Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il 4% dei contribuenti con redditi più elevati rappresenta il 36% del risparmio fiscale grazie alla riduzione dell’IVA | Economie

Il governo prevede di rivedere il numero di beni e servizi soggetti all’aliquota IVA ridotta (10% contro 21% annuo) e quella molto bassa (4%) nell’ambito della riforma fiscale impegnata nell’Unione Europea nel piano di risanamento che sarà progettato il prossimo anno, come recentemente riconosciuto dal ministro delle Finanze, Maria Jesus Monteiro. Nonostante la preoccupazione che questa misura suscita a causa del rischio di influenzare le classi lavoratrici, la verità è che si tratta di una raccomandazione frequente da parte di organizzazioni come la Commissione europea o l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, dato che la Spagna è il terzo paese nel regione. L’euro suggerisce che si perdono più entrate quando vengono applicate queste aliquote, il che favorisce anche redditi particolarmente elevati. Infatti, il 4% più ricco dei contribuenti rappresenta più di un terzo del costo complessivo delle aliquote IVA ridotte.

Secondo lo studio dell’Autorità indipendente per la responsabilità finanziaria (Airef) basato sui dati definitivi per il 2016, la Spagna attualmente ipotizza una perdita annuale di raccolta di circa 17.786 milioni di euro per tassi fortemente scontati (5.323 milioni) e tassi scontati (12.463). ad esempio, facilitare l’accesso ai beni di prima necessità o incoraggiare il consumo di settori strategici o culturali. Il rapporto Airef conclude che il progetto soddisfa questo scopo, ma è inefficace dal punto di vista della distribuzione. E sottolinea che “le aliquote ridotte, riducendo le tasse sui consumi, beneficiano di più da redditi più alti e spendono di più”.

Il problema, evidenziato a Gestha, l’Associazione dei tecnici finanziari, è che le aliquote ridotte non coprono solo i consumi legati ai bisogni primari, ma includono anche cibi gourmet, bevande alcoliche selezionate, ristoranti di fascia alta e hotel a cinque stelle. Stelle o turismo di lusso, un’illustrazione. “Questi tassi più bassi avvantaggiano maggiormente le persone con redditi più alti, che possono spendere di più” per questo gruppo di beni e servizi.

READ  Il settore della moda e la sua importanza per le economie della Colombia e del mondo | Finanza | Economia

Di conseguenza, i decili di reddito superiori a 56.589 € e più di 112.961 € di reddito annuo hanno un’imposta sul valore aggiunto ridotta a causa della quale il paese perde circa 6.400 milioni all’anno: il 36% del costo generale totale di queste aliquote inferiori, sempre secondo Dati 2016 e secondo i dati degli interessi Tasse, a questo livello di reddito, difficilmente ci sono 90.000 contribuenti in tutta la Spagna, che è il 4% del totale.

Nel frattempo, il 63% degli spagnoli, il cui reddito annuo è di circa € 22.000, ha solo il 29% del risparmio fiscale (5.200 milioni) residuo dalla riduzione delle aliquote dell’imposta sul valore aggiunto.

Oltre all’utilizzo delle tasse del 10% e del 4%, la perdita annua di reddito statale supera i 24mila milioni aggiungendo esenzioni dall’imposta sul valore aggiunto ai servizi finanziari, all’istruzione e alla sanità privata, da cui beneficiano maggiormente i redditi più alti.

In confronto, la serie ridotta di tassi riduce la capacità di raccolta della Spagna di 2,1 punti di PIL all’anno, il più alto nell’area dell’euro dopo il 2,2% in Portogallo e Malta, e raddoppia l’1,2% della media della regione e supera 1,8. % Francese o 0,9% tedesco.

Questa forte differenza è spiegata dalla diffusa applicazione di aliquote ridotte nel paese. La Spagna tassa il 10% sul cibo di lusso, o cibo e bevande in bar e ristoranti, rispetto al 21% e al 19% della Germania, ad esempio. Infatti, utilizza tariffe inferiori alla media dei suoi coetanei in tutte queste aree, così come nel tempo libero e nella cultura (dove si applica il 4%) e la tassa sulle bevande alcoliche nei ristoranti è la metà della tassa della zona euro. Solo l’Italia, che di solito riceve le stesse raccomandazioni di revisione dalle autorità internazionali, è sulla stessa linea con la Spagna.

READ  Aliexpress ha aperto il suo secondo negozio fisico in Catalogna

Dati questi numeri, la raccomandazione dell’Airef, che il Tesoro intende studiare, è quella di analizzare l’aumento al 21% dell’aliquota complessiva dell’imposta sul valore aggiunto per alcuni beni e servizi, in particolare quelli maggiormente consumati da chi ha redditi più elevati.