Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guzmán sta cercando il sostegno giapponese per l’accordo con il Paris Club

Tutti i creditori argentini nel Club di Parigi sono membri del Gruppo dei Sette. Cioè, i paesi più sviluppati del mondo. Come spiegato dall’agenzia, non è vero che non possono essere prese misure eccezionali, come non necessariamente un accordo con il Fondo monetario internazionale per firmare un accordo per rinegoziare il pagamento di 2,4 miliardi di dollari. Il problema dell’Argentina è che le decisioni devono essere prese all’unanimità; E se c’è una situazione che non è coerente con il modo in cui vengono applicate le misure di rilassamento, queste non possono avere effetto. Che, sì o sì, dobbiamo aggiungere il Giappone all’accordo.

È anche il secondo creditore del debito dell’Argentina con il club, rappresentando il 22,34% delle passività totali. Si tratta di fondi degli anni ’90 per finanziare le precedenti esportazioni giapponesi e stabilire fabbriche da quel paese in Argentina, che Axel Kisilov in seguito ha rinegoziato come ministro dell’economia come parte del debito globale del Club di Parigi nel 2014. Il primo creditore è la Germania al 37,37%, generare fondi in modo misto; Con crediti diretti a società private (anche a partire dagli anni ’90), si sono aggiunti alle vecchie linee dal governo tedesco all’Argentina dei decenni precedenti. Poi i Paesi Bassi appaiono nella lista con il 7,98% del debito. Questa è un’altra situazione complessa, dove c’è poca flessibilità, per motivi culturali, per i paesi che non effettuano i pagamenti. I Paesi Bassi (nome ufficiale) votano tradizionalmente contro il consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale per gli accordi proposti dall’Argentina.

Il quarto creditore del paese è la Spagna con il 6,68% del debito. Sono i ritardi nel credito introdotti dal governo di José María Aznar nel 2001, per aiutare a preservare la convertibilità e le rimesse dei profitti delle società spagnole situate nel paese. Questo credito ammontava a circa $ 1,1 miliardi. L’Argentina ha annunciato di essere inadempiente sui suoi debiti nel dicembre 2001, insieme al resto dei debiti esteri argentini, e durante la prima fase dell’amministrazione di Nestor Kirchner ci fu un tentativo di negoziarlo al di fuori del Club di Parigi, in condizioni migliori rispetto ad altri creditori. Pressioni dal resto dell’Unione Europea affinché gli obblighi si aggiungano alla richiesta generale del Club di Parigi. Seguono Italia (6,29%), Stati Uniti (6,28%), Svizzera (5,31%), Francia (3,62%), Canada (2,02%), Canada (2,02%) e 2% distribuito nel resto del il mondo.

READ  Il G7 spinge per riforme fiscali che costringeranno le multinazionali a pagare di più

Il precedente per il raggiungimento di un accordo flessibile con il Club di Parigi in tempi di Kirchneret non è favorevole. Durante il governo di Nestor Kirchner, si è tentato di negoziare con l’organizzazione e non con il Fondo monetario internazionale. Tuttavia, l’intenzione dell’Europa è stata interrotta e sono stati compiuti progressi nei negoziati, fatta salva la chiusura della LOI con il Fondo. Quindi Kirchner ha deciso, con un trattato con il Fondo monetario internazionale in mano, di lasciare la responsabilità al Club di Parigi all’ora stabilita. Solo nel 2014 la situazione si è stabilizzata, con l’accordo firmato da Axel Kisilov e violato da Mauricio Macri nel 2019.

Il Paris Club è composto da Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Corea del Sud, Paesi Bassi, Norvegia, Russia, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito, Stati Uniti e Stati Uniti come due paesi con potere decisionale. Quindi appare un altro gruppo di paesi perché prendono solo determinate decisioni, come Emirati Arabi Uniti, Argentina, Cina, Repubblica Ceca, India, Kuwait, Messico, Marocco, Nuova Zelanda, Portogallo, Sud Africa, Trinidad e Tobago e Turchia . .

Stranamente, è un’innovazione in Argentina. Era il 1956, quando il governo di Pedro Eugenio Aramboro richiese un incontro con i principali creditori del paese, per rinegoziare gli obblighi esterni del paese con 12 stati. L’incontro si è svolto a Parigi, e il meccanismo di discussione dei pagamenti su base neutra con la possibilità di fornire spiegazioni a tutti i creditori contemporaneamente, ha stabilito che altre posizioni simili a quelle argentine avrebbero utilizzato la stessa area. E così il Club di Parigi ha iniziato a funzionare. L’Argentina e le ipotesi sono i classici dell’agenzia. Ci sono state rinegoziazioni nel 1962, 1965, 1985, 1987, 1989, 1991, 1992 e 2001. Ciò che è stato rinegoziato è il default di Macri nel 2019 e il rinvio di Martin Guzman dall’anno scorso.

READ  La società chiede al Dipartimento del Tesoro un limite di 1.000 euro per gli acquisti in contanti Aziende