Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Marocco è pioniere nel campo delle energie rinnovabili, che possono diventare una fonte di energia…

Il Marocco è pioniere nel campo delle energie rinnovabili, che possono diventare una fonte di energia…

I grandi sforzi compiuti dalle autorità marocchine nel campo delle energie rinnovabili non sono passati inosservati. Secondo l’agenzia di stampa italiana AGC News, il Marocco è attualmente uno dei paesi leader nel campo delle energie rinnovabili, essendo al settimo posto nel mondo in termini di efficienza energetica.

Per questo motivo, il Regno si posiziona come un importante potenziale fornitore di energia pulita per l’Europa, dove la domanda continua a crescere. Secondo l’agenzia italiana Energia Oltre, “i vasti paesaggi del Marocco, la lunga costa e il clima soleggiato offrono un potenziale su larga scala per i parchi eolici e solari”. E l’agenzia di stampa rileva che “la vicinanza del Regno all’Europa significa che ha il potenziale per diventare una delle principali fonti di energia per l’Unione europea”.

Da diversi anni, il Marocco ha sviluppato un settore energetico dinamico e diversificato, oltre a fornire ampio spazio a progetti infrastrutturali che combinano investimenti pubblici e privati. All’inizio di quest’anno, l’Unione Europea ha impegnato programmi per un valore di 624 milioni di euro per sostenere la transizione del Marocco verso l’energia verde.

foto/Reuters Mulini a vento – Saudi Aqua Generators a Jebel Sandouq, alla periferia di Tangeri, in Marocco

Per l’Europa, la fornitura di energia pulita al Marocco rappresenta una soluzione praticabile per diversificare le fonti energetiche e ridurre la dipendenza dai combustibili, evidenziata dalla crisi energetica derivante dal conflitto russo-ucraino.

Negli ultimi anni, l’energia rinnovabile in Marocco è emersa come uno dei tre mercati promettenti, alla luce dell’ambizioso piano del paese di aumentare la capacità di produrre idrogeno verde, energia eolica e solare. L’obiettivo finale è aumentare la quota di queste energie verdi fino a oltre il 52% della produzione elettrica del Paese entro il 2030. Tra i progetti più importanti del Regno c’è l’esportazione di gran parte di questa elettricità nel vicino continente attraverso cavi sottomarini .

READ  I paesi OCSE con il maggior e il minor numero di ore lavorative all'anno

Molti progetti

Lo ha detto l’uomo d’affari marocchino Mandir Zniber in un’intervista alla BBC News “Le aziende private marocchine come la vostra stanno ora pianificando di esportare in Europa l’elettricità generata dall’energia solare ed eolica, nonché l’idrogeno verde.” La sua azienda, Gaia Energy, sta sviluppando progetti eolici e solari che potrebbero coprire fino al 4% del fabbisogno elettrico in Germania e Italia.

Altri, come la startup britannica Xlinks, stanno progettando di costruire un cavo elettrico sottomarino di 3.800 km tra il Marocco e il Regno Unito, sperando che l’energia solare ed eolica del Marocco possa coprire l’8% del fabbisogno elettrico del Regno Unito entro il 2030.

L’agenzia di stampa Hespress rileva che il Marocco, attraverso l’energia solare, eolica e idroelettrica, dispone di una capacità installata di circa quattro gigawatt di energie rinnovabili, che rappresenta già il 40% della sua capacità totale di produzione di elettricità.

AB / Musab Al-Shami – Hassan Bouazza accanto ai pannelli solari che ha installato nell’oasi di Al-Nif, vicino a Tinghir, in Marocco, martedì 29 novembre 2022. È stato il primo a installare pannelli solari su un palazzo della zona. Cominciò a fare affidamento sull’energia prodotta per scavare pozzi e irrigare le terre dei suoi colleghi contadini.

Il Regno ha molti progetti di energia pulita in costruzione o completati sul suo territorio, come la stazione di Abd Al-Moumen con una capacità di 350 megawatt, e la stazione di Al-Manzil (tra 300 e 400 megawatt). I progetti eolici includono anche Taza (Fase II, 63 MW), Boujdour (300 MW), Tangeri 2 (70 MW), Jebel Landide (270 MW), Tiskrad (100 MW), nonché gli impianti solari di Noor-Midelt. (400 megawatt), Noor Al-Sabaa (400 megawatt) e Noor Atlas (200 megawatt).

Rabat ha inoltre costruito due linee di interconnessione elettrica e un gasdotto tra la Spagna e il Marocco, attraverso lo Stretto di Gibilterra. “Il Regno ha un enorme potenziale non sfruttato nel campo dell’energia del moto ondoso, che sta attirando investimenti da varie fonti tra cui la Banca Mondiale e investitori privati ​​dal Medio Oriente, dagli Stati Uniti e dall’Europa”. Hespress dice.

READ  Portfolio, da 30 anni un riferimento per l'economia e l'impresa

L’accelerazione di questi progetti avvantaggia sia i paesi europei che il Marocco, poiché possono creare fino a 28.000 nuovi posti di lavoro all’anno. Secondo Moez Sharif, capo economista della Banca Mondiale per la regione, questi progetti permetteranno inoltre al regno “di posizionarsi come un hub industriale per investire nelle esportazioni di prodotti industriali verdi”.