Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I bambini dei paesi del Mediterraneo soffrono di problemi di sovrappeso in Europa

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 maggio 2021-22: 05

Copenhagen, 11 maggio (EFE). – L’Ufficio Regionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato in un rapporto diffuso oggi (OMS) che i paesi del Mediterraneo hanno la più alta percentuale di bambini in sovrappeso in Europa, nonostante la tendenza al ribasso negli ultimi anni.

Cipro, Spagna, Grecia e Italia hanno, in questo ordine, i tassi più alti, tra il 38 e il 43%, mentre i paesi dell’Asia centrale come Tagikistan, Kirghizistan e Turkmenistan mostrano i tassi più bassi (dal 5 all’11%), secondo i dati per 250.000 bambini. Dai 6 ai 9 anni provenienti da 36 paesi della regione europea dell’OMS.

Lo stesso quadro si ripete quando si misurano i tassi di obesità, con i paesi del Mediterraneo (Cipro, Italia e Grecia; Spagna, sesto) in primo piano con valori intorno al 20% e quei paesi dell’Asia centrale con i numeri più bassi del continente.

Il rapporto, con i dati registrati tra il 2015 e il 2017 e presentati alla Conferenza Europea sull’obesità, evidenzia che in 13 paesi, in relazione al precedente studio del 2018, si è registrato un trend stabile o decrescente, tra cui Spagna, Grecia e Italia, con un indice di sovrappeso in calo dal 3 al 12%.

Diversi paesi hanno spinto per misure raccomandate dall’Organizzazione mondiale della sanità, come tasse sulle bevande analcoliche, restrizioni sulla pubblicità alimentare e più lezioni di educazione fisica.

“I dati mostrano una tendenza al calo dell’obesità infantile nei paesi con tassi più elevati. Hanno sentito l’allarme da studi precedenti e politiche attuate con successo”, ha detto Nino Birdzoli, Direttore del programma sanitario per l’Europa dell’OMS.

READ  Quale santo si festeggia oggi? Consiglio dei Santi di martedì 19 settembre

I ragazzi sono più in sovrappeso delle ragazze

I dati erano peggiori per i ragazzi che per le ragazze: 29 contro il 27% per il sovrappeso e 13 per il 9% per l’obesità.

Circa l’80% dei bambini di entrambi i sessi fa colazione tutti i giorni, circa il 45% mangia frutta ogni giorno e il 25% mangia verdura, sebbene i valori mostrino differenze interne significative.

Nel caso di dolci e snack salati, la percentuale di bambini che li consuma più di tre giorni a settimana varia dal 5 al 62% nel primo e dall’1 al 35% nel secondo.

Un bambino su due va a scuola a piedi o in bicicletta e più della metà gioca almeno un’ora al giorno fuori casa.

Lo studio indica che i figli di genitori con un livello di istruzione superiore hanno maggiori probabilità di partecipare a sport e attività come la danza, una differenza che in alcuni paesi raggiunge il 20% tra famiglie con una formazione scolastica alta e bassa.

Preoccupazione per gli effetti di COVID-19

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha avvertito che la pandemia COVID-19 rischia di esacerbare i livelli di aumento di peso, poiché le chiusure e le chiusure scolastiche influenzano l’accesso ai pasti scolastici e alle lezioni di educazione fisica, aumentando la disuguaglianza.

Pertanto, è considerata una “priorità” rafforzare le strategie per prevenire l’obesità infantile durante la pandemia.

“Per far luce sul futuro delle generazioni future, dobbiamo attuare politiche basate su scienza e dati, che contribuiranno a ridurre l’obesità infantile e promuovere diete sane e attività fisica”, ha affermato Hans Kluge, Direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in Europa. EFE

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte del contenuto dei Servizi Efe è espressamente vietata, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA.

READ  Si prevede che il mercato globale dell'intelligenza artificiale (AI) nella medicina di precisione varrà 14,5 trilioni di dollari entro il 2030.