Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bolsonaro in Brasile, movimento vicino all’estrema destra degli Stati Uniti

Bolsonaro in Brasile, movimento vicino all’estrema destra degli Stati Uniti

Rio de Janeiro (AFP) – Il bolsonaroismo, emerso nel 2018, ha messo radici in Brasile con molte somiglianze con l’estrema destra al potere in alcuni paesi europei, ma è più vicino all’estrema destra americana e a Trump.

L’ascesa al potere di Jair Bolsonaro, che spera di essere rieletto al secondo turno delle elezioni presidenziali del 30 ottobre, ha risposto a una profonda agitazione sociale, come altrove, secondo gli analisti.

“Le radici di questi movimenti di estrema destra risiedono in una crisi economica e sociale che peggiora di anno in anno, aumentando le disuguaglianze e riducendo i redditi della classe operaia e della classe media”, spiega Christophe Ventura, Direttore della Ricerca presso il Dipartimento di Analisi. Centro per l’Istituto di Relazioni Internazionali e Strategiche (IRIS).

“Questo aumenta la sfiducia in generale”, aggiunge.

Secondo lo specialista latinoamericano, questo fenomeno implica l’idea di sostituire la classe politica “corrotta e incapace” e di instaurare “un popolo virtuoso, un governo più autoritario”.

La globalizzazione e il libero scambio appaiono come le cause di tutti i mali.

In Europa, dall’Italia (Fratelli d’Italia) all’Ungheria (Fides), passando per la Polonia (Diritto e Giustizia), la Svezia (Democratici svedesi) o la Francia (National Rally, Payback), l’estrema destra vuole “chiudere le frontiere e controllare i migranti a causa della crisi”, dice. Geraldo Monteiro, Direttore del Centro Brasiliano di Studi e Ricerche sulla Democrazia dell’Università Statale di Rio de Janeiro.

In Brasile “gli immigrati non sono un grosso problema” e l’islamofobia o l’antisemitismo non sono così diffusi come in Europa.

Ma con Bolsonaro la “solidarietà nazionale” vale per le “brave persone” ed esclude i “corrotti”.

Tra i suoi nemici ci sono le minoranze – la comunità LGBT e le popolazioni indigene – attivisti per i diritti umani, ambientalisti, stampa, mondo accademico o culturale, associate alla sinistra “comunista” dell’ex presidente Luis Inacio Lula da Silva, uno dei favoriti al ballottaggio.

READ  Perché alcuni ricordi d'infanzia scompaiono e altri rimangono dormienti per tutta la vita

Forte forza e mascolinità

Come tutta l’estrema destra, la Santissima Trinità Paulsoniana è Dio, Patria e Famiglia. Quest’ultimo, secondo la sua visione, è minacciato dal matrimonio tra persone dello stesso sesso, dall’aborto o dall’ideologia di genere.

Mentre i cattolici fondamentalisti in Europa sono i “custodi” della fede, potenti evangelici neo-pentecostali assumono questo ruolo in Brasile.

Monteiro osserva anche che “non vediamo la militarizzazione di Bolsonaro nell’estrema destra europea”.

Il Brasile “ricorda la dittatura” (1964-1985). Bolsonaro incorporò molti militari nel suo governo e promosse l’idea di una forte forza e mascolinità.

Un’altra differenza è che “il discorso a favore delle armi non esiste in Europa”, afferma Ventura, riferendosi a un discorso che incoraggia gli individui a difendere la propria sicurezza e i propri “interessi e proprietà, anche con le armi”.

Il “punto di appoggio prioritario” per l’estrema destra di Bolsonaro “sono stati gli Stati Uniti” sotto la presidenza di Donald Trump, aggiunge il ricercatore, che ha trovato “molte somiglianze con il Tea Party e l’estrema destra americana”.

Per Myra Goulart, professoressa di scienze politiche all’Università Federale di Rio, in questo populista “un leader è il rappresentante diretto del popolo”. E attaccando i mediatori della democrazia: partiti, istituzioni e stampa.

Il belsonarismo, come l’estrema destra negli Stati Uniti e il trumpismo, attacca le istituzioni, in particolare la Corte suprema federale e il sistema elettorale.

Gli avvertimenti infondati di Bolsonaro su possibili frodi hanno sollevato i timori di una versione nazionale dell’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti se perdesse le elezioni.

Come Trump, Bolsonaro disprezza la stampa e comunica principalmente attraverso i social media, inondato di “fatti alternativi” e teorie del complotto.

incitamento all’odio

Allo stesso modo, la retorica anti-scientifica di Bolsonaro, esemplificata dalla sua resistenza ai blocchi e ai vaccini antivirali, o dal suo scetticismo sui cambiamenti climatici, è ispirata dalla retorica di Trump e dell’estrema destra.

READ  Natalie Weber ha rivelato il motivo del suo ricovero ospedaliero per cinque giorni e ha raccontato come si stavano evolvendo le sue condizioni di salute

Concentrandosi sulla protezione degli interessi economici, Bolsonaro condivide con il trumpismo “retorica neoliberista, pro-mercato e pro-business”, afferma Goulart, mentre per il gruppo nazionalista francese, ad esempio, i mercati sono il nemico.

Allo stesso modo, la libertà di espressione richiesta dal movimento di estrema destra negli Stati Uniti compare nell’incitamento all’odio promosso dai sostenitori del presidente brasiliano.

Montero conclude che Trump, come Bolsonaro, sono candidati anti-regime che sono “assunti inaspettatamente al potere”. Questi leader “che si presentano come un popolo possono radunare migliaia di persone nelle strade”.