Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il 24% delle organizzazioni ha una strategia per la biodiversità

Il 24% delle organizzazioni ha una strategia per la biodiversità

Sebbene quasi 9 amministratori delegati su 10 riconoscano che la biodiversità è importante per il pianeta, secondo l’ultimo rapporto dell’OCSE, la sua tutela passa ancora in secondo piano nell’agenda aziendale, con maggiore attenzione ora alla lotta al cambiamento climatico. Istituto di ricerca Capgemini, Preservare il tessuto della vita: perché la perdita di biodiversità è urgente quanto il cambiamento climatico.

Attualmente solo il 16% delle organizzazioni ha valutato l’impatto della propria catena di fornitura sulla biodiversità e solo il 20% delle proprie attività.

Biodiversità e cambiamenti climatici

Sebbene il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità siano strettamente interconnessi, la maggior parte delle organizzazioni attualmente si concentra sulle questioni climatiche e molti dirigenti ritengono che la biodiversità abbia una priorità inferiore rispetto al cambiamento climatico. Infatti, poco più della metà dei CEO di tutto il mondo ritiene che il ruolo delle aziende private non sia quello di affrontare la biodiversità, ma semplicemente quello di seguire le normative sulla biodiversità. Questa percentuale raggiunge il 78% in Italia e il 75% in Giappone.

Quasi la metà dei dirigenti (47%) considera la perdita di biodiversità un rischio a medio termine per la propria azienda, il 30% la considera un rischio a lungo termine (2050), mentre solo il 17% la considera una preoccupazione immediata, con significative differenze regionali. immaginare un’emergenza biodiversità -. In definitiva, il rapporto stima che gli investimenti aziendali globali nella conservazione della biodiversità rappresentano meno del 5% di quanto sarà necessario a tutte le parti interessate (pubbliche e private) nei prossimi 10 anni per invertire i danni all’ecosistema della biodiversità.

Consapevolezza delle conseguenze

Le aziende sono sempre più consapevoli delle conseguenze catastrofiche della perdita di biodiversità e di altri danni agli ecosistemi. Tuttavia, solo un quarto delle aziende ha una strategia sulla biodiversità, con Australia (15%), Germania (16%), Canada (17%) e Italia (18%) in ritardo. Queste strategie possono includere iniziative come investire in pratiche circolari, sviluppare obiettivi basati sulla scienza o considerare l’impatto della biodiversità nelle decisioni di investimento. In media, i progetti di conservazione o ripristino del territorio sono più importanti dei progetti relativi alle acque dolci e agli oceani. Inoltre, solo il 16% delle organizzazioni ha completato una valutazione dell’impatto della propria catena di fornitura sulla biodiversità, e solo il 20% ha fatto lo stesso per le proprie attività.

READ  Soluzioni che le aziende sviluppano dai dati

I dirigenti generalmente concordano sull’importanza di conservare la biodiversità, ma il 59% degli intervistati ritiene che le complessità che circondano la biodiversità creino sfide. A differenza del carbonio, che è più facile da definire, misurare e documentare, identificare la biodiversità è più difficile da quantificare, monitorare e quindi valutare l’impatto. Queste complessità sono dovute alla mancanza di standard uniformi a livello globale per misurare e monitorare gli impatti sulla biodiversità, all’ambiguità nella definizione degli obiettivi e alla mancanza di personale qualificato in materia di biodiversità.

Risolvere il problema

“Tutte le imprese dipendono dalla biodiversità e dagli ecosistemi: che si tratti di risorse dirette, come l’acqua o le fibre, o di ‘servizi ecosistemici’, come la regolazione dell’acqua o la fertilità del suolo, o di una biosfera prospera e funzionante, è fondamentale per il benessere umano e obiettivi più ampi di sostenibilità, crescita e stabilità economica. Tuttavia, molte organizzazioni sottovalutano il loro impatto diretto sulla perdita di biodiversità e la loro responsabilità nel proteggerla e ripristinarla.“, commenta Cyril Garcia, Head of the Global Sustainability and Corporate Responsibility Services Group e membro dell’Executive Board del Gruppo Capgemini. “È tempo che le aziende affrontino in modo proattivo questo problema e vadano avanti con le prossime normative obbligatorie, soprattutto perché esistono già molte soluzioni e quadri, come il gruppo di lavoro sulla divulgazione dei rischi naturali e sulle pratiche rinnovabili, per aiutare a proteggere la biodiversità. sarà fondamentale per aiutare le organizzazioni a identificare e applicare strategie per proteggere e conservare la biodiversità..

Molte aziende considerano la biodiversità una componente chiave della propria catena di fornitura: tra i dirigenti intervistati, il 58% afferma che le proprie organizzazioni hanno aggiornato il codice di condotta dei fornitori per includere considerazioni sulla biodiversità, mentre quasi la metà afferma che le proprie organizzazioni stanno investendo in catene di fornitura e domanda a deforestazione zero. pratiche di gestione forestale sostenibile da parte dei propri fornitori.

READ  DHL sta investendo in un centro operativo ad Ambato

Quando si esplorano settori specifici, il settore dei beni di consumo ha la percentuale più alta (26%) di organizzazioni che hanno già valutato l’impatto delle loro operazioni sulla biodiversità, mentre il settore/management pubblico ha la percentuale più bassa (14%). Nel contesto delle catene di fornitura, il settore della vendita al dettaglio ha riportato la percentuale più alta (26%) di valutazioni d’impatto, mentre i settori agricolo e forestale hanno riportato la percentuale più bassa (10%).

Pratiche di economia circolare

Per affrontare la crisi della biodiversità sono necessari cambiamenti normativi, comportamentali e culturali e l’adozione della circolarità svolge un ruolo chiave. Quasi due terzi dei dirigenti affermano che le loro aziende hanno implementato pratiche di economia circolare, come il riciclaggio e il riutilizzo, e più della metà delle aziende sta adottando misure per mitigare gli impatti negativi su terra e acqua.

Una parte fondamentale del futuro della conservazione e del ripristino della biodiversità comporterà l’integrazione di soluzioni di intelligenza artificiale insieme alla tecnologia blockchain e sensori per semplificare il monitoraggio e la localizzazione di diverse popolazioni, inclusi animali, uccelli e piante. Sfruttare l’intelligenza artificiale e la robotica può aiutare a monitorare le specie riducendo al minimo i danni alla biodiversità circostante. La biologia sintetica contribuirà anche alla soluzione di alcune delle minacce più gravi per l’ambiente, come la riduzione dell’inquinamento chimico e plastico. Quasi tre quarti dei dirigenti concordano infatti sul fatto che le tecnologie digitali saranno fondamentali anche per gli sforzi delle loro organizzazioni a favore della biodiversità. Per raggiungere questo obiettivo, le organizzazioni stanno investendo in particolare nell’intelligenza artificiale e nell’apprendimento automatico (31%), seguiti dalla stampa 3D (30%) e dalla robotica (28%).

READ  L'International Cocoa and Chocolate Expo 2023 arriva a Lima la prossima settimana | Centro Congressi di Lima | San Borja | Salon du Chocolat Parigi | Gastroenterologia

Castiglia e Leon Economica