Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I piani di ripresa danno il via alla corsa all’idrogeno nell’Unione Europea | Economie

L’impianto di idrogeno di Liegi (Germania nord-orientale), in una foto aerea scattata il 24 marzo.Image Alliance / OTTIENI IMMAGINI

I partner dell’UE hanno lanciato la corsa alla tecnologia dell’idrogeno, che è destinata a diventare la chiave per raggiungere la decarbonizzazione dell’economia europea nel 2050. I piani di ripresa hanno avviato progetti per sviluppare questa fonte di energia, che guideranno massicci investimenti nei prossimi tre decenni. Il settore stima che fino al 2050 saranno necessari circa 5,5 trilioni di euro. I due paesi hanno stretto alleanze con progetti provenienti da Germania e Francia, o dalla Spagna con Portogallo e Italia. Anche Grecia, Danimarca, Belgio e Austria non vogliono essere lasciate indietro.

maggiori informazioni

Bruxelles ha incoraggiato i piani di ripresa ad avere anche una dimensione europea. Sebbene gli investimenti transfrontalieri non siano la maggioranza, sono descritti in dettaglio nelle aree chiave dell’UE: batterie, cloud o microelettronica. E l’idrogeno. Le capitali stanno prendendo il comando in questa fonte di energia, che si presume sia una delle migliori opzioni per eliminare le emissioni nell’industria e nel trasporto pesante. Il nord sta rivendicando la sua forza tecnologica, mentre il sud sta dimostrando la sua capacità di generare idrogeno verde in più quantità ea costi inferiori.

Germania e Francia si preparano a lanciare un’alleanza europea con un grande progetto di comune interesse europeo (IPCEI), una formula per settori i cui rischi richiedono assistenza statale e cooperazione transnazionale. Per questo programma è in fase di deposito solo il piano francese, che dovrebbe raggiungere Bruxelles entro la fine del 2021, con un budget di 1.575 milioni di euro. Entrambi i paesi sono aperti ad altri partner che partecipano all’IPCEI per “costruire una catena del valore europea decarbonizzata, sovrana e resiliente”, secondo il piano francese.

READ  Prezzo voli Emsorso 2021

L’industria ritiene che la cooperazione sia necessaria in queste prime fasi, ma anche a medio termine ci sarà una forte concorrenza per questa fonte di energia. Inoltre, sono sospettosi dei piani di alcuni paesi del nord Europa, che stanno ancora valutando l’idrogeno blu – prodotto dal gas naturale – e persino grigio – dai combustibili fossili – quando il sud del continente scommette sul verde.

Queste differenze sono diventate evidenti nel dicembre dello scorso anno, quando 22 paesi dell’Unione europea e la Norvegia hanno rilasciato una dichiarazione per fare pressioni affinché l’IPCEI aumenti l’idrogeno. Immediatamente, cinque dei firmatari – Spagna, Portogallo, Austria, Lussemburgo e Danimarca – hanno rilasciato un’altra dichiarazione in cui hanno chiarito che solo i progetti prodotti “da fonti rinnovabili” dovrebbero ricevere fondi pubblici. Bruxelles sostiene ancora questa tesi.

Anche la Spagna, che stanzierà 1.555 milioni dal suo piano di recupero a quell’energia e prevede di investire 8.900 milioni in dieci anni, ha iniziato a formare le sue alleanze. Le sue preferenze attualmente vanno dall’altra parte del Sud e si limitano all’idrogeno prodotto da fonti rinnovabili. Il piano di ripresa portoghese indica che Lisbona e Madrid “istituiranno un gruppo di lavoro” per “rafforzare la cooperazione commerciale e attuare progetti comuni”, tra le altre aree, nel campo dell’idrogeno verde.

La Spagna aggiunge nel suo piano che cerca alleanze anche con l’Italia e la Francia. “L’idrogeno verde offre alla Spagna l’opportunità di posizionarsi come uno dei principali esportatori di energia verde in Europa”, afferma il documento spagnolo, che delinea la sfida di individuare la “Penisola iberica nella produzione di idrogeno rinnovabile e potenziale futuro approvvigionamento di eccedenze ad altri paesi dell’Unione Europea ”.

READ  L'economia conferma che AMLO può abrogare l'ordinanza automobilistica per le auto "cioccolato"

Ambizione di leadership

“I progetti transfrontalieri hanno perfettamente senso, poiché gli studi indicano che il nord Europa non sarà in grado di produrre tutto l’idrogeno di cui ha bisogno fino al 2040. Spagna e Portogallo sono i due paesi con le migliori condizioni di costo di produzione”, afferma il direttore globale. Divisione idrogeno di Iberdrola, Millán García-Tola.

Il settore ritiene che l’ambizione della leadership spagnola sia non solo possibile ma anche necessaria per trarre vantaggio da quella che sta emergendo come una grande industria energetica. “Vedo opportunità per Spagna, Portogallo, Francia o Italia perché saremo in grado di rifornirci da soli ed esportare le eccedenze nei paesi del Nord Europa, che richiedono molto idrogeno”, afferma Javier Berri, Presidente Associazione spagnola dell’idrogeno. Secondo Brie, il costo dell’idrogeno verde nell’Europa meridionale è la metà di quello del nord: tra 1 € e 1,5 € al kg per 2,5 o 3 €. Avverte che la competizione sul gas naturale è iniziata a 0,6 €, che è vicino al costo.

In questa dinamica, i partner dell’Unione europea riconoscono che è tempo di cooperazione: dobbiamo innovare da più tecnologia a conducenti e navi per il trasporto. Il Think tank Hydrogen4EU stima che l’infrastruttura necessaria per raggiungere gli obiettivi del 2050 richiederà un investimento di 5,5 trilioni di euro. Bruxelles ha anche aperto la strada proponendo di installare 40 gigawatt di elettrolizzatore di idrogeno rinnovabile in questo decennio.

Più tecnologia, costi inferiori e una strategia unificata, a seconda del settore, sono la ricetta per un punto di svolta dell’idrogeno il più presto possibile.

maggiori informazioni