Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La realtà della crescita e dei dazi smantella tutte le critiche economiche rivolte al governo dalla destra

La realtà della crescita e dei dazi smantella tutte le critiche economiche rivolte al governo dalla destra

Ha aggiunto: “Siamo in un momento di recessione, e i più pessimisti credono che siamo in declino economico perché non ci siamo ancora preparati per il PIL del 2019”. La prima parte della dichiarazione del leader del Partito Popolare Alberto Nunez Viejo era falsa già all’inizio di giugno. Il secondo è troppo accurato, perché ignora i dati positivi sul mercato del lavoro o le buone stime per il 2023 e il 2024 di tutte le istituzioni. Ciò non gli ha impedito di farne il fulcro della sua campagna elettorale. Soprattutto, non ha smesso di ripetere per settimane che la Spagna era alla fine del processo di ricostruzione del trauma storico della pandemia. Ora, dopo i dati sulla crescita di questa settimana e le ultime previsioni, la sua debacle contro il governo di coalizione viene messa a nudo. Nessuna stagnazione, per non parlare del declino, e nessuna coda.

Le revisioni al rialzo del PIL (prodotto interno lordo) dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE), dal 2020 al secondo trimestre del 2023, e le ultime previsioni (della Banca di Spagna, dell’OCSE e della Commissione Europea) confermano che la Spagna guiderà la crescita tra i principali paesi della regione euro. Con i nuovi dati, l’attività economica misurata dal Pil supera ora del 2% il livello pre-pandemia. Si prevede che continuerà a crescere a un tasso prossimo al 2% nei prossimi anni.

READ  Il Brasile ha superato l’Italia ed è diventato l’ottava economia più grande del mondo