Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hubble ha registrato la terrificante fine di una stella ed è davvero scioccante: Enseñame de Ciencia

Hubble ha registrato la terrificante fine di una stella ed è davvero scioccante: Enseñame de Ciencia

Rappresentazione della stella da un buco nero “spaghetti”. (Credit: M. Kornmesser/ESO).

Il telescopio spaziale Hubble ha appena rilevato un buco nero affamato mentre torce una sfortunata stella. I buchi neri intrappolano violentemente tutto ciò che si trova alla loro portata, provocando intensi lampi di luce, fino a quando tutto ciò che attraversa l’orizzonte degli eventi scompare per sempre.

Recentemente, gli astronomi che hanno utilizzato il telescopio spaziale Hubble della NASA hanno catturato in dettaglio il momento in cui un buco nero ha inghiottito una stella sfortunata, situata a 300 milioni di anni luce di distanza nel cuore della galassia ESO 583-G004. Gli ultimi istanti di vita di una stella che si è avvicinata troppo ed è stata attratta dalla potente attrazione gravitazionale di un buco nero.

Contrariamente alla credenza popolare, i wormhole non funzionano come aspirapolvere che risucchiano tutto ciò che incontrano, ma mangiano semplicemente ciò che possono attrarre; Cioè, i buchi neri ingoieranno solo oggetti che si avvicinano abbastanza perché la loro forza gravitazionale alla fine li separi violentemente. Quando la materia viene trascinata in un buco nero, non tutta finisce dietro l’orizzonte degli eventi (il confine che separa il buco nero dal resto dell’universo), ma gran parte di essa viene espulsa a piena velocità, rilasciando una grande quantità di radiazione che possono essere rilevati dagli osservatori.

L’evento di marea, formalmente designato AT2022dsb, descrive il violento scenario finale di una stella che viene trascinata sul fondo di un buco nero che a sua volta è noto come “onda di marea”. Gli astronomi chiamano i buchi neri “raccoglitori, non cacciatori”, così come i mangiatori caotici. È un comportamento più complicato di quanto sembri e Hubble viene utilizzato per saperne di più sull’intricato finale di una stella che viene fatta a pezzi mentre affonda bene nella gravità.

READ  WhatsApp: come fare in modo che i tuoi contatti non ti vedano "online" o "digitano"

Il leggendario Hubble ha una visione forte, ma non riesce ancora a immaginare da vicino il caos creato dall’evento di marea AT2022dsb, la stella in frantumi a quasi 300 milioni di anni luce di distanza. Tuttavia, utilizzando la sensibilità agli ultravioletti di Hubble, gli astronomi possono studiare la luce stellare frammentata, che include idrogeno, carbonio e altro.

Questa illustrazione mostra come un buco nero può divorare una stella deviata. 1) Una stella ordinaria passa vicino a un buco nero supermassiccio al centro della galassia. 2) I gas esterni della stella sono attratti dal campo gravitazionale del buco nero. 3) La stella viene disintegrata dalle forze di marea. 4) I detriti stellari vengono trascinati in un anello attorno al buco nero e finiscono per caderci dentro, rilasciando un’enorme quantità di luce e radiazioni ad alta energia. (Crediti: NASA, ESA, Leah Hustak (STScI)).

Non è la prima volta che un evento di questo tipo viene catturato, infatti, sono stati almeno un centinaio i rilevamenti di perturbazioni mareali attorno ai buchi neri utilizzando vari telescopi. “Tuttavia, ci sono ancora pochissimi eventi di marea osservati nell’UV dato il tempo di osservazione. Questo è davvero un peccato perché ci sono così tante informazioni che possono essere ottenute dagli spettri UV”. ha detto in un comunicato Emily Engelthaler del Centro di astrofisica | Harvard e Smithsonian (CfA) a Cambridge, Massachusetts.

“Siamo entusiasti di poter ottenere questi dettagli su cosa stanno facendo i detriti. Gli eventi di marea possono dirci molto su un buco nero”. I cambiamenti nelle condizioni della stella colpita si verificano nell’ordine di giorni o mesi.

Come spiegato dai collaboratori della NASAQuesto evento stellare, AT2022dsb, è stato ripreso per la prima volta il 1 marzo 2022 dall’Automated All-Sky Survey of Supernovae (ASAS-SN, o “Killer”), una rete di telescopi terrestri che scansiona il cielo extragalattico circa una volta all’anno Settimana alla ricerca degli eventi violenti, mutevoli e transitori che compongono il nostro universo. Poiché questa collisione energetica si è verificata così vicino alla Terra ed era abbastanza luminosa da consentire agli astronomi di eseguire la spettroscopia ultravioletta con Hubble, fortunatamente la luminosità era così intensa che il tracciamento è stato possibile molto più a lungo del previsto.

READ  Google ha annunciato che rimuoverà i contenuti di "bassa qualità" dai suoi risultati di ricerca

I risultati sono stati presentati al 241° meeting dell’American Astronomical Society.che si è tenuto a Seattle (Washington).

Condividi la scienza, condividi la conoscenza.