Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come fu l’Operazione Fortitude, la più grande operazione di inganno della Seconda Guerra Mondiale che fu fondamentale per la sconfitta di Hitler?

Come fu l’Operazione Fortitude, la più grande operazione di inganno della Seconda Guerra Mondiale che fu fondamentale per la sconfitta di Hitler?

Operazione Fortitude: la chiave per ingannare i nazisti e garantire il successo in Normandia (foto di Bilderfelt Gallery/Getty Images)

A 80 anni del D-DayIl mondo ricorda ufficialmente il coraggio e l’audacia degli uomini che sbarcarono sulle rive del… Normandia Il 6 giugno 1944. Quel giorno eroico segnò una svolta decisiva nella storia della guerra seconda guerra mondiale Contro il sistema Adolf Hitler. Tuttavia, dietro questo evento storico si nasconde un contributo poco conosciuto ma cruciale: un’operazione di inganno che confuse i nazisti sulle vere intenzioni degli Alleati.

Quando atterri Normandia Inizialmente i tedeschi furono colti di sorpresa e inviarono rapidamente rinforzi da altre parti della Francia. Tuttavia, ciò che era cruciale era quello 15ª Armata tedesca Proseguì verso il Pas-de-Calais, in attesa di un’invasione più ampia che non si verificò mai. Ciò permise agli Alleati di combattere con meno opposizione in Normandia per sei settimane cruciali, il che contribuì notevolmente al fallimento delle forze naziste.

L’inganno non si limitò solo agli aspetti fisici, ma anche a quelli psicologici e strategici, che portarono più di 150.000 soldati tedeschi a rimanere intrappolati lontano dal vero teatro delle operazioni. Manovre militari ingegnose e cooperazione intersettoriale sottolineano l’importanza della creatività e dell’inganno nelle complesse operazioni di guerra.

Le spie tedesche mutate hanno inviato false informazioni sulle divisioni alleate (Foto: © Hulton-Deutsch Collection/CORBIS/Corbis via Getty Images)

Processo di stabilità Era la chiave per porre fine con successo al piano nazista. Dall’autunno del 1940, il colonnello John Turner iniziò a costruire falsi aeroporti per ingannare l’aeronautica tedesca sulle dimensioni delle difese aeree britanniche. Questo sforzo è stato intensificato durante i preparativi per il D-Day. Nonostante l’opposizione del maresciallo dell’aeronautica Sir Hugh Dowding, che dava priorità alle risorse reali rispetto alle trappole esplosive, il ministero dell’Aeronautica incoraggiò Turner ad andare avanti.

READ  Inizio del vertice NATO: le critiche di Zelensky e la risposta della Russia all'allargamento dell'Alleanza

La collaborazione con l’industria cinematografica è stata un aspetto cruciale della bufala. Norman Loudon, un uomo d’affari scozzese, mise a disposizione il suo studio cinematografico a Shepperton per lo sforzo bellico, con tecnici che producevano aerei falsi a una frazione del costo originale. Loudon e i suoi tecnici, esperti nella costruzione di scenari artificiali, si sono impegnati a creare 50 manichini di Wellington e 100 manichini di Blenheim per confondere il nemico dall’aria.

Realizzarono falsi serbatoi di carburante e un mezzo da sbarco che si capovolse nel vento (Museo della Guerra Imperiale)

Nel frattempo, al Cairo, si formò l’esercito britannico energia Sotto il comando del tenente colonnello Dudley Clark. Clark, noto per la sua capacità di entrare in una stanza senza essere notato, sviluppò tecniche di inganno utilizzate nella guerra nel deserto in Egitto e Libia. Una delle sue strategie più importanti fu la battaglia di El Alamein (ottobre 1942). Creazione di false divisioni Ingannò gli italiani inventando una brigata di paracadutisti inesistente, e i tedeschi con finti carri armati che li costrinsero a spostare le loro truppe nelle posizioni sbagliate.

Durante i preparativi per il D-Day, il generale Montgomery, comandante del 21° gruppo dell’esercito, e il suo capo dell’ufficio inganno, il tenente colonnello David Strangeways, effettuarono… Un piano per far credere ai tedeschi che l’invasione sarebbe avvenuta nel Pas-de-Calais. Assumere tecnici Shepperton, Hanno creato il 1° Gruppo dell’Esercito degli Stati Uniti (FUSAG), Una formazione completamente fittizia composta da carri armati gonfiabili e un mezzo da sbarco fittizio. Il generale Giorgio S. Patton Fu incaricato di guidare questa falsa formazione, che contribuì alla sua fama e al fascino dell’inganno.

READ  Un ex combattente e miss formerà la formula di opposizione per affrontare Daniel Ortega in Nicaragua

Utilizzo Doppi agenti ha svolto un ruolo essenziale. Le spie tedesche deviate dall’MI5 inviarono false informazioni in modo tale che l’intelligence tedesca calcolò erroneamente che 79 divisioni alleate erano state ammassate nel Regno Unito. In realtà erano solo 52. Con falsi segnali e creando una grande quantità di traffico radio, riuscirono a distrarre l’intelligence nazista.

C’è stata una collaborazione con l’industria cinematografica per creare aerei finti e confondere la Luftwaffe (Foto di Fox Photos/Getty Images)

I metodi di inganno erano vari: fabbricavano serbatoi di carburante falsi, progettati per assomigliare a quelli veri, da aerei da ricognizione a 6.000 metri (20.000 piedi) sul livello del mare. E aneddoti divertenti, come un falso mezzo da sbarco che dovette essere riparato dal reggimento del Worcestershire a causa della sua tendenza a capovolgersi in caso di vento forte, mostrano la creatività e la perseveranza dietro il processo.

IL Processo di stabilità Ciò non si è limitato a spianare la strada al successo Oggi il DottMa ha anche dimostrato il potere della guerra psicologica e dell’inganno strategico. Oggi l’operazione è considerata un brillante esempio di pianificazione ed esecuzione nell’arte della guerra.