Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Museo di Barcellona scopre le immagini nascoste nelle opere di Picasso – arte e teatro – cultura

Museo Picasso a Barcellona Invia risultatis studi tecnici e scientifici Dalle opere principali della sua collezione permanente di Il periodo blu dell’artista spagnolocome “Nature still” (1901) e “Rooftops of Barcelona” (1903) dipinti su altre immagini.

La mostra esamina diversi aspetti dei dipinti, dal processo creativo, i materiali costitutivi e la distribuzione degli strati di colore, al contesto e alle interrelazioni con opere dello stesso periodo o di epoche precedenti, se i tessuti vengono riutilizzati.

Il curatore ha spiegato che “il riutilizzo delle tele di Picasso è sempre stato giustificato da una questione economica, ma queste analisi tecnologiche mostrano che c’è una volontà e che il pittore lascia deliberatamente strizzatine d’occhio, riutilizzando colori, forme e trame”, Reyes Jiménez.

(Leggi anche: Qual è il museo più visitato dai turisti in Italia?)

Il direttore del museo Emmanuel Guigon ha confermato che è stato un “periodo decisivo” per il lavoro del pittore, “Molto ben rappresentato” in questo museo.

La mostra è aperta fino al 4 settembre e mette in mostra il lavoro di ricerca condotto in collaborazione con istituzioni museali come National Gallery of Art di Washington, che ha analizzato i dipinti “Natura morta” e “Jaume Sabartés with pinch-nez”, entrambi del 1901.

o l’Istituto di Fisica Applicata Nello Carrara di Firenze (IFAC-CNR), che si concentrò sullo studio del “Graal Blu” (1903 circa); e con l’Università di Barcellona responsabile dei primi studi della pittura a olio “Azoteas de Barcelona” (1903).

Guigon ha sottolineato che la tecnologia è diventata uno “strumento essenziale” per i musei nel ventunesimo secolo. In questo caso, il progresso ha permesso di creare ponti tra istituzioni con importanti collezioni di opere di Picasso “per collegarle tra loro e generare una narrazione logica del periodo blu dell’artista”.

READ  Le nostre 12 canzoni preferite per allenarsi (e ottenere l'orgasmo)

piatto su un altro piatto

La scoperta di una composizione di base sotto il titolo “Azoteas de Barcelona” (1903) legò questo dipinto all’opera principale del periodo blu “La vida” (1903) Nel frattempo, è stato un incentivo per il museo ad avviare uno studio artistico sistematico dei dipinti della collezione, ricorda Jimenez.

L’analisi scientifica accumulata ci permette di sapere che “Picasso riutilizzava spesso i suoi stessi dipinti”. E a proposito di Jaume Sapartes con Pines-Nez, un dipinto iconico dell’inizio del periodo blu (Parigi, 1901), disse di aver portato Picasso a Barcellona quando tornò dal suo secondo viaggio.

(Potreste essere interessati: il mercato globale dell’arte supera i dati pre-pandemia)

Ora, uno studio ha permesso di determinare la data del movimento decifrando, mediante tecniche a infrarossi, tracce tipografiche del quotidiano parigino Le Journal del 18 gennaio 1902 incollate al piano di lavoro.

Nelle sue memorie Sabartis affermò che Picasso dipinse il suo ritratto coprendo il ritratto di un detenuto nella prigione parigina di Saint-Lazare.confermato da studio radiografico.

I risultati delle analisi stratigrafiche indicano che il colore dello strato di base è più pronunciato rispetto a quello de “La mujer de la cofia” (1901), telo anch’esso ispirato a un eremita; E in entrambi i casi, delinea le forme con un livido prussiano e delinea le aree di colore che aveva precedentemente applicato con pennellate spesse.

Nel caso di “Natura morta” (1901), le analisi lasciano intravedere “una delle coppie solitarie che Picasso dipinse all’epoca”, secondo il curatore.

EFE