Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il James Webb Space Telescope ha svelato i segreti della stella più lontana dell’universo

Il James Webb Space Telescope ha svelato i segreti della stella più lontana dell’universo

Una linea di vista ingrandita che osserva la stella Eärendil (NASA, ESA, Alyssa Pagan (STScI) / Handout via Reuters)

Una stella molto lontana nell’universo può essere visto da Telescopio spaziale Hubble Revisionato dall’anno scorso. È così speciale che gli esperti dicono che è il sole più lontano mai osservato.

Ora il successore di Hubble, il potente James Webb Space Telescope, ha continuato quelle osservazioni per concentrarsi sulla stella nel primo miliardi di anni dopo il big bang. E il suo Dio potente nirkam (vicino alla telecamera a infrarossi) Webb rivela che il una stella Eärendel – scoperta da Hubble nel 2022 – è una massiccia stella di tipo B, più del doppio più calda del nostro Sole e circa un milione di volte più luminosa.

Earendel si trova a Arco Alba Galattico Può essere rilevato solo grazie al potere combinato della tecnologia umana e della natura attraverso un effetto chiamato lente gravitazionale. Hubble e Webb sono stati in grado di individuare Earendel grazie alla sua esistenza Un fortunato allineamento dietro una ruga nello spazio-tempo Sono stati creati dal massiccio ammasso di galassie WHL0137-08.

James Webb rivoluziona le osservazioni del nostro universo (Chris GUNN/NASA/AFP)

L’ammasso di galassie, che si trova tra noi ed Eärendel, è così massiccio che deforma il tessuto stesso dello spazio, Producono un effetto di ingrandimento, consentendo agli astronomi di guardare attraverso l’ammasso come una lente d’ingrandimento, riferisce la NASA. Mentre altre caratteristiche nella galassia appaiono molte volte a causa della lente gravitazionale, Earendel appare solo come un singolo punto di luce, anche nelle immagini a infrarossi ad alta risoluzione di Webb.

READ  Ultima versione 2023 e come installarla

Sulla base di ciò, gli astronomi hanno determinato che l’oggetto è ingrandito di un fattore di almeno 4.000, e quindi molto piccolo: la stella più lontana mai scoperta, osservata un miliardo di anni dopo il Big Bang.

Il precedente detentore del record per la stella più lontana è stato scoperto da Hubble e osservato in giro 4 miliardi di anni dopo il Big Bang. Un altro gruppo di ricerca che utilizza Webb ha recentemente identificato una stella con lente gravitazionale che hanno chiamato Quyllur, una gigante rossa osservata 3 miliardi di anni dopo il Big Bang.

Posizione di Eärendel nell’universo (NASA)

Stelle enormi come Earendel hanno spesso compagni. Earendel, dal nome di un personaggio di “Il Silmarillion” di JRR Tolkien, prequel delle trilogie “Hobbit” e “Il Signore degli Anelli”, potrebbe non essere solo nello spazio profondo. I funzionari della NASA hanno scritto che in base ai colori della stella, “gli astronomi pensano di vedere indicazioni di un compagno più freddo e più rosso”.

Avere un partner non sarebbe una sorpresa; Le stelle più massicce come Eärendel fanno parte di sistemi binari, Gli esperti notano che inizialmente non si aspettavano che Webb rivelasse alcun compagno a Earendel, poiché sarebbero stati così vicini e indistinguibili nel cielo.

Questa luce di Eärendel rilevata a causa dell’espansione dell’universo è stata allungata in lunghezze d’onda maggiori di quelle che gli strumenti di Hubble possono rilevare, quindi era rilevabile solo con quelli di Webb. La NIRCam di Webb fa emergere anche un altro dettaglio degno di nota in Dawn Arc, che È la più grande galassia scoperta finora Nel primo miliardo di anni di vita dell’universo.

Il telescopio spaziale ha impiegato 20 anni per essere costruito (Laura Betz/NASA via AP, File)

Le caratteristiche includono giovani regioni di formazione stellare e ammassi stellari più grandi e ben consolidati 10 anni luce di diametro. Su entrambi i lati della piega di massimo ingrandimento, che attraversa l’Earendel, queste caratteristiche si riflettono nella distorsione della lente gravitazionale. La regione di formazione stellare appare allungata e si stima che abbia meno di 5 milioni di anni. I punti più piccoli su entrambi i lati di Eärendel sono due immagini di un ammasso stellare più antico e consolidato, che si stima abbia almeno 10 milioni di anni.

READ  "Avremo un'ora e mezza per scoprire perché Venere si è trasformata in un inferno."

Gli astronomi hanno deciso così Questo ammasso stellare è legato gravitazionalmente E probabilmente continua ancora oggi. Questo ci mostra come apparivano gli ammassi globulari della nostra Via Lattea quando si formarono 13 miliardi di anni fa.

Gli astronomi stanno attualmente analizzando i dati delle osservazioni dello strumento NIRSpec (Near Infrared Spectroscopy) di Webb delle galassie Dawnbow e Eärendel, che forniranno misurazioni accurate della composizione e della distanza della galassia. Dalla scoperta di Hubble Eerndale, Webb ha scoperto altre stelle molto più lontane usando questa tecnica Niente come Earndale.

L’amministratore della NASA Bill Nelson mostra le immagini dal telescopio spaziale James Webb (Bill Engels/NASA/AFP)

Le scoperte si sono aperte Un nuovo universo di fisica stellare E un nuovo argomento per gli scienziati che studiano l’universo primordiale, poiché le galassie erano una volta i corpi cosmici più piccoli rilevabili. Il team di ricerca spera che ciò sia possibile Un passo verso la rivelazione finale di una delle prime generazioni di star, Consiste solo degli ingredienti grezzi dell’universo che hanno avuto origine nel Big Bang: idrogeno ed elio.

Il James Webb Space Telescope è il principale osservatorio di scienze spaziali del mondo. Webb risolve i misteri nel nostro sistema solare, guarda oltre i mondi lontani attorno ad altre stelle e indaga sulle misteriose strutture e origini del nostro universo e sul nostro posto in esso. Webb è un programma internazionale guidato dalla NASA con i suoi partner, l’Agenzia spaziale europea (ESA) e l’Agenzia spaziale canadese.

Continuare a leggere:

Il James Webb Space Telescope ha rilevato il vapore acqueo nei dischi che formano i pianeti
Un astrofisico spagnolo della NASA punta il James Webb Space Telescope verso i confini dell’universo
Il James Webb Space Telescope ha scoperto il buco nero supermassiccio più attivo