Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra di Russia e Ucraina.  La Cina ricalcola: Xi calibra il supporto a Putin nell’offensiva militare

Guerra di Russia e Ucraina. La Cina ricalcola: Xi calibra il supporto a Putin nell’offensiva militare

NEW YORK – Il leader cinese Xi Jinping ha esortato venerdì il presidente russo Vladimir Putin a negoziare con l’Ucraina. un Un segnale che indica una nuova “equivalenza” per il riavvicinamento di Pechino a Mosca.

Il governo di Pechino ha lottato per modificare la sua posizione sulla situazione in Ucraina da quando Xi ha firmato una straordinaria dichiarazione di solidarietà con Putin all’inizio di questo mese, una decisione che ha influenzato l’establishment diplomatico cinese, insistendo sul fatto che Putin non aveva intenzione di entrare in guerra.

Secondo la stampa cinese, Xi ha telefonato a Putin per dirgli che “la Cina sostiene Russia e Ucraina nella risoluzione delle loro controversie attraverso negoziati”, pur mantenendo sempre il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite. Putin da parte sua risponderebbe che “sulla base dei segnali ricevuti di recente da Kiev”, la Russia è pronta a dialogare con l’Ucraina, secondo il Cremlino.

Ieri la Cina si è astenuta dal votare su una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite redatta dagli Stati Uniti che chiedeva l’immediata cessazione delle ostilità.

Per settimane, il governo di Pechino ha respinto i ripetuti avvertimenti degli Stati Uniti e dei loro alleati europei di un imminente attacco russo, incolpando Washington di aver suscitato lo spettro di un’invasione.

Il presidente cinese Xi Jinping assiste all’apertura delle Olimpiadi invernali a Pechino il 4 febbraio 2022 (AP Photo/Jae C. Hong)

Ma la Cina ha dovuto ricalcolare, concludendo che una posizione del genere potrebbe minare seriamente la posizione di leader mondiale e paladino dei paesi in via di sviluppo che da anni cerca di cementare.

READ  La NATO ha avvertito che la situazione sul campo di battaglia ucraino è più difficile del previsto

Fino a questa settimana, quando c’erano chiari segnali di un’invasione in corso, il noto e ben collegato studioso di politica estera cinese ha tenuto un discorso a un gruppo di investitori e analisti interessati, definendo il suo messaggio una guerra che non accadrà mai .

“Ci sono pochissime possibilità che la Russia intraprenda una guerra unilaterale con l’Ucraina”, ha affermato Shen Yi, professore di relazioni internazionali all’Università Fudan di Shanghai e consulente del governo cinese, in una teleconferenza organizzata da una società di investimento. . da quell’incontro.

Meno di 48 ore dopo, Putin ha lanciato un attacco a tutto campo contro l’Ucraina.

La strategia multilaterale della Cina negli ultimi anni, che mira a portare più paesi nell’orbita della sua influenza economica, include il finanziamento di progetti sia in Russia che in Ucraina nell’ambito della Nuova Via della Seta.

Gesti

Pechino ha anche rafforzato la sua cooperazione con organizzazioni internazionali come l’Organizzazione mondiale del commercio e le Nazioni Unite, donando vaccini contro il Covid-19 ai paesi dell’Africa e del sud-est asiatico per posizionarsi come una superpotenza globale.

Ma inclinandosi verso la Russia durante la crisi ucraina, la Cina si è mostrata garante di un Paese ormai universalmente condannato.

La Cina si trova in una situazione diplomatica molto difficile da quando il primo carro armato russo ha attraversato il confine ucraino. Da un lato, dovrebbe rispettare la sua alleanza con la Russia – che “non ha limiti”, hanno affermato entrambe le parti poche settimane fa – ma senza rinunciare al suo impegno per il principio di “non interferenza” negli affari di politica estera, che la costringerebbe a condannare categoricamente l’attacco della Russia.

READ  Un giovane che stava baciando la sua ragazza sul marciapiede è morto dopo essere stato investito da un guidatore ubriaco

A questa cifra equilibrata si aggiunge la volontà di Pechino di non inimicarsi completamente gli Stati Uniti e l’Europa.

“È troppo ristretto, perché in parole e fatti devono bilanciare questi obiettivi in ​​definitiva inconciliabili”, afferma Evan Feigenbaum, vicepresidente per la ricerca presso il Carnegie Endowment for International Peace con sede a Washington.

Pechino non ha descritto pubblicamente l’attacco della Russia all’Ucraina come un’invasione.

L’orientamento di politica estera incentrato sugli Stati Uniti che Xi ha stabilito dieci anni fa è stato ora sostituito da uno incentrato sul confronto con gli Stati Uniti e l’altro sta trovando slancio perché è un’agenda condivisa con Putin.

Ciò che Putin è riuscito a ottenere da quella relazione è almeno l’apparenza di avere un potente alleato in Cina.

Per la Cina, finora, i vantaggi sono più ambigui. Il leader russo, soprannominato da molti in Cina “il Grande Putin”, ha aiutato la Cina a salvare la faccia all’apertura delle Olimpiadi invernali di Pechino.

Con le grandi potenze occidentali che si organizzavano per boicottare i Giochi, Putin era l’unico ospite importante che Xi potesse vantare.

I leader hanno quindi rilasciato una straordinaria dichiarazione congiunta che ha portato le relazioni sino-russe al punto più vicino dai primi anni della Guerra Fredda. La dichiarazione presentava un fronte unito contro l’Occidente guidato dagli Stati Uniti e non menzionava l’Ucraina. Dopo che Putin se ne è andato, i massimi leader cinesi si sono rinchiusi per giorni cercando di creare una risposta alla crisi della birra con l’Ucraina.

E negli ultimi giorni, la reazione di Pechino è oscillata tra un’opposizione più esplicita all’invasione e un sostegno morale alle rivendicazioni di sicurezza di Mosca, mentre continua a incolpare gli Stati Uniti ei loro alleati per aver esagerato la minaccia rappresentata dalla Russia.

READ  Come sarebbe un “muro di droni” schierato dai paesi della NATO che condividono i confini con la Russia?

Lingling Wei

Il giornale di Wall Street