ministro degli Esteri iraniano, Ali Bagheri, con il Vice Segretario Generale del Servizio Europeo per l'Azione Esterna, Enrique Mora, a Teheran (Reuters)
Il Vice Ministro degli Esteri iraniano, Ali Bagheri, con il Vice Segretario Generale del Servizio Europeo per l’Azione Esterna, Enrique Mora, a Teheran (Reuters)

Le discussioni si concentreranno sul “potenziale ritorno degli Stati Uniti” al testo che hanno abbandonato unilateralmente nel 2018 sotto la presidenza. Donald TrumpBorrell ha spiegato che quando le sanzioni punitive contro il regime iraniano sono state ripristinate, “in modo da garantire la piena ed effettiva attuazione dell’accordo da parte di tutte le parti”.

Presidente USA Joe Biden Ha dichiarato di essere pronto a tornare al trattato del 2015, ma le parti non hanno concordato i termini del suo ripristino.

READ  Quanto viene scambiato lunedì 18 ottobre?

L’Iran vuole revocare tutte le sanzioni che gli sono state imposte dopo che Trump si è ritirato dall’accordo nel 2018.

Tuttavia, l’amministrazione Biden afferma che negozierà solo alcune di queste sanzioni, come un embargo unilaterale sulle vendite di petrolio iraniano. Non vogliono entrare in altre procedure imposte, specialmente per quanto riguarda le questioni relative ai diritti umani.

Washington afferma che la finestra di opportunità si sta rapidamente chiudendo, quindi insiste anche sul fatto che Teheran debba ancora una volta rispettare i limiti del suo programma nucleare.

Il regime iraniano vuole anche un impegno affinché gli Stati Uniti rispettino l’accordoQuesto sembra difficile perché il Partito Repubblicano di Trump, al suo meglio dopo aver vinto le elezioni statali martedì, si oppone con veemenza alla diplomazia di Biden con l’Iran.

Gli Stati Uniti non hanno escluso un ritorno all'accordo nucleare, ma non accetteranno tutte le richieste dell'Iran (Reuters/Kevin Lamarck).
Gli Stati Uniti non hanno escluso un ritorno all’accordo nucleare, ma non accetteranno tutte le richieste dell’Iran (Reuters/Kevin Lamarck).

“Non lasceremo il tavolo dei negoziati, ma ci opporremo alle richieste eccessive che ledono gli interessi del popolo iraniano”, ha aggiunto.Lo ha detto il presidente persiano durante una cerimonia tenutasi a Semnan, a est di Teheran, in occasione del 42esimo anniversario del sequestro dell’ambasciata americana in Iran, secondo una dichiarazione presidenziale.

Il 4 novembre 1979, sette mesi dopo la dichiarazione della Repubblica islamica dell’Iran, studenti islamisti assaltarono l’ambasciata americana a Teheran chiedendo l’estradizione dell’ex scià. Muhammad Reza Pahlavichi è stato curato negli Stati Uniti. 52 diplomatici e personale sono stati tenuti in ostaggio per 444 giorni.

Da allora, le relazioni tra i due paesi sono state tese. Washington interruppe i rapporti diplomatici e impose un embargo commerciale all’Iran nell’aprile 1980.

READ  Pressione di scambio che riscalda solo in parallelo | Il dollaro marginale ha raggiunto 182 pesos con un volume minimo di transazione transaction

Giovedì, migliaia di iraniani hanno manifestato davanti all’ex ambasciata degli Stati Uniti a Teheran, cantando come “Morte agli Stati Uniti” e “Morte a Israele”e mettere in discussione la ripresa dei colloqui sul nucleare alla fine di questo mese.

Il tavolo di RazagnjadUno degli studenti ha detto: “Ci hanno ingannato molte volte. Non prendiamo parte alle trattative, non possiamo fidarci di loro”.

Con le informazioni dell’Agence France-Presse

Continuare a leggere: