Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I sondaggi d’opinione prevedono il vantaggio della destra alle elezioni europee  Le elezioni si terranno dal 6 al 9 giugno

I sondaggi d’opinione prevedono il vantaggio della destra alle elezioni europee Le elezioni si terranno dal 6 al 9 giugno

Da Roma

Non è possibile dire nello specifico cosa accadrà dopo le elezioni europee che si svolgeranno dal 6 al 9 giugno. Ma i risultati dei sondaggi preelettorali non sono né molto ottimisti né presuntuosi La destra è avanzata in quasi tutta l’Unione Europea.

Le indagini condotte da diverse società, tra cui Ipsos (un gruppo di ricerca internazionale con sede a Parigi) su richiesta del canale televisivo Euronews, si basano sui risultati di indagini condotte in diversi paesi che forniscono una panoramica della situazione.

Il Parlamento Europeo si rinnova ogni cinque anni ed è l’unica assemblea parlamentare multinazionale al mondo ad essere eletta con voto diretto. I 720 eurodeputati da eleggere (15 in più rispetto al 2019), rappresenteranno 450 milioni di persone, e avranno il compito di tracciare il corso dell’Unione Europea, decidendo nuove leggi che influenzeranno il livello economico, politico e sociale così come povertà, cambiamento climatico, migrazioni, solo… Per fare alcuni esempi. I membri del Parlamento europeo eleggono anche il presidente della Commissione europea, il ramo esecutivo dell’Unione europea, e i suoi membri.

Secondo un’analisi del think tank sugli affari internazionali Cidob di Barcellona, ​​dei 27 Stati membri dell’UE, tre hanno attualmente governi di destra (Italia, Ungheria e Croazia) e nove hanno governi di centrodestra (Irlanda, Grecia e Italia). Finlandia, Paesi Bassi, Portogallo, Repubblica Ceca, Lituania, Lussemburgo, Svezia), sette al centro (Belgio, Francia, Polonia, Austria, Cipro, Estonia, Lettonia), quattro a sinistra del centro (Germania, Slovacchia, Slovenia e Malta) ), e una a sinistra (Spagna), e tre coalizioni guidate (Romania, Bulgaria e Danimarca).

In queste elezioni, ogni paese può votare in uno o più dei quattro giorni elettorali disponibili e i risultati saranno probabilmente noti a partire dal 10. In Italia si vota l’8 e il 9 giugno.

Ogni paese ha un numero di rappresentanti al Parlamento europeo proporzionale alla sua popolazione. Inoltre, tutti i paesi sono tenuti a utilizzare un sistema elettorale proporzionale, il che significa che a ciascuna lista di candidati in Parlamento viene assegnato un numero di seggi proporzionale ai voti ricevuti.

Difesa contro la minaccia russa e Guerra ucraina, Il conflitto tra Israele e PalestinaLa posizione dell’Unione Europea riguardo alle guerre in altre parti del mondo, all’inflazione, alla ripresa economica e al malcontento nelle aree rurali, Cambiamento climatico La transizione verde e digitale, gli effetti dell’intelligenza artificiale, le migrazioni e le relazioni esterne con colossi come Stati Uniti o Cina, Questi saranno i temi chiave del prossimo quinquennio della Legislatura.

Italia

In Italia possono votare fino a tre candidati della stessa lista, purché di genere diverso. In questo contesto è strano che alcuni partiti italiani abbiano deciso quest’anno di mettere in testa alle proprie liste i propri leader, i quali se già occupano un posto nel Parlamento italiano devono dimettersi se vengono eletti in Europa perché non è possibile essere parlamentare locale ed europeo. Tra i candidati c’è l’attuale primo ministro. Georgia Melonidel partito di estrema destra Fratelli d’Italia (FDI), leader del Partito Democratico (PD, centrosinistra) Elie Schlein e Antonio Tajani, attuale ministro degli Esteri e leader del partito fondato da Silvio Berlusconi, Forza Italia (FI , centrodestra).

READ  L'esercito israeliano combatte a Gaza contro Hamas, in attesa della risposta di Hezbollah al confine con il Libano

Tutti e tre i candidati sono attualmente deputati al Parlamento italiano. I leader dei partiti potrebbero essersi candidati solo per ottenere più voti, ma una volta terminato il processo elettorale si dimetteranno dalla posizione europea, lasciando spazio a un altro candidato.

Secondo i sondaggi d’opinione diffusi intorno al 20 maggio e condotti da diverse società di analisi sociale e politica come Ipsos (per Euronews), Supermedia (per il Corriere della Sera) e SWG (per La7 TV), Le intenzioni degli elettori italiani in queste elezioni europee tenderanno a favorire gli investimenti diretti esteri In questa occasione otterrà circa il 27% dei voti (i sondaggi precedenti davano circa il 29%), superando in tutti i casi gli altri partiti. Segue la probabilità di default, che si aggirerà attorno al 22,5% (prima si parlava del 21%). Il Movimento 5 Stelle (centro, M5S) riceverà circa il 16% mentre a destra è confermato che i due partiti che fanno anche parte del governo, Forza Italia (FI) e la Lega di Matteo Salvini, riceveranno circa l’8, 3. -8,7% dei voti.

Due sorprese hanno segnato la campagna elettorale della Meloni, che sperava di ottenere una clamorosa vittoria alle elezioni europee, secondo quanto ha detto Maurizio Molinari, direttore del quotidiano romano. Repubblica. Questa è stata la prima sorpresaIl governatore della Liguria (la regione del potente porto di Genova), Giovanni Totti, che ha radici di centrodestra, è stato arrestato con l’accusa di presunta corruzione. La seconda sorpresa riguarda le aspettative elettorali. È chiaro che il Partito popolare europeo sarà in maggioranza, quindi la Meloni dovrà valutare se allearsi con la destra francese Marine Le Pen, leader del Partito popolare, oppure fare da sola. Il Partito Internazionalista non ha mai aderito al Partito Popolare, e Meloni vuole formare una nuova coalizione di destra nell’UE, i “Conservatori e Riformisti”, per la quale ha rafforzato i legami con altri partiti di destra come Vox dalla Spagna e Fidesz dall’Ungheria, guidato dal primo ministro ungherese Viktor Orbán.

Nel suo tentativo di ottenere più voti per il Primo Ministro Sabato a Roma la Meloni ha chiuso la campagna elettorale accusando gli oppositori di centrosinistra. Ha detto: “Voi fornite scuse agli estremisti per avvelenare la nostra democrazia con l’odio e presentarvi come persone responsabili… È vergognoso che queste questioni vengano usate per ottenere voti”, riferendosi alle critiche del leader del Partito Democratico Elie Schlein del Partito Democratico. I socialisti nell’Unione europea. “Se non sono un leader democratico, chi sono? Un dittatore? E se sono un dittatore, cosa faccio? Lotta armata per rovesciarmi?”, ha detto, parlando di sé in termini maschili come fa sempre.

Resto d’Europa

In SpagnaLe elezioni europee saranno un banco di prova per la battaglia tra il Partito Socialista Operaio spagnolo (PSOE), il Partito Popolare (Partito Popolare, di centrodestra) e il partito di estrema destra Vox. Nell’ambito della sua campagna elettorale europea, Vox ha recentemente tenuto un vertice internazionale a Madrid, al quale hanno partecipato online il presidente argentino Javier Miley e il primo ministro italiano. Lo dicono i sondaggi richiesti dal quotidiano Paese e oggetto stringa, Il Partito Popolare si presenterà come la forza numero uno in Spagna Con il 33,5% dei voti e 23 deputati. Il PSOE diminuirà ma non di molto. Perderà uno dei venti rappresentanti avuti finora. Il partito Vox, quinto nelle ultime elezioni del 2019, occuperà il terzo posto, ottenendo il 12,6% dei voti e 8 seggi in Parlamento. Ciò dimostra, secondo gli analisti, che anche la Spagna ha cominciato a contribuire all’espansione dell’estrema destra.

READ  Mavis Alvarez ha svelato i segreti del suo incontro con Fidel Castro, che lo ha raggiunto per mano di Diego Maradona.

In GermaniaSecondo i sondaggi di Euronews, l’attuale governo di centrosinistra guidato da Olaf Scholz potrebbe essere ostacolato se la destra avanzasse in Europa. I risultati di questi sondaggi mostrano che le intenzioni di voto dei tedeschi lo scorso aprile, quando sono state effettuate le urne, erano a favore di tre grandi partiti di destra: l’Unione cristiano-democratica (CDU) e l’Unione cristiano-sociale della Baviera (CSU). Alleato con il Partito popolare al Parlamento europeo) e l’estrema destra Alternativa per la Germania (AfD).

In Francia, l’avanzata dell’estrema destra preoccupa il presidente centrista Emmanuel Macron. Secondo i sondaggi di Euronews, il partito di estrema destra Rassemblement National (Raggruppamento Nazionale), guidato da Marine Le Pen, occupa il primo posto nei sondaggi d’opinione per intenzioni di voto (con circa il 32%), seguito dal partito Ennahda (Ennahdha) con Macron al comando. 17%, e poi il Partito Socialista al 14%. Se queste affermazioni saranno confermate, la coalizione di partiti di estrema destra al Parlamento europeo, “Identità e Democrazia”, a cui appartengono, tra gli altri, il Partito Popolare e la Lega di Salvini, emergerà come la coalizione dominante.

In Portogallo, quasi undici milioni di cittadini voteranno per eleggere 21 membri del Parlamento europeo. Secondo i sondaggi d’opinione, il partito socialista è il candidato più probabile, ma in testa c’è il partito di estrema destra Chiga (che attualmente ha circa il 20% delle preferenze).

In Irlanda i due stati dominanti sono il partito indipendentista Sinn Féin e il partito di centrodestra Fine Gael, il primo riceverà il 23% dei voti, il secondo il 20%.

In Polonia ci sarà un grosso pareggio tra la Coalizione Civica Europea liberale (31,2%) e l’estrema destra Legge e Giustizia (32,3%).

READ  Bolsonaro: Quali conseguenze potrebbe avere per il presidente accusato di 9 reati al Senato del Brasile a causa della sua risposta all'epidemia

In Ungheria, che oggi è governata dall’estrema destra Viktor Orban, la scena generale sembra presentare un quadro diverso. Il partito di Orban, Fidesz, ha il 45% dei consensi, l’8% in meno di quelli ottenuti alle elezioni del 2019, e il motivo di questi numeri sembra essere la campagna da lui lanciata. Peter Magyar, ex alleato di Orban che ora sta conducendo una sorta di guerra contro di lui. Il TISA, il nuovo partito ungherese, potrebbe ottenere circa il 25% dei voti.

Anche in altri paesi dell’UE si registra una tendenza elettorale a destra, ad esempio in Belgio e Grecia, anche se la destra ha perso consensi. Ma nei Paesi Bassi i socialdemocratici possono vincere.

Anche se tutto indica che il risultato finale potrebbe spostarsi verso destra, deve essere chiaro che tutti i numeri forniti dai sondaggi sono solo approssimativi.

I giovani affollano le urne

Un’altra questione importante è la percentuale di partecipazione alle urne, che negli anni precedenti ha mostrato di essere in costante calo. Quest’anno nell’Unione europea ci sono 375 milioni di persone con diritto di voto. Queste elezioni si presentano anche come un’opportunità per i giovani, poiché per molti di loro sarà la prima volta che andranno a votare.. Infatti in Austria e Malta i giovani possono votare a 16 anni, mentre in Grecia a 17 anni e negli altri Paesi europei generalmente a 18 anni.

In Italia, dove il voto non è obbligatorio, negli ultimi anni si è generalmente registrata una significativa mancanza di interesse da parte degli elettori, un fatto in parte attribuibile agli effetti della pandemia. Ma recentemente, come dimostrato durante il governo Meloni, i giovani universitari sono scesi in piazza per protestare e difendere i propri interessi, concentrati soprattutto nel La guerra a Gaza, il cambiamento climatico, l’uguaglianza e la sicurezza, Il che suggerisce che parteciperanno al voto. Infatti, una ricerca Ipsos condotta in 18 paesi europei ha rivelato che il 53% dei giovani europei di età compresa tra i 18 e i 29 anni considera il clima una priorità assoluta mentre l’83% lo considera una questione importante.