Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I salari spagnoli perdono cinque volte il potere d’acquisto dei salari europei

I salari spagnoli perdono cinque volte il potere d’acquisto dei salari europei

Né misure urgentemente adottate dal governo né Aumenti di stipendio realizzati dalle corporazioni, esigue nel nostro Paese, hanno salvato i lavoratori spagnoli nell’ultimo anno da uno dei più grandi cali a cui l’inflazione abbia mai posto rimedio nel potere d’acquisto delle famiglie e delle case in tutto il continente europeo. Infatti, al di là dell’obiettivo di questi pacchetti di misure, la cui approvazione è stata affrettata dopo lo scoppio della guerra in Ucraina e il generale aumento dei prezzi al consumo, la perdita di potere d’acquisto per gli spagnoli è una delle maggiori registrate tra i principali paesi dell’euro e circa cinque volte superiore alla media dei paesi dell’euro. Eurozona4,8 volte per l’esattezza.

Mentre i dati ufficiali forniti da Eurostat, il Servizio per gli studi economici e statistici del Commissione europeametti la rivalutazione salariale media a Spagna (escluse quelle delle pubbliche amministrazioni) al 2,6% nel 2022, l’inflazione headline ha chiuso sostanzialmente in rialzo, all’8,4% secondo il record dell’Istituto Nazionale di Statistica. Ciò ha causato un equilibrio devastante: i lavoratori Hanno perso il 5,8% del loro potere d’acquisto, che è il secondo più alto tra i principali concorrenti europei e cinque volte il calo medio dei paesi dell’euro, all’1,2%. Gli aumenti salariali sono stati del 4,5% e l’IPC è stato in media del 5,7% per l’intero anno.

In questo caso, solo la Spagna registra una minore perdita di valore reale dei salari dei lavoratori rispetto a quella registrata Italia. Lo scorso anno il Paese transalpino ha subito un calo del potere d’acquisto di 6,7 punti, dopo aver registrato aumenti salariali del 2% e ipotizzando un’inflazione dell’8,7%. E allo stesso livello della nostra Grecia e Olanda, dove il potere d’acquisto dei salari è diminuito rispettivamente del 5,8% e del 5,6%. Nel primo di questi, il numero era dovuto a un aumento dei prezzi del 9,3% rispetto agli aggiornamenti delle buste paga, in aumento del 3,5%. Nel caso dei Paesi Bassi, ha subito il tasso di inflazione più alto tra i principali paesi dell’euro, 11,6% nel 2022, mentre l’aumento dei salari, sebbene significativo, è stato del 6%, che non è sufficiente per colmare questo divario.

READ  I britannici continueranno a recarsi in Spagna con la stessa intensità?

D’altra parte, si è sperimentato il leggero rifiuto del potere d’acquisto dei lavoratori e delle famiglie FranciaE Germania E Portogallo. In particolare, i nostri vicini della penisola hanno registrato un calo del potere d’acquisto di 3,6%con un’inflazione dell’8,1% – molto simile a quella registrata in Spagna – e con incrementi salariali del 4,5% in media – molto più alti che nel nostro Paese -.

Nel caso della Germania, la perdita è stata nel valore reale dei salari 3,1% ultimo esercizio. I tedeschi non sono riusciti a contenere il rialzo dei prezzi, in media dell’8,7%, ma gli aggiornamenti salariali hanno accelerato nel contesto del generale aumento dei prezzi al consumo, soprattutto dell’energia, con un peso specifico nel Paese nei mesi peggiori dell’inverno. Gli stipendi sono aumentati del 5,6%.

Da parte sua, la Francia ha registrato il minor calo del potere d’acquisto dei grandi paesi dell’eurozona, da 2,1%. In questo caso, con aumenti salariali moderati del 3,8%, gli sforzi per mitigare l’escalation dei prezzi sono stati ripagati con un CPI medio del 5,9%.

E, al contrario, nella prima linea dei poteri più sviluppati, lui Irlanda Come unico fattore in cui i lavoratori non hanno perso potere d’acquisto, ma anzi hanno guadagnato l’1,1%. Certo, dopo una rivalutazione salariale standard: 9,2% per poter superare l’escalation dei prezzi che ha raggiunto l’8,1%.

Datori di lavoro e sindacati

In particolare, questa situazione è stata uno dei catalizzatori per i rappresentanti della Federazione dei datori di lavoro e dei sindacati per raggiungere il consenso sul quinto contratto di lavoro e di contrattazione collettiva (AENC). La pressione sulle tasche dei lavoratori continua quest’anno – con un’inflazione media del 4% finora quest’anno – e sebbene l’accordo abbia eliminato la modalità 2022 dopo aver bloccato i colloqui tra le parti a maggio, ha elaborato un quadro per le rivalutazioni del 4% per il 2023 e del 3% per il 2024 e il 2025.

READ  Escrivá: “Dobbiamo aumentare l'età pensionabile effettiva per neutralizzare l'aumento dell'aspettativa di vita” | Economia

In effetti, entrambi sono registri contratti collettivi Come quelli compilati dal Ministero delle Finanze riflettono come questo accordo stia funzionando, ora, almeno per contenere l’emorragia di potere d’acquisto avvenuta nell’ultimo anno. Fino a giugno, le rivalutazioni erano 3,2% Per un totale di 8,3 milioni di lavoratori. Se guardiamo a chi si è iscritto nel 2023, l’aggiornamento medio è del 4,2% e interessa 1,6 milioni di dipendenti.

Una parola chiave simile, anche migliore, che riflette le informazioni che hai fornito Imposta sul reddito Durante il primo trimestre dell’anno – una delle fonti più attendibili per misurare l’evoluzione dei salari nell’economia – che rivela come i salari medi pagati dalle grandi imprese sono aumentati del 5%, mentre nelle piccole e medie imprese questo aumento è stato ancora più elevato, 5,5%.

In questo caso, l’altezza media 5,25% Fino a metà anno la rivalutazione registrata da Eurostat nel nostro Paese è già raddoppiata nel 2022 ed è del 60% superiore a quella che si riflette nelle statistiche sugli accordi da esso pubblicate. ministro del Lavoro. In effetti, questa situazione consentirebbe di recuperare un punto percentuale di potere d’acquisto finora quest’anno in relazione all’aumento medio dei prezzi del 4%. Indubbiamente, uno degli elementi che maggiormente si sono distinti dall’accordo bilaterale è stata la capacità di mettere in moto il meccanismo della contrattazione collettiva senza interferenze governative, nonostante ci fosse una ‘folla’ di oltre 1.200 accordi ancora da negoziare.

Più di 500 euro all’anno

Ieri, questi dati sono stati aggiornati per il caso spagnolo dal servizio studi dell’azienda specializzata in risorse umane Adecco. secondo i risultati “IX Monitor Adecco sui salari” Le buste paga del nostro Paese hanno perso il 4% del loro potere d’acquisto nel 2022. Si tratta di un dato inferiore a quello che riflette Eurostat, calcolando un aumento salariale medio in questo caso del 4% rispetto al 2021.

READ  Il successo di Extenda Global 2021: si conclude con oltre 1.500 incontri d'affari

Lo studio mostra che lo stipendio medio nell’economia spagnola durante il 2022 ammontava a 1822 euro al mese, che rappresenta un nuovo limite storico in cui abbiamo record, mantenendo così la fase di aumenti iniziata nel 2018, ad eccezione del 2020 dove c’è stato un calo del 3%, lasciando alle spalle il periodo 2011-2017 in cui lo stipendio medio spagnolo oscillava tra 1.630 e 1.640 euro al mese.

Confrontando lo stipendio medio attuale con lo stipendio medio di 5 anni fa (2017), è aumentato di 11,2%, un guadagno che si traduce in ulteriori 183 € al mese. È stato ancora il salario medio per il 2021 a raggiungere l’aumento più elevato rispetto all’anno precedente (+6,6%) che le statistiche mostrano, tuttavia, va notato che l’aumento per il 2022 è il secondo più alto dal 2008.

Tuttavia, sebbene la situazione inflazionistica si sia scatenata dal primo trimestre del 2022, l’inflazione ha pesato sul potere d’acquisto per diversi anni. Così, il saldo dei rialzi e dei cali dell’IPC (soprattutto nell’anno della pandemia) e il lento e disomogeneo aumento delle retribuzioni hanno determinato Il potere d’acquisto netto è diminuito del 2,5% tra il 2017 e il 2022. Adecco calcola che il risultato di questa situazione si traduce in una riduzione equivalente a una perdita di circa 44 euro al mese o 523 euro all’anno rispetto al 2017.

Anzi, se confrontati con i dati del 2008, questi risultati sono ancora peggiori, poiché il potere d’acquisto del salario medio nel 2022 è 7% meno del 2008. Una situazione che è stata sostenuta dal periodo 2014-2016 che ha visto tre cali consecutivi del CPI, seguiti da tre anni di rialzo (2017-2019) e un calo del CPI nel corso del 2020 (-0,3%). Dopo questo calo, il CPI tornerà a salire nel 2021 (+3,1%) e nel 2022, quando l’inflazione sarà già salita all’8,4%.