Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Identificano impronte primitive più di 3400 milioni di anni fa – scienza – vita

microbi associata al ciclo del metano che già viveva in un sistema idrotermale sotto il fondale marino 3.420 milioni di anni fa, una scoperta che allarga i confini di ambienti potenzialmente abitabili, non solo Terra Primitivo, ma su altri pianeti come Marte.

(Potrebbe interessarti: come i pesci dorati si trasformano in “mostri” nei laghi)

guidato dalla squadra Università di Bologna (Italia) ha scoperto resti fossili che sono le prove più antiche di questo tipo di microrganismo, secondo uno studio pubblicato oggi. la scienza avanza.

I resti sono stati rinvenuti nella Green Stone Belt di Barberton (Sud Africa), un’area vicina ai confini con Swaziland e Mozambico, che conserva alcune delle rocce sedimentarie più antiche e meglio conservate del pianeta.

Il team ha trovato prove “eccezionalmente ben conservate” di questi microbi fossili in cavità create dall’acqua calda dei sistemi idrotermali a pochi metri dal fondo del mare, ha osservato Barbara Cavalazzi, autrice principale dello studio.

(Anche: l’orbita della Luna potrebbe causare inondazioni future)

Gli habitat sotterranei, riscaldati dall’attività vulcanica, sono probabilmente sede di alcuni dei più antichi ecosistemi microbici della Terra e “questo è l’esempio più antico” che hanno scoperto fino ad oggi, ha detto.

L’interazione dell’acqua di mare fredda con i fluidi geotermici più caldi ha creato una “zuppa chimica ricca”, con cambiamenti nelle condizioni che hanno dato origine a molti potenziali micro-habitat.

L’analisi chimica mostra che le suture sulle pareti e sul pavimento della cavità contengono “la maggior parte degli elementi principali necessari per la vita”. Le concentrazioni di nichel nei composti organici forniscono un’ulteriore prova di processi metabolici primitivi e sono coerenti con il contenuto di nichel trovato nei microbi moderni, noti come archaea, che vivono in assenza di ossigeno e utilizzano il metano nel loro metabolismo.

READ  Martha Fierro lascia il segnoصم

“Anche se sappiamo che i procarioti primitivi possono fossilizzarsi, abbiamo pochissimi esempi diretti”, ha detto Cavalazzi, le cui scoperte potrebbero espandere per la prima volta i reperti fossili archeani fino al momento in cui la vita è apparsa sulla Terra.

(Anche: i colombiani sono fiduciosi che quest’anno sarà migliore grazie alla scienza)

L’esperto ha sottolineato che poiché ci sono “ambienti simili su Marte, lo studio ha implicazioni per l’astrobiologia e le possibilità di trovare vita extraterrestre”.

EFE

Altre notizie scientifiche