Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Berlusconi lascia i suoi figli maggiori come guardiani del suo impero  Economia

Berlusconi lascia i suoi figli maggiori come guardiani del suo impero Economia

Silvio Berlusconi, tre volte primo ministro italiano e uno degli uomini più ricchi del Paese, morto il 12 maggio all'età di 86 anni, aveva deciso prima di morire che nessuno dei suoi eredi da solo sarebbe stato in grado di controllare la sua eredità, né quella economica. né politico. L'imprenditore ha diviso il suo patrimonio tra la famiglia e la fidanzata e vecchio amico Marcello Dell'Utri: “Quanto ti ho amato e quanto tu mi hai amato”, si legge nel suo testamento olografo, datato all'inizio del 2022 e ora pubblicato in italiano. media. Il testamento è stato letto agli eredi mercoledì e pubblicato giovedì.

Secondo la distribuzione, i figli maggiori, Marina e Pier Silvio Berlusconi, possiedono insieme il 53% delle azioni di Fininvest, la holding di famiglia, che comprende tra l'altro la casa editrice Mondadori, il Monza e il Teatro Manzoni. Milano. Oppure l'ex Mediaset, ora chiamata MFE-Media For Europe. I fratelli, figli della prima moglie di Berlusconi, Carla Elvira Lucia Dall'Oglio, ricoprivano già posizioni chiave nella guida dell'azienda dell'imprenditore. Finora i due possedevano il 15% della Fininvest, che è presieduta da Marina e di cui fa parte nel consiglio di amministrazione Pierre Silvio, a sua volta amministratore delegato di MFE. I fratelli hanno sottolineato che ci sarà “piena continuità” negli affari e nella vita familiare.

Gli altri tre figli, Barbara, Eleonora e Luigi Berlusconi, nati dalla seconda moglie dell'imprenditore, Veronica Lario e che già possiedono il 21,4% della Fininvest, si spartiranno equamente la restante quota. Hanno ruoli più marginali nella rete aziendale di famiglia: Barbara e Luigi sono amministratori della Fininvest, mentre Eleonora non ha alcun ruolo.

La questione dell'eredità di Silvio Berlusconi era una questione rilevante perché tre delle sue società, MFE, Mondadori e Banca Mediolanum, erano quotate in borsa e il loro futuro dipendeva dalla distribuzione tra gli eredi. La Fininvest è sempre stata in mano alla famiglia, con Berlusconi che possedeva il 61% delle azioni totali, mentre il resto era diviso quasi equamente tra Marina, Pier Silvio, Barbara, Eleonora e Luigi.

READ  Armón inizia a costruire nove traghetti per Liberty Lines

Poiché Berlusconi non aveva marito – è stato sposato solo simbolicamente con la sua ultima compagna, Marta Fassina – la legge italiana prevede che se ci sono più figli, i due terzi del patrimonio devono rimanere in parti uguali nelle mani dei nipoti, mentre il resto ed il terzo potranno essere ereditati per chi vorrai. Berlusconi ha deciso che questo terzo andasse equamente ai figli maggiori.

Era una decisione attesa. L'imprenditore era consapevole che l'equilibrio in famiglia era fondamentale, perché in passato esistevano alcune differenze nella visione strategica degli affari tra i fratelli minori, che partecipavano meno alla vita economica, e i maggiori, che ricoprivano sempre ruoli di leadership. .

Controversie familiari

I fratelli hanno dei disaccordi da risolvere in alcune delle loro aziende. Nel caso di MFE, di cui Fininvest possiede circa il 50%, c'è una questione aperta con Vivendi, il gruppo francese di telecomunicazioni che possiede circa il 24% di MFE, nonostante si sia impegnata in un vecchio accordo a uscire dal capitale della società. . Ex Mediaset, ora MFE. Gli analisti ritengono che i partner francesi stiano cercando di negoziare una sorta di revisione che permetta loro di restare nella capitale o addirittura di aumentare il loro coinvolgimento.

Berlusconi ha lasciato anche 100 milioni di euro al fratello Paolo e altri 100 milioni alla compagna, la deputata Marta Fassina (33 anni), la persona a lui più vicina nei suoi ultimi giorni. La Calabria, legata dal 2018 a Forza Italia, il partito dell'ex premier, è riuscita recentemente a imporre la sua linea politica al partito, anche se non vi è stata praticamente alcuna dichiarazione pubblica al riguardo.

READ  L'economia cinese spiega il 50% della crescita globale

Il testamento prevede inoltre che 30 milioni vadano a Marcello Dell'Utri, per molti anni braccio destro di Berlusconi, amministratore delle sue società e uno dei fondatori di Forza Italia. Nel 2014 è stato condannato a sette anni di carcere, quattro dei quali trascorsi dietro le sbarre e uno agli arresti domiciliari, con l'accusa di associazione mafiosa dopo essere stato riconosciuto intermediario della mafia siciliana Cosa Nostra. Tra le altre cose, è stato accusato di aver nominato stalliere nel palazzo di Berlusconi un killer del clan per garantire la sicurezza della famiglia e garantire che i sondaggi d'opinione in Sicilia fossero a favore dell'uomo d'affari. Dell'Ultri si è dichiarato “stupito” dall'eredità. “Non me lo aspettavo perché il mio amico Silvio non mi doveva nulla. Gli ho dato tutto, la mia vita, tutto. E in cambio ho ottenuto da lui affetto. Sono sorpreso e commosso”, ha detto in dichiarazioni al giornale. Il Corriere della Sera. Il suo arresto mentre era in fuga in Libano ha segnato la caduta di un regime corrotto, basato sul potere politico e commerciale che si alimentavano a vicenda in un circolo vizioso.

Silvio Berlusconi ha formato un impero del valore di oltre 6 miliardi di euro tra aziende e beni immobili di vario genere, tra cui quadri, ville, barche, gioielli o elicotteri, di cui non si conosce ancora la distribuzione. Negli anni '90 è passato dal mondo degli affari alla politica e da allora è rimasto, in un modo o nell'altro, nella vita politica e sociale del paese. Forza Italia fa attualmente parte della coalizione di governo guidata dall’estrema destra Giorgia Meloni.

Dopo la sua morte, il futuro della sua entità politica, che gode del sostegno di uno spettro di elettori liberali di centrodestra, rimane in aria. El Cavaliere ha sempre resistito a nominare un successore capace di espandere il suo progetto e separarlo dal marchio Berlusconi. Pier Silvio Berlusconi ha fatto sapere che non intende seguire la strada del padre. Ha sottolineato: “No assolutamente, non mi intrometterò nella politica”.

READ  Draghi e Berlusconi sono tra quelli propagandati come il prossimo presidente dell'Italia

Segui tutte le informazioni Economia E un lavoro In Facebook E Twittero nel nostro Newsletter settimanale

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email