Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro degli Esteri italiano avverte che Sanchez ha fatto “concessioni controverse e controverse per lo Stato di diritto”.

Il ministro degli Esteri italiano avverte che Sanchez ha fatto “concessioni controverse e controverse per lo Stato di diritto”.

L’ex presidente del Parlamento europeo, Premio Principessa delle Asturie per la Concordia, è stata molto attiva nella difesa della legge spagnola durante gli eventi legati all’1-O.

Antonio Tajani, ministro degli Esteri italiano ed ex presidente del Parlamento europeo, ha mostrato il suo “rispetto” per il dibattito politico in Spagna e la formazione del governo del socialista Pedro Sánchez, ma ha insistito che fosse “inevitabile”. “Some Events” ha risonanze europee. “Voglio sottolineare che il governo italiano rispetta debitamente le dinamiche istituzionali e politiche in atto in Spagna, dove siamo legati da antiche amicizie e interessi comuni”, ha detto alla Camera. Gruppo “Noi moderiamo” Calogero Pisano.

Tajani, vice capo del governo e capo del partito conservatore Forza Italia, ha affermato che “in un’Europa sempre più interconnessa è inevitabile che alcuni eventi politici interni si riverberino nel più ampio dibattito politico europeo perché possono influenzare l’Unione”.

La politica italiana, Premio Principessa delle Asturie per la Concordia, è stata molto attiva nella difesa legale durante l’1-O in Spagna come Presidente del Parlamento Europeo, che ha riassunto gli eventi che hanno portato alla nuova investitura del Presidente davanti ai membri del Parlamento. Governo ad interim, Pedro Sánchez. “È stato sconfitto alle elezioni spagnole del 23 luglio e sta cercando il sostegno dei partiti più piccoli, compresi i separatisti, per formare un nuovo governo”.

Il “punto sottile” è che i partiti catalani, “usando il loro potere contrattuale, hanno combinato il loro sostegno con concessioni che sono controverse e divisive dal punto di vista dello stato di diritto”. “In tutte le città della Spagna si sono svolte manifestazioni con centinaia di migliaia di persone contro questo accordo”, ha detto.

READ  Elezioni italiane: Bella (Italia) ciao | Commento

Il capo della diplomazia italiana ha spiegato che l’accordo con i libertari catalani “innesca un meccanismo di mediazione internazionale più preciso con un futuro processo di negoziazione sullo status della Catalogna”, così come il disegno di legge di amnistia presentato ieri al Parlamento. “La proposta legislativa prevede crimini di gravità specifica, come gli atti di ribellione contro il potere pubblico per promuovere il referendum sull’indipendenza della Catalogna, che Madrid aveva vietato, e annullato qualsiasi atto di ribellione a sostegno della causa indipendentista”, ha sottolineato.

Per quanto riguarda l’amnistia, ha detto, “è l’istituto giuridico più delicato di tutte le istituzioni nazionali”. E parafrasando Felipe González, ha chiarito: “L’amnistia e l’autodeterminazione non entrano nella Costituzione”. Considerando “questi punti evidentemente importanti”, ha spiegato Tajani, Didier Reynders, commissario europeo alla Giustizia, “ha scritto al governo spagnolo per chiedere informazioni dettagliate e per sollecitare l’impegno della Commissione nella tutela dei valori fondamentali e dello Stato di diritto. . ” dell’Unione”.

Ma ha ammesso “qualche sorpresa” perché un altro commissario di cui non ha fatto il nome, quello all’Economia, Paolo Gentiloni, ha avuto “il coraggio di esprimere sostegno all’accordo, dichiarandolo compatibile con il modello democratico europeo” al Congresso socialista di Malaga. . Un sostegno espresso “prima che il governo spagnolo avesse fornito le spiegazioni richieste dalla Commissione”.

Secondo il criterio di

Schema di fiducia

Saperne di più