Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La violenza e la repressione del regime di Daniel Ortega aumentano prima delle elezioni di novembre in Nicaragua

Il presidente del Nicaragua, Daniel Ortega, con il vicepresidente, Rosario Murillo (EFE/Jorge Torres)

Il numero totale di casi di violenza nel contesto delle elezioni generali del prossimo novembre in Nicaragua è stato di 279 casi in un mese e mezzo.Tra il 1° aprile e il 15 maggio, lunedì ha denunciato il gruppo indipendente Urnas Abiertas.

Uno degli atti di violenza più importanti legati al processo elettorale è l’Osservatorio cittadino Ha registrato 178 casi di molestie, 36 aggressioni, 27 arresti, 15 minacce, 14 arresti, 6 feriti e 3 procedimenti giudiziari.

Almeno 267 persone sono state identificate come “vittime identificate” di violenze dirette per lo più dalla polizia nazionale (85,51% dei casi) o gruppi sandinisti “contro organizzazioni, media o partiti politici”Secondo l’assemblea.

I casi di violenza segnalati nel rapporto Open Jars si aggiungono ai 323 casi registrati tra lo scorso ottobre e marzoما . 602 Violenze avvenute nel contesto delle elezioni previste per il 7 novembreIl presidente Daniel Ortega cerca di rimanere al potere per altri cinque anni.

Secondo il gruppo di osservatori, negli ultimi due mesi L’ambiente elettorale in Nicaragua è stato caratterizzato da “molestie nei confronti dei leader delle organizzazioni politiche”, “accesso parziale al diritto di riunione” e “uso delle risorse pubbliche nella campagna elettorale delle primarie da parte del partito di governo”.

Il rapporto ha evidenziato l’abolizione della personalità giuridica del Partito Riformatore Democratico (PRD) e del Partito Conservatore (PC), il primo con il sostegno di uno dei principali blocchi di opposizione noto come Coalizione Nazionale.

Evidenziato anche La Procura della Repubblica incriminata per riciclaggio di denaro, beni e patrimoni contro la direttrice della sciolta Fondazione Violetta Barrios de Chamorro, Christiana Chamorro Barrios, che, secondo il sondaggio di Gallup, è il candidato presidenziale dell’opposizione che più probabilmente batterà Ortega alle elezioni.

Christiana Chamorro, la principale candidata dell'opposizione, ha denunciato che il regime di Daniel Ortega sta cercando di impedirle di candidarsi alle elezioni (EFE/Jorge Torres)
Christiana Chamorro, la principale candidata dell’opposizione, ha denunciato che il regime di Daniel Ortega sta cercando di impedirle di candidarsi alle elezioni (EFE/Jorge Torres)

Così come le azioni del regime sandinista contro la stampa locale, in cui ha messo in luce il secondo raid contro un gruppo mediatico guidato dal giornalista Carlos Fernando Chamorro, vincitore del Premio Ortega y Gasset 2021, e fratello di Christiana.

READ  Ucraina: perché non c'è guerra tra USA e Russia | Opinione

L’atmosfera in Nicaragua è già tesa dall’aprile 2018, quando è scoppiata una rivolta popolare a causa di controverse riforme della sicurezza sociale, diventata poi una richiesta di dimissioni del presidente Ortega, che ha risposto con una brutale repressione da parte delle truppe. Forze di sicurezza sandinisti e gruppi paramilitari contro la società civile.

Le proteste sono state descritte dall’autorità esecutiva come un “tentato colpo di stato”. Hanno lasciato almeno 328 morti, secondo la Commissione interamericana sui diritti umani (IACHR), sebbene Le agenzie locali portano il numero a 684. Il sistema riconosce solo 200.

Nelle elezioni di novembre, Ortega, che ha governato tra il 1979 e il 1990, cerca di estendere di cinque anni il potere riconquistato nel 2007.

Tuttavia, sia l’opposizione che gran parte della comunità internazionale avvertono già che il processo elettorale non garantirà alcun tipo di trasparenza. L’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, guidato dall’Alto Commissario Michelle BacheletVenerdì scorso, l’ho avvisato Preoccupato che le possibilità di tenere elezioni presidenziali libere ed eque stiano diminuendo Alle azioni intraprese dalle autorità contro candidati e giornalisti indipendenti.

Questo organismo, che ha sede a Ginevra, ha ricevuto lo scorso febbraio dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite (organismo intergovernativo) il compito di preparare un dossier guarda attentamente Da tutti gli aspetti dei diritti umani nel contesto della campagna elettorale in Nicaragua.

Le forze di sicurezza nicaraguensi reprimono e perseguitano l'opposizione su ordine di Daniel Ortega (Reuters/Carlos Herrera)
Le forze di sicurezza nicaraguensi reprimono e perseguitano l’opposizione su ordine di Daniel Ortega (Reuters/Carlos Herrera)

Abbiamo notato una situazione preoccupante nelle ultime settimane‘”, ha dichiarato una portavoce dell’Ufficio per i diritti umani, in un’apparizione davanti alla stampa, Marta Hurtado, che aveva precedentemente firmato una dichiarazione in merito.

READ  Netanyahu ha rifiutato una richiesta di "de-escalation" ...

Ha fatto riferimento, per esempio, a L’Assemblea nazionale, controllata dal partito al governo, approva la riforma elettorale الإصلاح Mette da parte le richieste dell’opposizione, della società civile e della comunità internazionale, perché rifiuta di includere garanzie di neutralità da parte delle entità elettorali.

È stato riferito che questa riforma contiene anche Restrizioni alla libertà di espressione, riunione e partecipazione politica, S Ha permesso lo scioglimento di due partiti politici Per il fatto che non è coerente con gli standard internazionali.

Quando si esamina la legge, Gli esperti delle Nazioni Unite hanno scoperto che il modo in cui è stata strutturata la riforma elettorale consente di utilizzarla per “tacere il dissenso”..

Tra i fatti che interessano di più l’ufficio di Bachelet Aperta un’indagine penale contro la candidata presidenziale Cristina Chamorro Barrios, accusato di riciclaggio di denaro.

L'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha espresso preoccupazione per il processo elettorale in Nicaragua (EFE/Martial Trezzini)
L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha espresso preoccupazione per il processo elettorale in Nicaragua (EFE/Martial Trezzini)

La giornalista 67enne ha considerato il caso contro di lei una “grande bufala” e ha denunciato il congelamento dei suoi conti bancari e la revoca del suo segreto bancario. “La vedo anche come una vendetta per l’eredità di mia madre, Violetta Chamorro, che abbiamo raccolto nell’istituzione che porta il suo nome. In questo modo terribile, vendica la sconfitta (nel 1990) che sembra incapace di superare. Ortega è un dittatore che sa di avere il rifiuto della maggioranza del popolo, ma non lo accetta perché il suo piano è di continuare a malgovernare il Paese finché le sue forze non glielo permetteranno”.Ha commentato in un’intervista con l’agenzia Agenzia di stampa Francia.

READ  La pillola COVID-19 di Merck approvata dall'UE e valutata da Pfizer

Il candidato presidenziale ha il 13,3% del sostegno dei cittadini, secondo un sondaggio Cid Gallup di gennaio, e si distingue come avversario di Ortega, al potere dal 2007 e che, secondo i suoi avversari, proverà per il quarto consecutivo termine. Le persone mi hanno messo al primo posto nella loro lista dei preferiti elettorali. Ecco perché il dittatore ha ordinato di incriminarmi, questa è vendetta sul popolo”.ha detto il giornalista nicaraguense.

Con informazioni da EFE e AFP

Continuare a leggere: