Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il mercato del lavoro spagnolo è rovinato per i giovani

Il mercato del lavoro spagnolo è rovinato per i giovani

Spagna Ha il tasso di disoccupazione più alto di tutta Europa, pari all’11,7%, con un fattore aggravante di 2,8 milioni di disoccupati. 464.000 hanno meno di 25 anni, il 27,4%, il tasso più alto tra i 27 Paesi e il doppio della media dell’area euro (13,8%). Alla luce di questi presupposti, tutto indica che qualcosa non sta andando bene, o le cose non stanno andando bene, o che la riforma del lavoro non ha avuto l’impatto atteso sull’occupazione giovanile, nonostante fosse scesa lo scorso anno dal 31,8% registrato nell’agosto 2022. a 4,4 punti, attestandosi al 27,4%.

Queste scarse prospettive per i giovani spagnoli hanno numerose conseguenze e innumerevoli implicazioni per il loro futuro occupazionale. E lo stesso vale per la Spagna Nell’enorme tasso di occupazione tra i neolaureati europei. L’82% di coloro che completano gli studi nell’Unione Europea e di età compresa tra 20 e 34 anni risultano occupati nel 2022 – secondo le ultime statistiche ufficiali con dati annuali – un tasso che sale di sette punti percentuali rispetto al 2014 e ripristina i livelli lo erano prima a causa dell’epidemia, che nel 2018 e nel 2019 ha raggiunto la percentuale dell’81%. Questa percentuale scende però al 79% nel caso spagnolo, e si colloca accanto ai paesi con la percentuale peggiore, Italia (65%), Grecia (66%) e Romania (70%), ed è lontana anni luce dal i paesi in cima alla lista: Lussemburgo e Paesi Bassi (entrambi 93%), Germania (92%) e Malta (91%).

Secondo Eurostat, la disparità nei tassi di occupazione può essere spiegata dalla natura dei settori studiati, poiché esistono differenze nella domanda nel mercato del lavoro, ad es. Ci sono paesi che adattano meglio i loro programmi di studio alle esigenze del mercato del lavoro, il che impedisce loro di aumentare in modo significativo Posti vacanti, un problema emerso nel caso spagnolo negli ultimi anni.

READ  Kordofan Jewelry vuole essere un'indicazione geografica protetta

Vai fuori

Un’altra differenza che distingue il mercato del lavoro giovanile spagnolo dal mercato del lavoro di Germania, Paesi Bassi e Francia è questa Solo una minoranza di giovani spagnoli di età compresa tra i 25 e i 29 anni sceglie di andare a lavorare all’estero per poi tornare con maggiore esperienza e formazione e sviluppare la propria carriera in Spagna.È un tipo di esperienza che le aziende apprezzano e aiuta a ottenere migliori condizioni di lavoro.

Secondo l’Istituto Nazionale di Statistica (INE), nel 2021 – ultimo anno disponibile – hanno lasciato la Spagna 19.622 giovani con un’istruzione superiore, una cifra che rappresenta lo 0,77% di tutti i cittadini di età compresa tra 25 e 29 anni (2,5 milioni). Nel 2020, sotto l’influenza dell’epidemia, il rapporto era dello 0,55% e un anno fa, nel 2019, era dello 0,74%. Questa migrazione è diminuita dal 2015 fino a raggiungere circa 2.000 partenze nette, il che significa che solo un giovane su 1.000 parte ogni semestre.

In questo senso lo dimostra uno studio condotto dalla Fondazione Education First Seguire un corso di inglese all’estero riduce del 39% la probabilità di rimanere disoccupati a lungo termine -Più di 24 mesi di ricerca di lavoro-, con i giovani tra i 25 ei 30 anni che raddoppiano le possibilità di ricevere uno stipendio di circa 35mila euro. Questo vantaggio ha portato ad un aumento fino al 20% della domanda di viaggi all’estero per imparare le lingue e rendere questa formazione compatibile con il lavoro o lo stage.

per lui Direttore della ricerca Randstad, Valentin BoutNel processo di assunzione, un candidato che ha lavorato all’estero “ha più valore per i team delle risorse umane” delle aziende.

Lavori lontani dalla loro formazione

Il terzo grande problema che devono affrontare i giovani spagnoli una volta finiti gli studi è questo Due terzi di loro non lavorano su ciò che hanno studiato (63,47%)Mentre ben il 56% dichiara di aver svolto, almeno in alcune occasioni, un’attività professionale senza contratto legale, motivo per cui la maggioranza ritiene che la Spagna sia un Paese più “ostile” nei confronti dei giovani rispetto ad altri Paesi dell’Ue. Queste sono alcune delle conclusioni di A. Sondaggio commissionato dalla Federazione USOCiò identifica che, sebbene l’istruzione superiore sia fondamentale per accedere al mercato del lavoro e acquisire esperienza – il 97% di coloro che ce l’hanno hanno già lavorato ad un certo punto – c’è anche molto pessimismo sul fatto che i progressi nella formazione non garantiscano una posizione migliore. (65,25%) e l’84,44% di coloro che stanno frequentando gli studi post-laurea sono convinti che ciò non li aiuterà a migliorare sul lavoro. Il panorama che i giovani tracciano sulla loro situazione contrattuale lascia molte lacune che rimangono irrisolte. Il 77,63% afferma di aver svolto compiti che non erano di loro responsabilità e di essere troppo qualificato per il lavoro svolto; Il 69,32% soffre di sovraccarico lavorativo e due giovani su tre fanno straordinari senza essere pagati. Infatti, al 20,84% degli under 30 è successo ripetutamente. Allo stesso modo, il 54,92% ha lavorato una o più volte senza contratto, soprattutto quelli senza istruzione (86,67%), e la metà della popolazione giovane (51,5%) ha lavorato ad un certo punto senza retribuzione.

READ  ACS rinnoverà la base di Pearl Harbor dopo aver firmato uno storico accordo da 2.800 milioni di dollari

Il problema è aggravato dal grave vincolo aggiuntivo che impone al mercato del lavoro spagnolo di coprire i posti vacanti richiesti dalle aziende. Con circa 3,5 milioni di disoccupati e inattivi iscritti nelle liste SEPE, anche se può sembrare una contraddizione, ogni giorno in Spagna sono richiesti migliaia di posti di lavoro che non vengono occupati a causa della mancanza di dipendenti qualificati. Ogni anno fino a 150.000 posti di lavoro rimangono vacanti a causa della carenza di candidatiUn posto vacante ogni 100 dipendenti, il massimo storico. Solo nel settore delle nuove tecnologie, ci saranno più di 120.000 posti vacanti nel dossier digitale che le aziende non potranno coprire.

Invecchia e svuota la Spagna

Perciò Associazione delle PMI, CepymeAvverte che nel 16% dei casi le assunzioni non avvengono perché l’azienda si trova in una zona scarsamente popolata della Spagna; L’età media dei lavoratori in 12 dei 20 rami di attività è superiore a 44 anni, con cinque rami di attività che hanno un’età media superiore a 46 anni – dati che contraddicono quelli del 2008, quando il ramo di attività più vecchio era il ramo di attività più vecchio . . Agricoltura e Zootecnia, 43 anni –; Si registra un calo crescente del numero dei giovani in età lavorativa, e il problema è stato aggravato dal fatto che la percentuale di coloro che desiderano lavorare (tasso di attività) è diminuita di 11,5 punti percentuali, scendendo al 36,9%. Ogni anno ci sono 38.000 giovani in meno nel mercato del lavoro a causa del basso tasso di natalità.

Sepim sottolinea che questa situazione rappresenta un problema serio per le piccole e medie imprese e per alcuni rami di attività, come l’informazione, le comunicazioni, le attività professionali, i trasporti, la finanza e le assicurazioni. Questa debolezza è evidente anche in settori come l’ospitalità e l’edilizia, che sono strettamente legati al modello produttivo spagnolo. Per questo motivo, la SEPIM auspica “un’operazione multiministeriale che comprenda diversi dipartimenti ed enti e offra una soluzione di base”. Allo stesso tempo, i giovani spagnoli rimangono in prima linea nel reclutamento e nell’occupazione in Europa.

READ  L'Italia lavorerà sulla bolletta elettrica, ma non applicherà il 'modello spagnolo'